GuidePC

Non riesci a caricare file o video su Google Drive? Ecco le soluzioni

Risolvere problema caricamento su Google Drive

Google Drive è uno dei software più utilizzati dell’ultimo decennio poiché trasferisce facilmente i file dal disco rigido al cloud. Nonostante la sua popolarità. Google Drive non è ovviamente esente da problemi.

Quante volte ti è capitato di non riuscire a caricare file o video sul cloud? Per fortuna ci siamo qui noi: con la nostra guida ti aiutiamo a risolvere il problema di caricamento dei file riscontrati su Google Drive.

Prima di procedere, ti consigliamo di controllare la G Suite Status Dashboard. Google Drive è davvero ottimo quando devi trasferire i tuoi file ed è molto raro che qualcosa vada storto durante il trasferimento.Tuttavia, è sempre bene controllare la dashboard per verificare eventuali interruzioni di Google Drive prima di prendere in mano la situazione e provare a mettere in atto i nostri consigli. Se ti accorgi che Google Drive non funziona, attendi qualche minuto, riavvia il browser o l’app locale e prova a verificare se funziona di nuovo.

Problemi di caricamento video su Google Drive

Risolvere problema caricamento su Google DriveTi è mai successo di caricare video su Google Drive ma non di riuscire a riprodurli perché il programma mostra l’avviso “Impossibile elaborare questo video”? Ebbene, si tratta di un problema molto comune segnalato dagli utenti di Google Drive. Purtroppo, non esiste una soluzione unica che ti impedisca di visualizzare questo messaggio quando provi a caricare i video su Google Drive. Tuttavia, esistono alcune soluzioni alternative che possiamo provare a mettere in pratica.

Eccone alcune:

  • Aggiorna il tuo browser
  • Fai clic sull’icona Opzioni (tre punti) accanto al file video, quindi fai clic su Scarica e, una volta scaricato, guarda il video dalla tua app di riproduzione video preferita.
  • Se hai Google Backup and Sync sul tuo PC, puoi semplicemente sfogliare il video tramite Esplora file (Windows) o Finder (Mac) e aprirlo con questi programmi invece che sul tuo browser.
  • Utilizza un browser diverso. Stranamente, Google Chrome si è spesso dimostrato poco efficace anche con siti e servizi realizzati da Google. Molti utenti hanno inoltre riferito che l’utilizzo del nuovo Microsoft Edge (versione Chromium) è in grado di risolvere il problema della mancata elaborazione di un video. Puoi provare anche Safari su Mac, Firefox o qualsiasi altro browser. Se nessuna delle soluzioni precedenti funziona, è possibile che il video sia danneggiato e potrebbe essere necessario ricaricarlo.

Forza l’arresto di Google Drive (Android / iOS)

problemi caricamento DriveSe hai avviato il caricamento di un video ed è rimasto bloccato per molto tempo, ci sono buone probabilità che – supponendo che tu ti trovi in un luogo con connessione internet stabile – qualcosa sia andato storto e il processo di caricamento si sia bloccato.

Potrebbe essere necessario riavviarlo e il modo migliore per farlo è riavviare l’app Google Drive. Per farlo su Android, vai su “Impostazioni -> App e notifiche -> Visualizza tutte le app”. A questo punto trova Drive nell’elenco, tocca “Forza interruzione” e riprova a eseguire il caricamento.

Su iOS 13, fai doppio clic sul pulsante Home, scorri verso destra fino a trovare Google Drive, scorri verso l’alto sulla sua finestra di anteprima per chiuderla, quindi riavvia il caricamento. Se hai un iPhone senza un pulsante Home, scorri verso l’alto dal centro o dalla parte inferiore dello schermo e tieni premuto finché non vedi il selettore di app, quindi scorri verso destra fino a trovare Google Drive. Scorri verso l’alto sulla sua finestra di anteprima per chiuderla.ù

Se hai un iPad senza pulsante Home, scorri verso l’alto dalla parte inferiore dello schermo per accedere alla schermata Home, quindi scorri verso l’alto dal basso a destra. Scorri verso destra fino a trovare Google Drive, quindi scorri verso l’alto sulla sua finestra di anteprima per chiuderla.

Disconnetti e ricollega l’account Google

Se hai scaricato l’app Backup and Sync, ci sono alcune cose che puoi provare per caricare nuovamente i tuoi file. La prima opzione è disconnettere e ricollegare il tuo account Google all’app. Vai a “Backup e sincronizzazione” facendo clic sulla sua icona a forma di nuvola nell’area di notifica, nell’angolo in basso a destra dello schermo. Quindi, fai clic sull’icona del menu a tre punte -> Preferenze -> Impostazioni -> Disconnetti account. Una volta disconnesso il tuo account, fai di nuovo clic sull’icona del menu “Backup e sincronizzazione” e accedi al tuo account Google.

Il processo di sincronizzazione potrebbe richiedere del tempo, ma i problemi di caricamento dovrebbero essere risolti.

Riavvia o Reinstalla Backup and Sync

Un’altra soluzione è riavviare oppure reinstallare l’app Backup and Sync. Fai clic sull’icona della nuvola “Backup e sincronizzazione” nell’area di notifica, quindi fai clic sull’icona del menu una volta aperta e seleziona “Esci da backup e sincronizzazione”. Per riaprirlo, digita “backup e sincronizzazione” nella ricerca di Windows nel menu Start e – da lì – apri l’app desktop. In alternativa, puoi reinstallare completamente Backup and Sync. Per disinstallarlo, fai clic con il pulsante destro del mouse sul menu Start, clicca su “App e funzionalità”, disinstalla l’app dall’elenco e poi reinstallala.

Disattiva Ad Blocker per Google Drive

Disattivare AdBlockCosì come AdGuard e uBlock Origin, anche Ad blocker dovrebbe teoricamente essere compatibile con Google Drive. In genere, essi si basano su liste nere in grado di bloccare fonti note di annunci: quando sono attivi, essi dovrebbero comunque consentire il caricamento dei file su Google Drive. Tuttavia gli utenti hanno segnalato, nel corso degli anni, diversi problemi con le estensioni del browser come AdGuard: il programma, a volte, può bloccare i caricamenti o addirittura bloccare l’accesso a Internet alle tue app Google. Se hai problemi a caricare i file ed hai attiva una di queste estensioni del browser, allora prova a disattivarle quando sei sul sito web di Google Drive. Ricorda, non disattivare completamente il blocco degli annunci ma fallo soltanto per Google Drive (e altri siti Google in caso di problemi) e per i piccoli siti che campano di pubblicità non invasiva.

Suddividi il caricamento in parti più piccole

Google è progettato per gestire singoli file fino a 5 TB (a meno che non siano formati di file Google come Documenti o Fogli, nel qual caso sono 50 MB). In generale, Google gestisce bene singoli file e cartelle di grandi dimensioni. Ovviamente, Internet potrebbe non gradire se provi a caricare una cartella enorme con centinaia di GB di dati contemporaneamente.

Come probabilmente saprai, i caricamenti mettono a dura prova una rete internet, molto di più dei download.

Se scopri che il caricamento di cartelle di grandi dimensioni porta al timeout o all’arresto anomalo del caricamento stesso su Google Drive, prova allora ad accedere alla cartella, seleziona tutto quello che c’è al suo interno e prova a caricarli come singoli file. Google Drive li metterà in coda automaticamente e potrebbe gestire meglio il caricamento.

Un’altra buona idea è quella di creare – prima del caricamento – la cartella in cui vuoi inserire i file su Google Drive e poi di inserirli direttamente lì in modo da non doverli organizzare in seguito.

Usa finestra privata/in incognito

Attivare modalità incognitoQuesta che ti proponiamo è, di solito, la prima soluzione che usiamo per risolvere molti problemi, incluso quello del caricamento. Una finestra privata è isolata e non utilizza cookie memorizzati che potrebbero influire sulla tua normale navigazione. Apri una finestra privata nel tuo browser e accedi a Google Drive. Successivamente, carica di nuovo il file e verifica se funziona.

Per accedere alla navigazione in incognito, puoi usare la scorciatoia Ctrl + Maiusc + N o Ctrl + Maiusc + P e puoi anche aprirla manualmente dal menu principale del browser.

Cancella i dati del browser

Il tuo browser salva cookie, cache e altri dati per rendere più facile e veloce la navigazione sul Web. Tuttavia, a volte questi dati possono creare problemi di navigazione, come l’impossibilità di caricare file, pertanto ti consigliamo di cancellare i dati del browser anche se la precedente soluzione ha risolto il tuo problema.

Di seguito, ti spieghiamo come cancellare i dati in Chrome. Se stai usando un browser diverso, controlla le istruzioni in questo articolo. Dal menù principale di Chrome, fai clic su “Cronologia” o premi Ctrl + H. Fai clic su “Cancella dati di navigazione” e si apriranno le opzioni. In alternativa, puoi anche incollare chrome://settings/clearBrowserData nella barra degli indirizzi e premere Invio per accedere direttamente a questa finestra.

Seleziona “Dall’inizio” accanto a “Intervallo di tempo” e assicurati che tutte e tre le opzioni siano selezionate. Facoltativamente, puoi deselezionare l’opzione “Cronologia browser” nel caso in cui desideri mantenere la cronologia di navigazione. Ora, fai clic su “Cancella dati” per eliminare i dati del browser, quindi prova a caricare i file su Google Drive.

Usa un browser diverso

Se le soluzioni precedenti non ti hanno aiutato a risolvere il problema di caricamento su Google Drive, prova a utilizzare un browser diverso.
Puoi provare ad utilizzare Opera e Chrome e vedere se riescono a risolvere il problema.

L’errore potrebbe inoltre verificarsi a causa di un problema di supporto temporaneo con il tuo browser o perché il tuo browser semplicemente non supporta Google Drive. Ovviamente, tutto ciò non può accadere se utilizzi uno dei browser più diffusi come Chrome, Firefox, Opera, Safari, Internet Explorer e Microsoft Edge.

Se stai utilizzando Chrome, Firefox, Opera, Safari, Internet Explorer e Microsoft Edge e la modifica del browser ha risolto il problema di caricamento, prova ad aggiornarlo alla versione più recente. Se nemmeno questo ti aiuta a risolvere il problema, allora attendi il prossimo aggiornamento del browser: questo, infatti, potrebbe risolvere definitivamente il problema di caricamento su Google Drive.

È un problema di rete?

Potrebbe invece esserci un problema con la tua rete ad impattare l’upload dei tuoi contenuti su Google Drive. Questo di norma accade quando il caricamento viene annullato nel mezzo del processo con un errore di rete. Il riavvio del router di solito risolve questo problema ma se non si risolve, prova a cambiare il tuo indirizzo IP e anche a disattivare il firewall.

Anche l’utilizzo di una VPN può influire sul processo di caricamento, quindi assicurati che la tua VPN sia disattivata: se sei sicuro che si tratti di un errore di rete, il ripristino del router potrebbe risolvere il problema definitivamente sebbene ti ritoccherà configurare il tutto. Come fare? Sul router è presente il pulsante di ripristino (solitamente è un foro): tienilo premuto per cinque-dieci secondi per riavviarlo alle impostazioni di fabbrica, in modo da annullare eventuali configurazioni problematiche.

Il file potrebbe avere un problema

Per verificare se è il file ad avere un problema, puoi provare a caricare tre tipi di file separatamente per vedere se vengono caricati. Se il caricamento dei file va a buon fine, si tratta senza dubbio di un problema del file originario. In questo caso, prova a modificare il nome e il formato del file: infatti devi assicurati che non ci siano caratteri nel nome del file (come? <> /) in quanto non sono accettati da Google.

Un’altra strategia utile, se il file è di dimensioni molto grandi (oltre i 2 GB), è provare a dividerlo e quindi a caricarlo. Uno strumento come 7-zip può aiutarti a guadagnare qualche prezioso MB comprimendo il tutto, pertanto fanne buon uso.

Le soluzioni di cui sopra dovrebbero aiutarti a risolvere la maggior parte dei problemi di caricamento in Google Drive. Potresti anche provare a uscire dal tuo account Google e ad accedere di nuovo. Questa soluzione ci ha aiutato una volta a risolvere i nostri problemi di caricamento, anche se c’è una rara possibilità che un problema di autenticazione possa interrompere il processo di caricamento.


Fonte MakeTecheasier

Potrebbero interessarti
NewsPC

Dell annuncia i nuovi laptop con processori H Core di 11esima generazione

PC

MacBook Air, l'indiscrezione di Prosser: ci sarà anche un modello blu

PCRecensioni

Recensione Razer Blackwidow V3: una ottima tastiera meccanica

GuidePC

Come schedulare l'invio di una email da Outlook