PCWindows

6 modi in cui potresti rovinare il tuo PC Windows

PC windows

Esistono molte impostazioni e processi di Windows essenziali per il buon funzionamento del sistema operativo. Disabilitare queste funzionalità potrebbe causare perdite di dati o l’interruzione del funzionamento del sistema operativo tanto da doverlo reinstallare. Se stai pensando di cancellare un particolare file, modificare le impostazioni del PC Windows o disabilitare alcuni processi che pensi stiano causando dei comportamenti anomali nel tuo computer ti consigliamo di leggere prima questo articolo.

Ecco alcune cose che non dovresti mai fare per evitare di compromettere il tuo PC Windows.

Modifica dell’Editor del Registro di Sistema

Quando tutti i mezzi tradizionali non riescono a risolvere i problemi con il sistema operativo Windows, la modifica dell’Editor del Registro spesso è la soluzione giusta. A volte è necessario modificare le chiavi del Registro di sistema di Windows per disabilitare una particolare impostazione, rendere il software più veloce o risolvere una difficoltà.

L’Editor del registro di Windows, sebbene possa aiutare a risolvere problemi seri, è una delle aree che dovrebbe essere evitata a tutti i costi a meno che non sia assolutamente necessario. Una modifica del registro, infatti, potrebbe rallentare le prestazioni del computer, compromettere la sicurezza, interrompere i driver, limitare l’accesso alle funzionalità utilizzate di frequente o persino richiedere la re-installazione del sistema operativo.

pc windows task manager

Microsoft fornisce agli utenti sul sito Web del supporto Microsoft una spiegazione precisa sulle conseguenze che possono esserci quando si fanno modifiche all’Editor del Registro di sistema. Se consultate questa pagina potete capire quanto può essere grave modificare il Registro di sistema in modo non corretto. Ogni volta che hai la possibilità di risolvere un problema senza dover modificare l’Editor del Registro di sistema ti consigliamo di farlo.

Disabilitazione degli aggiornamenti automatici di Windows

Gli aggiornamenti di Windows sono necessari per accedere alle nuove funzionalità introdotte da Microsoft, accelerare le prestazioni del sistema operativo, rimuovere eventuali problemi e rendere il sistema operativo infallibile in modo che nessun malware dannoso possa infiltrarsi. La disabilitazione degli aggiornamenti automatici di Windows, quindi, può comportare diversi danni al tuo dispositivo. Ad esempio, potresti notare problemi di stabilità, un calo delle prestazioni e notifiche antivirus frequenti sugli attacchi di malware.

PC windows aggiornamenti

Quindi, se sei stanco dei frequenti aggiornamenti di Windows e stai pensando di disattivarli del tutto ti consigliamo di ripensare bene alla tua decisione. Puoi sempre mettere in pausa gli aggiornamenti automatici fino ad un massimo di 35 giorni tramite l’app impostazioni. Per farlo segui queste istruzioni:

  1. Apri le Impostazioni dal menù Start
  2. Selezionare Aggiornamenti e Sicurezza
  3. Vai su Windows Update e poi Opzioni avanzate
  4. Scorri fino alla sezione Sospendi aggiornamenti e seleziona dal menù a tendina per quanto tempo (il massimo consentito è 35 giorni dalla data odierna)

Disabilitazione del firewall Microsoft Defender

Microsoft Defender Firewall aiuta ad impedire a hacker e software dannosi di accedere al PC tramite Internet o una rete. Il programma rileva il malware prima che questo entri nel tuo computer e blocca immediatamente i file infetti o ti avvisa in anticipo.  Siccome Defender Firewall difende il tuo dispositivo contro tutti gli attacchi e protegge i tuoi dati, disattivandolo rischi di mandare a casa il tuo “soldato in prima linea” e lasci che i virus prendano il sopravvento. Per questo ti consigliamo di tenerlo sempre acceso.

Per verificare se Defender Firewall è acceso o spento:

  1. Seleziona Start, quindi apri le Impostazioni e vai su Privacy e Sicurezza. Qui seleziona Sicurezza di Windows > Firewall e protezione rete. Apri le impostazioni Sicurezza di Windows
  2. Seleziona un profilo di rete: Rete di dominio, Rete privata o Rete pubblica.
  3. In Microsoft Defender Firewall, verifica che l’impostazione sia attiva su On.

Esecuzione di comandi da fonti inaffidabili nel prompt dei comandi

Nei sistemi operativi Windows, il Prompt dei comandi è un programma in cui poter inserire i comandi che la macchina deve eseguire. I comandi vengono inseriti tramite una schermata basata su testo con l’interfaccia grafica utente (GUI) di Windows. Il Prompt dei comandi consente agli utenti esperti di Windows non solo di eseguire attività specifiche grazie all’immissione di determinate disposizioni ma anche di effettuare funzioni di amministrazione avanzata. Puoi eseguire diverse attività all’interno dell’app Prompt dei comandi come: confrontare file, modificare le impostazioni di alimentazione per ottimizzare il consumo energetico del tuo dispositivo e molto altro.

Nella maggior parte dei casi, per inserire comandi è necessario eseguire l’accesso come amministratore all’app Prompt dei comandi. Solo in questo modo è possibile avere accesso a tutti i file di Windows presenti. Per questo lasciare che fonti inaffidabili accedano al Prompt comandi può causare problemi al tuo dispositivo. Ci sono comandi che possono cancellare i tuoi dischi rigidi, disabilitare permanentemente Internet sul tuo dispositivo, eliminare il tuo account utente o persino ripristinare il tuo computer. Inoltre, ricorda che non puoi annullare tutte le modifiche apportate tramite il Prompt dei comandi. Per questo ti consigliamo di non eseguire mai comandi poco chiari o provenienti da fonti inaffidabili.

Disabilitazione dei processi del sistema operativo necessari ed eliminazione dei file di Windows

Non dovresti mai eliminare o disabilitare i file e i processi critici di Windows. L’eliminazione o la disabilitazione potrebbe causare seri problemi al sistema operativo. Generalmente è consigliato non eliminare alcun file sull’unità in cui è installato Windows. Allo stesso modo, è necessario prestare attenzione prima di disabilitare i processi in Task Manager di Windows. Spesso ci capita di notare che Windows diventa ogni giorno più lento e si avvia sempre più lentamente: questo fa pensare molti utenti che la colpa sia colpa di programmi e servizi che si avviano in background insieme al sistema operativo. In questi casi un utente è portato ad aprire Task Manager di Windows per vedere tutti i processi che vengono eseguiti sul computer e valutare quali consumano più CPU e memoria RAM. Questa prassi può essere molto pericolosa. Il consiglio è quello di non disabilitare mai un processo che non conosci, nemmeno per liberare CPU, memoria o risorse di rete.

Installazione di programmi da fonti inaffidabili

Software e app installati da fonti non affidabili possono portare virus nel tuo dispositivo. Microsoft Defender Firewall è stato ideato apposta per fermare i virus ma spesso questi riescono ad aggirare il sistema.

Per questo motivo il suggerimento che diamo è quello di scaricare sempre i file da siti Web affidabili e verificare che i file siano sicuri da scaricare prima di fare clic sul pulsante di download. Inoltre, se il firewall o l’antivirus ti avvisa di una potenziale minaccia dovresti evitare di scaricare questo materiale.

Conclusioni

Le attività che abbiamo elencato qui sopra sono tutte cose che devi cercare di evitare di fare soprattutto se non sei un utente esperto. Spesso, però, accade che nonostante l’impegno per evitare di fare qualcosa di sbagliato, puoi sempre incombere in problemi o imprevisti che ti spingono ad eseguire azioni azzardate. In questi casi potresti perdere tutti, o gran parte dei tuoi dati o potresti dover reinstallare il sistema operativo. Se si desidera evitare una situazione del genere è meglio creare un Punto di ripristino, ovvero un archivio che contiene i file, le impostazioni del sistema operativo, i driver e tutti i software installati nel tuo PC in un preciso momento. Il Punto di ripristino  permette di riportare il computer ad uno stato precedente e di ripristinarlo esattamente com’era. Oltre a questo, un altro importante suggerimento che diamo è quello di eseguire regolarmente il backup dei file di Windows in modo da poter recuperare in ogni momento eventuali dati persi.


Fonte Makeuseof

Potrebbero interessarti
ApprofondimentiPC

Cos'è Windows 11 on ARM e a chi si rivolge?

GuidePCWindows

Come ottenere Windows 11 su un PC che non soddisfa i requisiti  

PC

ViewFinity S8 4K, il monitor Samsung è perfetto per i creatori di contenuti

AppleMacPCWindows

11 consigli per chi vuole passare da macOS a Windows