Visitare i siti facenti parte del cosiddetto “Deep Web”, saltato agli onori delle cronache come lato oscuro e nascosto di Internet, è possibile anche qualora non si fosse dotati di TOR Browser. Scopriamo insieme come navigare nel Deep Web tramite Internet classico.

deep web

Visitare i siti Deep Web da un comune browser: guida

Il Deep Web è di certo ormai diventato un argomento chiave, e dunque mainstream, della vita di ogni utente di Internet. Molto spesso, per accedere ai suoi contenuti, viene richiesto l’utilizzo di TOR Browser, un fork del noto Firefox in grado di garantirci l’anonimità e la connessione ideale per reperire le pagine (con suffisso .onion) da noi desiderate. Tuttavia, con la crescente popolarità di questi servizi, si è reso necessario poter consultare il Deep Web anche da browser “classici”, quali ad esempio possono essere Internet Explorer, Opera, Safari o il già citato Firefox.

I servizi che ci permettono di usufruire delle pagine del Deep Web che desideriamo si stanno sviluppando giorno dopo giorno, tuttavia è possibile segnalarne almeno due che sono riusciti a raggiungere una notevole fase di avanzamento. Premettendo che la navigazione effettuata con tali mezzi sarà priva dell’anonimato che potremmo ottenere sfruttando TOR Browser, e che dunque risulterà il proprio indirizzo IP originale, qualora non si adottassero altri mezzi, illustriamo in seguito:

Tor2Web, progetto nato dalla fervida mente dell’attivista Aaron Swartz; questo speciale proxy consente di consultare le pagine da noi desiderate semplicemente digitandone la prima parte dell’indirizzo sulla barra di ricerca URL del nostro browser, aggiungendo il suffisso “.tor2Web.org” oppure “.tor2Web.fi” (in quest’ultimo caso un mirror). Esempio: http://xxxxxxxxxxxxxxxx.tor2web.org”.

Onion.city, sito web in grado di comportarsi come motore di ricerca delle pagine Deep Web di nostro interesse, permettendoci di surfarle da Web classico. In questo caso, per facilitare la ricerca sarà sufficiente digitare, da Google o dal nostro motore di ricerca preferito, la stringa “site:onion.city” seguita dalla keyword che desideriamo cercare, ad esempio: “site:onion.city books”.

I due servizi menzionati ci consentono quindi di reperire agevolmente le pagine del Deep Web da noi desiderate, salvo interruzioni dei relativi onion service. Ottimi servizi, dunque, da utilizzare ogniqualvolta ne avessimo bisogno.

Guida ai regali di Natale 2017 - banner - outofbit .