AndroidRecensioniWearable

Recensione Amazfit GTR: lo smartwatch con la migliore batteria

Scopriamo assieme tutti i segreti, i dettagli costruttivi e software del nuovo smartwatch Amazfit GTR da 47 mm nella nostra recensione completa!

Migliori cinturini per Amazfit GTR

Migliori cinturini per Amazfit GTR

Nel corso degli ultimi anni mi sono innamorato dei device Xiaomi e dei suoi device wearable. Negli ultimi tempi ho provato Amazifit Bip, lo Stratos e mi sono passate per le mani praticamente tutte le Mi Band. Ho quindi deciso di acquistare anche Amazfit GTR nella versione da 47 millimetri attirato dal design classico ed elegante e dallo schermo di grandi dimensioni. Vi spiego nella mia recensione perché non sono rimasto pienamente soddisfatto di questo smartwatch.

Perché ho acquistato Amazfit GTR

Ho utilizzato, per qualche mese ormai, Mi Band 4 con soddisfazione e stavo cercando un nuovo smartwatch in grado di accompagnarmi nel corso delle mie giornate fra ufficio e sport. Le richieste erano poche ma non facili da soddisfare: buona batteria, design simile ad un orologio classico, schermo più grande di quello di Mi Band, tracking dello sport e buona gestione delle notifiche. Ho scelto il GTR perché mi sembrava la scelta ideale visto le sue linee classiche ed il prezzo interessante di 139 euro.

Confezione

recensione amazfit gtr - confezione

La confezione di Amazfit GTR

La scatola del GTR non si presenta con particolari novità: classica confezione bianca con forma quadrata e contenuto ridotto al minimo indispensabile. All’interno della confezione sono inseriti lo smartwatch, la base di ricarica magnetica ed un piccolo manuale di istruzioni.

Design, costruzione ed ergonomia

Il cinturino in pelle e silicone di Amazfit GTR

Il cinturino in pelle e silicone di Amazfit GTR

Nel corso della vita di Huami, Amazfit e Xiaomi abbiamo sempre visto arrivare sul mercato wearable economici e mai troppi raffinati nella scelta dei materiali ed in termini di design. Con GTR siamo arrivati ad una svolta ed abbiamo finalmente fra le mani uno smartwatch con uno stile curato e realizzato in metallo e ceramica. Lo stile è classico con quadrante rotondo e due pulsanti laterali che vengono sfruttati per la navigazione ed alcune funzionalità. La cassa è in linea con quelle di altre smartwatch in termini di dimensioni ed è ottimamente realizzata con resistente metallo per il guscio e da una raffinata ceramica, non troppo resistente ai graffi, per la corona. Il cinturino è composto di due materiali: simil pelle per la parte esterna, con un aspetto piacevole ed elegante ed un buon feeling al tatto, silicone per la parte interna, in modo da risultare più comodo e morbido da indossare anche durante lo sport. Lo smartwatch è certificato IP68 e resiste a polvere ed acqua fino a 5 ATM, potete quindi usarlo in doccia ed in piscina senza problemi.

L’orologio, nella sua versione da 47 mm, risulta comodo e non troppo pesante da portare anche per chi ha un polso di piccole dimensioni. Visti i colori e lo stile risulterà sicuramente più adatto ad un pubblico maschile, meno ad una utenza femminile anche a causa delle dimensioni.

Hardware

I due pulsanti fisici laterali di Amazfit GTR

I due pulsanti fisici laterali di Amazfit GTR

La scheda tecnica di Amazfit GTR non ha moltissimo da offrire. Oltre a tutti i sensori del caso, Amazfit GTR monta un sensore Bluetooth 5.0 che consente una buona connessione fino a 20 metri e l’accoppiata GPS e Glonass per il posizionamento ed il tracking dell’attività fisica. Nella parte superiore è presente anche un sensore per il rilevamento della luminosità. Mancano all’appello il chip NFC per i pagamenti e la connessione WiFi. Presente invece il motore per la vibrazione.

Nella parte interna del dispositivo sono presenti i due pin per la ricarica ed il sensore per il battito cardiaco, denominato BioTracker, che risulta molto preciso ed è affiancato da un sensore per la pressione atmosferica e da un accelerometro a 6 assi.

Purtroppo mancano lo speaker ed il microfono, assenze gravi che riducono notevolmente le potenzialità di questo smartwatch.

Display

recensione amazfit gtr - display

Il nuovo display circolare a colori di Amazfit GTR

Lo schermo di Amazfit GTR è una evoluzione di quello utilizzato sul Verge. Il display misura 1,39 pollici ed è basato sulla tecnologia Amoled. La risoluzione non è nota ma lo schermo risulta ottimamente definito e non risultano mai visibili i pixel. Lo schermo è molto luminoso e vanta una buona leggibilità sotto il sole, anche grazie al preciso funzionamento della luminosità automatica. Nonostante l’utilizzo di un pannello Amoled Amazfit ha deciso di non utilizzare la tecnologia always-on e non è quindi possibile leggere sempre l’ora sul display, una mancanza piuttosto grave che peggiora l’esperienza d’uso e che forza l’accensione del display ogni volta in cui si ha la necessità di leggere l’ora.

Molto buona la gestione delle watch faces che possono essere facilmente cambiate tramite l’app Mi Fit, o Amazfit, e tramite app di terze parte. L’app ufficiale propone un buon numero di watch faces in grado di adattarsi a gusti ed utilizzi differenti.

Software

Il comparto software è quello che mi ha più deluso. Vengo da un anno abbondante di Amazfit Bip e mi aspettavo una consistente evoluzione per la parte smart e la gestione delle notifiche, invece mi sono ritrovato fra le mani uno sistema proprietario migliorato ma non a sufficienza e non in grado di raggiungere i livello di quanto visto su Stratos e Verge, senza considerare i prodotti con Android Wear. L’interfaccia è facilmente navigabile grazie a swype e pulsanti fisici, si riesce a raggiungere ogni funzione in pochi tocchi e la UI risulta semplice da utilizzare e di immediata comprensione. Durante l’utilizzo giornaliero la sua semplicità viene esaltata regalando una ottima fruibilità delle varie funzioni. Dai vari menu è facile raggiungere i propri dati fisici odierni, i passi camminati, il battito cardiaco, le notifiche, la modalità non disturbare, far partire gli allenamenti e tutte le altre funzioni.

Funzionalità smart

Proprio nella parte smart e nella gestione sulla gestione delle notifiche estremamente semplificata ho incontrato la maggiore delusione del comparto software: l’assenza di microfono e speaker toglie ogni possibilità di utilizzare i comandi vocali ed il touch screen non da la possibilità di interagire con le notifiche, di fatto si possono solo leggere i messaggi e rifiutare o silenziare le chiamate. Manca anche il supporto alle emoji che toglie profondità e senso ad alcuni messaggi. Dall’orologio è possibile controllare e gestire la musica ma su di esso non possono essere caricate canzoni MP3. Sempre dal polso è possibile anche controllare il meteo ed utilizzare la sveglia, il cronometro e la bussola.

Funzionalità per sport ed allenamento

Amazfit GTR funziona decisamente meglio come sportwath grazie ad un buon tracking degli allenamenti. Il rilevamento dell’attività fisica viene effettuato in maniera precisa, anche all’aperto grazie al buon funzionamento di GPS e Glonass, e consente di tracciare 12 sport: corsa, camminata, tapis roulant, ciclismo, nuoto libero, nuoto in piscina, ellittica, alpinismo, corsa da pista, sci ed esercizi a corpo libero. Durante l’allenamento viene tenuta traccia completa di tutti i dati fisici, del battito cardiaco, fascia cardiaca e delle distanze percorse. Una volta terminato l’allenamento è possibile consultare statistiche e dati completi, mappe comprese, direttamente sullo smartphone. Purtroppo non è possibile interfacciare l’app con ulteriori sensori bluetooth.

App

L’app Amazfit, disponibile su Play Store ed App Store, permette di configurare al meglio il proprio smartwatch e di gestirne al meglio tutte le sfaccettature. Dall’app è possibile controllare tutti i propri dati giornalieri, gli allenamenti ed il sonno, oltre ad una grande serie di impostazioni come le ore durante le quali attivare la modalità notturna, la rotazione del polso per accendere lo schermo e altri dettagli. Sempre tramite app è possibile scegliere quale watchface utilizzare fra circa 40 quadranti, alcuni sono belli e curati, altri sono da rivedere.

Batteria

Impossibile non dare il massimo dei voti alla batteria da 410 mAh di Amazfit GTR. Se non si fa un uso intenso del GPS per gli allenamenti all’aria aperta l’autonomia massima di questo smartwatch raggiunge la durata record di circa 25 giorni. Con un utilizzo medio e qualche notifica attiva si superano comunque agilmente i 20 giorni di utilizzo, una autonomia da record per uno smartwatch! La ricarica viene effettuata tramite una basetta proprietaria e si completa in circa 2 ore.

Prezzo

Amazfit GTR ha un prezzo ufficiale di 149 euro. Il rapporto qualità prezzo è buono visto la qualità realizzativa e la batteria super. Potete acquistare questo smartwatch sul sito ufficiale di Xiaomi o più comodamente su Amazon.

Giudizio finale

Amazfit GTR segna un punto di svolta per quanto riguarda i wearable Xiaomi grazie ad un design classico ed elegante, una ottima qualità realizzativa ed ai materiali premium. Oltre al design troviamo una batteria da record che lo rende lo smartwatch con la migliore batteria del mercato, peccato per un software ancora un po’ acerbo e per una parte smart non completa.

Immagini di Amazfit GTR

Giudizio finale
Confezione
7 / 10
Design, costruzione ed ergonomia
9 / 10
Hardware
8.5 / 10
Display
8.5 / 10
Software
7 / 10
Batteria
10 / 10
La nostra opinione

Amazfit GTR segna un punto di svolta per quanto riguarda i wearable Xiaomi grazie ad un design classico ed elegante, una ottima qualità realizzativa ed ai materiali premium. Oltre al design troviamo una batteria da record che lo rende lo smartwatch con la migliore batteria del mercato, peccato per un software ancora un po’ acerbo e per una parte smart non completa.

8.3 ★★★★☆
Bio autore

L'account della Redazione e degli Editori di OutOfBit.
Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Samsung Galaxy S10, il nuovo aggiornamento porta delle funzionalità di Note 10

AndroidNewsSmartphone

Honor V30, la conferma del brand: lancio ufficiale il 26 novembre

AndroidNewsSmartphone

Huawei P30 e P30 Pro ricevono la versione stabile di EMUI 10 con Android 10

AndroidNews

Samsung Galaxy A50, il nuovo aggiornamento migliora le impronte (ma ci sono lamentele)