Xiaomi Redmi S2 è il primo smartphone economico di Xiaomi commercializzato nel 2018, uno smartphone adatto ad un pubblico giovane in grado di scattare buone foto ed ottimi selfie e di comportarsi molto bene nell’utilizzo quotidiano. Nel corso delle ultime settimane ci siamo abituati a vedere recensioni di smartphone Xiaomi di fascia media, come Xiaomi Mi A2, e alta, penso in particolare a Xiaomi Mi 8 e Xiaomi Mi Mix 2S, ma oggi ci occupiamo di uno smartphone di fascia entry level, un device economico venduto a circa 150 euro. Scopriamo tutti i segreti di questo Xiaomi entry level nella recensione di Xiaomi Redmi S2.

Videorecensione Xiaomi Redmi S2

Confezione, contenuto ed unboxing

Recensione Xiaomi Redmi S2 contenuto confezione

La scatola arancione di Redmi S2 nasconde un contenuto minimal, come ci siamo abituati a vedere con gli altri prodotti di Xiaomi, che comprende una cavo microUSB-USB, un caricabatterie da 5V 2A,una utile cover trasparente e la classica manualistica. L’unboxing è quindi un’esperienza rapida e non regala particolari sorprese.

Design, costruzione ed ergonomia

Recensione Xiaomi Redmi S2 retro

Xiaomi Redmi S2 non ha grandi spunti di design e si allinea con lo stile degli altri device del produttore cinese. Il design di Xiaomi Redmi S2 risulta piacevole e la qualità costruttiva è buona. Ci si ritrova fra le mani uno smartphone curato e ben realizzato con angoli arrotondati comodi ed ergonomici. La costruzione è realizzata interamente in plastica, come naturale attendersi da uno smartphone di fascia bassa, ma dona un buon senso di solidità. Sul retro trovano posto le antenne che scorrono come sottili linee scure lungo la cover, la volontà di mettere in vista i profili delle antenne è stata sicuramente una scelta di stile, vista la costruzione in plastica potevano essere nascoste senza problemi sotto la scocca. Sul retro trovano posto anche la doppia fotocamera a semaforo, leggermente sporgente, ed un preciso e veloce sensore per le impronte digitali che risulta ben posizionato e facile da trovare.

Le dimensioni complessive non lo rendono un device facile da usare con una sola mano ma nel complesso l’ergonomia è buona e lo smartphone si fa impugnare bene e non risulta scivoloso.

Hardware e connettività

Recensione Xiaomi Redmi S2 microusb e speaker

Xiaomi Redmi S2 vanta un prezzo da entry level ma l’hardware potrebbe tranquillamente essere utilizzato da uno smartphone di fascia superiore. Sotto la scocca in plastica trova posto un processore Snapdragon 625 octa core da 2 GHz affiancato da una GPU Adreno 506 e da 3 GB di RAM. La memoria interna è da 32 GB ed è espandibile tramite l’utilizzo di una memoria microSD. L’espansione della memoria tramite microSD va a sfruttare uno degli alloggiamenti del Dual SIM, dovrai quindi scegliere 1 SIM + memoria oppure 2 SIM. L’hardware è quindi buono ed in grado di fornire una potenza di calcolo sufficiente per avere un sistema fluido e reattivo e buone prestazioni generali con tutte le applicazioni. Sul lato frontale trova posto un LED di notifica ed un flash LED mentre sul retro, in ottima posizione, è  allocato il sensore per le impronte digitali, che abbiamo trovato molto preciso e veloce. La ricarica avviene tramite la porta microUSB posizionata nel lato basso del device a fianco al doppio speaker di discreta qualità. La scelta della microUSB è giustificata vista la fascia di prezzo di questo smartphone.

Buono anche il comparto connettività grazie alla presenza della connessione LTE fino a 300 Mbps, Wi-Fi b/g/n monobanda ed il Bluetooth 4.2. Non pervenuto il chip per l’NFC.

Display

Recensione Xiaomi Redmi S2 display

Redmi S2 monta un grande schermo da 6 pollici con risoluzione HD+, 720 x 1440 pixel, basato su tecnologia IPS. Lo schermo ha una risoluzione sufficiente per la sua diagonale e ha una buona luminosità ed un’ottima leggibilità sotto la luce del sole. La calibrazione dei colori è leggermente slavata ma le tonalità risulta generalmente buone. Lo schermo è quindi sufficiente per l’utilizzo di base dello smartphone ma non da il meglio di se nella fruizione dei contenuti multimediali.

Software

Redmi S2 è nato con MIUI 9 ma ha fatto il salto di qualità con il passaggio alla MIUI 10. La nuova versione del sistema operativo, la stessa che abbiamo visto nella recensione di Xiaomi Mi 8, segna un netto passo in avanti rispetto alla versione. La MIUI 10 ha portato con se una ventata di novità ed ha migliorato l’intera grafica del sistema rendendolo sempre piacevole e bello in ogni suo dettaglio. Schermate, pagine, impostazioni e funzioni del sistema sono state profondamente riviste ed il sistema basato su Android è stato reso ancor più simile ad iOS. La nuova gestione delle notifiche, finalmente raggruppate e complete, il nuovo multi tasking, le gesture e le app di sistema sono migliorate ulteriormente e rendono il software di questo Redmi S2 pratico e comodo da utilizzare, oltre ad essere bello, fluido e veloce. Da segnalare che nella versione global, come quella da noi testata, il sistema operativo è in italiano e sono presenti le Google Apps ed il Play Store. Durante le sessioni di gaming e di utilizzo intenso le prestazioni non sono brillanti ed abbiamo riscontrato qualche scatto o rallentamento.

Fotocamera

Xiaomi Redmi S2 è dotato di una doppia fotocamera posteriore nella media ed in grado di scattare buone foto. Sul retro del device trova posto la doppia fotocamera con disposizione a semaforo che integra un’ottica principale da 12 megapixel con apertura focale f/2.2 e un secondo sensore da 5 megapixel, la prima lente viene utilizzare come ottica principale mentre la seconda è sfruttata per la rilevazione della profondità e per l’effetto sfocatura. Gli scatti ottenuti con buona luce sono molto buoni ed hanno un soddisfacente livello di dettaglio, con il calare della luce cala anche la qualità delle foto, che rimangono comunque sufficienti, ed aumenta il rumore. Da segnalare la messa a fuoco non velocissima.

La fotocamera  frontale è uno dei punti di forza di questo selfie phone grazie all’ottica da 16 megapixel ed al flash LED frontale. Anche con la fotocamera anteriore è possibile utilizzare l’HDR ed il tanto amato effetto bokeh al fine di avere un buon selfie phone.

I video girati con entrambe le fotocamere hanno risoluzione Full HD, la posteriore ha anche la stabilizzazione elettronica, ed hanno una qualità discreta con colori leggermente scuri.

Il software mette a disposizione funzioni di base integrate dalla presenza dell’AI che aiuta a migliorare gli scatti grazie al deep learning ed al miglioramento automatico di colori, contrasto ed esposizione.

Batteria ed autonomia

Redmi S2 monta una batteria da 3080 mAh che permette di arrivare a fine serata con un 30% di batteria residua anche con utilizzo intenso. Gli ottimi risultati in termini di autonomia sono permessi dall’hardware e dal display poco dispendiosi in termini energetici e da una buona ottimizzazione del software.

Prezzo

Xiaomi Redmi S2 è in vendita in Italia su svariati ecommerce ed è possibile acquistarlo ad un prezzo attorno ai 150 euro. In questa fascia di prezzo si trovano prodotti validi ma posso confermare che Redmi S2 ha un buon rapporto qualità prezzo e con MIUI 10 è avanti rispetto ai concorrenti a livello software. Probabilmente il miglior prezzo attuale è offerto da Amazon:

Conclusioni e giudizio finale su Xiaomi Redmi S2

Recensione Xiaomi Redmi S2

Xiaomi Redmi S2 è uno smartphone di fascia bassa ma con un gran carattere: si presenta con un bel design, un grande schermo, una buona fotocamera ed un ottimo software, però le prestazioni sono leggermente sottotono in fase di utilizzo intenso e si poteva fare meglio sul Wi-Fi monobanda. Nel complesso Redmi S2 è uno smartphone completo e venduto ad un prezzo davvero molto interessante, se vi piace la MIUI e volete uno smartphone economico in grado dir realizzare ottimi selfie avete trovato il vostro device di fascia bassa.

Galleria fotografica

GIUDIZIO FINALE
Confezione
7
Design e costruzione
8
Hardware
8
Display
7
Software
9
Fotocamera
7
Batteria
8,5
SHARE
Articolo precedente5 migliori tablet da 7 pollici del 2018
Articolo successivoCome e perché nascondere il tuo indirizzo IP