Uno dei problemi più comuni delle reti WiFi casalinghe o aziendali è la portata del segnale, risulta spesso necessario, se non indispensabile, trovare delle soluzioni adatte al fine di potenziare il segnale o di estenderne la portata. Mi sono avventurato nel vasto e complicato mondo dei WiFi range extender, ovvero degli accessori tecnologici che, una volta collegati alla presa di corrente, si prendono il compito di ripetere il segnale WiFi col fine di amplificarne la portata e la potenza. Dopo alcune ricerche ed un paio di test vi proponiamo la nostra guida su come potenziare ed estendere il segnale di una rete WiFi.

Come estendere e potenziare una connessione o rete WiFi

wifi logo

LEGGI ANCHE: Problemi col WiFi? Ecco le soluzioni

Mi capita spesso a casa di girare con il mio Macbook o con lo smartphone e di arrivare in zone dove il segnale del mio modem non arriva. Stanco della situazione, e di perdere la connessione, ho provato a contattare telefonicamente il mio operatore telefonico per cercare di capire se era possibile ottenere un modem / router nuovo e con maggiore potenza. La richiesta di copiosi euro per la sostituzione del modem che ho attualmente in dotazione mi ha prontamente fermato e da qui ho iniziato a valutare le differenti alternative. Visto anche l’impossibilità di utilizzare modem e router non specificatamente approvati dal mio operatore telefonico ho dovuto cercare una soluzione alternativa. Ho trovato la soluzione al mio problema di potenza e portata del segnale WiFi grazie ai WiFi Range Extender, di fatto si parla di piccoli gadget con dimensioni davvero compatte che devono essere semplicemente connessi alla corrente. Una volta alimentati andranno a ripetere il segnale della connessione wireless originale. Il risultato finale è un ampliamento della portata del segnale, sarà quindi possibile utilizzare la propria connessione in zone prima non coperte, ed un miglioramento della potenza della connessione.

Dopo un’oretta di giri fra vari blog specializzati nel settore ed e-commerce più o meno famosi mi sono recato dal mio sempre fidato Amazon dove la mia attenzione è ricaduta sul Netgear EX2700-100PES. Quest’ultimo è un range extender economico e le cui recensioni su Amazon mi hanno convinto pienamente all’acquisto, visto anche i pareri positivi di alcuni utenti nella mia stessa situazione e con in dotazione un modem identico al mio.

Come funzionano i ripetitori delle connessioni WiFi

devolo-WiFi-Repeater-scenario_devices-xl-3271

I ripetitori WiFi sono dispositivi hardware progettati col fine di ricevere un segnale Wi-Fi già esistente e di rilanciarlo. Questi accessori funzionano da “intermediari” tra il router e tutti gli altri dispositivi che non riuscirebbero ad ottenere la connessione a causa del segnale assente o eccessivamente debole. Sinonimi di ripetitore Wi-Fi sono range extender e repeater.

Dove posizionare il ripetitore del segnale WiFi

Uno dei problemi / punti principali è capire con una discreta precisione dove, in quale stanza o su quale parete in maniera dipendente anche dalla disponibilità di prese elettriche, posizionare il ripetitore della connessione WiFi. Attivarlo in una posizione troppo vicina al modem originale non avrebbe senso in quanto si andrebbe a dare una doppia copertura ad un’area già coperta, posizionare il tutto troppo lontano dal router renderebbe vano ogni tentativo visto che la potenza del segnale originale da ripetere potrebbe essere troppo scarsa. La soluzione ideale, come indicato dai vari produttori sui loro manuali utente, è quella di trovare un giusto compromesso fra distanza dal router originale e la zona da coprire. Personalmente l’ho posizionato in salotto, ovvero nella stanza a fianco a quella dove si trova fisicamente il modem del mio operatore. La mia soluzione ha dato un’ottima copertura e ora riesco a coprire alcune zone di casa (e dell’esterno) dove prima il segnale non arrivava assolutamente e sono riuscito a portare la connessione wireless in zone dove prima il segnale tentennava e dove spesso e volentieri perdevo la connessione.

Come montare ed impostare un ripetitore di connessioni wireless

wifi range extender

I moderni ripetitori funzionano in maniera davvero semplice e possono essere comodamente impostati utilizzando un PC od uno smartphone. I manuali di istruzioni contengono tutte i dettagli che vi serviranno per settare correttamente la connessione e le relative impostazioni. Nel mio caso con il ripetitore base di Netgear mi è bastato semplicemente collegare il tutto alla corrente ed attendere qualche secondo. Successivamente ho impugnato il mio smartphone, mi sono recato sulle connessioni WiFi ed ho scelto quella creata dal ripetitore, una volta selezionata ho seguito la procedura guidata tramite browser che mi ha fatto selezionare la rete che mi interessava ripetere, inserire la password, selezionare alcune impostazioni fra cui nome e password di accesso alla nuova rete. Nuova rete? Sì, i ripetitori del segnale WiFi più economici e da utilizzo casalingo non potenziano il segnale wireless originario, essi creano una nuova connessione andando a rielaborare totalmente la connessione originaria.

Quale Range Extender Wi-Fi scegliere

La scelta del Range Extender Wi-Fi mi ha messo leggermente in crisi, i prodotti dei brand più famosi sono davvero competitivi ed offrono prestazioni molto simili fra di loro. In ogni caso dovrete scegliere un prodotto in base ad alcune caratteristiche: la tipologia della connessione WiFi, l’eventuale presenza del Dual Band, porte LAN / Ethernet, funzioni di accesso point, porte USB, il tutto basandovi sulle vostre necessità.

Onestamente avevo un raggio abbastanza ampio da coprire, volevo portare la copertura della mia connessione Internet in cucina ed in terrazzo, luoghi dove prima la connessione non arrivava assolutamente. La mia scelta è ricaduta sul Netgear EX2700-100PES, un prodotto che viene venduto a soli 19 euro su Amazon ma che permette di incrementare notevolmente la copertura e che mi ha pienamente soddisfatto.

La scelta del kit per la ripetizione del segnale Wi-Fi dipende molto dalla superficie che dovrete andare a coprire. Se volete semplicemente ripetere con maggiore intensità il segnale potete scegliere un accessorio come quello consigliato poche righe sopra. Se la zona dove volete rilanciare la connessione non è coperta dal modem o router potrete affidarvi a sistemi che si basano sulla rete elettrica casalinga per la trasmissione del segnale. Abbiamo recentemente recensito uno di questi homeplug (qui la recensione del prodotto di casa Sitecom) che funzionano in maniera semplicemente geniale: vi basterà collegare una presa al modem di casa ed alla rete elettrica (direttamente sulla presa) per rilanciare comodamente il segnale in tutta la vostra abitazione tramite la rete elettrica stessa, sarà sufficiente collegare, in un altro punto di casa, il secondo ripetitore.

Differenze sostanziali fra i prodotti: bande, frequenze e tecnologie

La banda del Wi-Fi viene suddivisa, come accade per tutte le trasmissioni radio, in otto diversi sotto-canali. Ogni canale è da considerare come una banda di frequenze radio sulle quali viene trasmesso il segnale stesso del Wi-Fi. La gran parte dei dispositivi Wi-Fi, e conseguentemente dei range extender, utilizza la banda a 2,4 GHz. Device e modem di ultima generazione, grazie alla nuova tecnologia dual-band, sono in grado di utilizzare anche la banda da 5 GHz, affiancandola alla tradizionale 2,4 GHz.

L’attuale evoluzione e sviluppo degli standard delle connessioni Wi-Fi ha come scopo quello di andare ad aumentare progressivamente l’affidabilità delle connessioni, la velocità di trasmissione del segnale e il raggio di copertura. Al momento gli standard che trovano maggior diffusione sono: l’802.11g, l’802.11n e, il più recente, 802.11ac. Le differenze principali tra i vari standard riguardano la velocità a cui riescono a trasmettere e ricevere i dati.

Standard Wi-Fi Banda Velocità
802.11g 2,4 GHz Fino a 54 Mbps
802.11n 2,4 GHz e 5 GHz Fino a 300 Mbps
802.11ac 5GHz Oltre 1Gbps

Per sfruttare al meglio le nuove tecnologie è necessario che tutti i dispositivi siano con esse compatibili. Ad esempio risulterà inutile (o quasi del tutto salvo piccoli miglioramenti) acquistare un ripetitore con tecnologia 802.11ac quando il proprio modem, e relativo segnale da ripetere, funziona basandosi sullo standard 802.11g. Per un approfondimento fate un salto su Wikipedia.

Conclusioni ed ultimi consiglia su come ripetere un segnale Wi-Fi

estende e potenziare il segnale wifi range extender netgear

Potenziare ed estendere una rete Wi-Fi è relativamente semplice grazie ai moderni apparecchi per la ripetizione del segnale di cui vi ho parlato poco sopra. Le uniche cose a cui dovete prestare attenzione sono: tipologia di range extender, raggio e prezzo. Per quanto riguarda la tipologia si trovano differenti prodotti che variano fra loro in base ad alcune caratteristiche e tecnologie. Il raggio di copertura del segnale ripetuto è altrettanto importante, dalle specifiche dei vari prodotti sarete in grado di estrapolare le informazioni utili per capire se il range extender fa al caso vostro o meno. Il prezzo infine, si sa la qualità si paga.

Per utilizzi di base e richieste non esagerate relative al raggio in cui estendere la vostra connessione Wi-Fi mi sento tranquillamente di consigliarvi prodotti entry level come il Netgear EX2700-100PES, per chi fra di voi ha esigenze più complesse e particolari mi sento di consigliare il Netgear EX6150-100PES oppure il Netgear EX6200-100PES.