AccessoriAccessoriAndroidAppleRecensioniRecensioniWearable

Recensione Amazfit T-Rex Pro: più sportwatch che smartwatch

recensione amazfit t-rex pro


Nel corso del 2021 ho passato molto tempo in compagnia degli smartwatch di casa Amazfit. Dopo aver testato approfonditamente Amazfit GTR 2e, GTS 2e e Bip U Pro sono passato al nuovo Amazfit T-Rex Pro: uno smartwatch rugged indistruttibile capace di resistere davvero a tutto. Ho passato un mese con Amazfit T-Rex Pro al polso, vi racconto tutti i suoi segreti nella recensione completa.

Videorecensione: 1 mese con Amazfit T-Rex Pro

Cosa c’è nella scatola

Recensione Amazfit T-Rex Pro - contenuto confezione

Come per tutti gli smartwatch di casa Amazfit, all’interno della scatola bianca troviamo un contenuto ridotto all’osso e che si compone di smartwatch, base proprietaria per la ricarica ed un piccolo manuale di istruzioni

Primo avvio e configurazione

Recensione Amazfit T-Rex Pro

Dopo aver estratto Amazfit T-Rex Pro dalla scatola è necessario accenderlo mantenendo premuto il tasto Select e successivamente si può procedere al pairing con lo smartphone. Le operazioni di accoppiamento richiedono poco meno di 5 minuti e si completano utilizzando l’app Zepp.

Dopo aver completato la prima sincronizzazione potete procedere all’aggiornamento del firmware dello smartwatch dalla pagina relativa ad Amazfit T-Rex Pro sulla scheda Profilo. Il mio consiglio è quello di aggiornare subito il firmware in modo da poter iniziare fin da subito ad utilizzare la migliore versione del software disponibile.

É indistruttibile – Design e costruzione

Recensione Amazfit T-Rex Pro corona in metallo

Amazfit T-Rex Pro è uno smartwatch rugged con un design più simile a quello di un orologio tattico militare, o a quello di uno sportwatch, piuttosto che a quello dei classici smartwatch che siamo abituati ad utilizzare.

Lo stile militare/sportivo non passa inosservato, non è infatti propriamente sobrio ed è esaltato dalla presenza di una ghiera in rilievo, di viti a vista, di pulsanti zigrinati e di molti altri dettagli costruttivi che lo rendono unico nel suo genere. Oltre che per l’aspetto particolare si differenzia dalla massa degli smartwatch per la presenza di ben 4 pulsanti fisici che consentono una navigazione completa dell’interfaccia senza dover mai utilizzare il touchscreen. L’idea di inserire 4 tasti è una scelta costruttiva intelligente che torna utile se state correndo, se avete i guanti o se siete in piscina e non avete modo di usare i classici comandi a schermo.

La natura rugged è confermata dagli ottimi materiali costruttivi e dalla certificazioni di resistenza. Amazfit T-Rex Pro è realizzato interamente con eccellenti materiali che combinano plastica rinforzata per la cassa, metallo spazzolato per ghiera e viti e Gorilla Glass anti impronta per il vetro. T-Rex Pro è resistente all’acqua fino a 10 atmosfere, quindi fino a 100 metri di profondità, e può contare su 15 certificazioni di livello militare MIL-STD 810G che ne garantiscono la resistenza a temperature estreme (da -40 a +70 gradi), ad urti e cadute da altezze notevoli. Personalmente l’ho un po’ maltrattato e non ho nessun minimo danno. Sul web trovate molti video di test estremi di sbalzi termici, cadute, botti, urti e martellate che dimostrano quanto sia davvero ben costruito ed indistruttibile questo smartwatch.

Ottima anche la realizzazione in silicone del cinturino che si è dimostrato particolarmente comodo e resistente. Peccato solo che non sia un cinturino con attacco standard, questo rende difficile trovarne uno sostitutivo da utilizzare come ricambio o per personalizzare l’aspetto dell’orologio.

Nonostante sia bello massiccio, misura 4,77 x 4,77 x 1,35 centimetri, risulta abbastanza comodo da indossare grazie al peso di soli 59,4 grammi che non è eccessivo. Le dimensioni della cassa però sono importanti e se avete un polso di piccole dimensioni l’ergonomia e la comodità potrebbero non essere ottimali. Personalmente ho un polso di medie dimensioni e l’ho indossato giorno e notte senza problemi o fastidi.

Cosa c’è sotto la scocca – Hardware e sensori

Recensione Amazfit T-Rex Pro sensori

Il comparto hardware di Amazfit T-Rex Pro permette un ottimo utilizzo del device come sportwatch, ma pecca sul lato smart e sulla possibilità di interagire con le notifiche.

All’interno dell’ottima scocca in plastica troviamo, oltre ai classici sensori per il movimento, il sensore Bio Tracker 2 che è in grado di misurare il battito cardiaco con un ottimo livello di precisione. Ho paragonato i dati con quelli del mio Apple Watch 6 e risultano perfettamente in linea. Al sensore per il battito cardiaco si affianca il misuratore dell’ossigenazione del sangue, anche questo ha un buon livello di precisione anche se ritengo il dato poco utile.

Per la rilevazione più precisa dello sport troviamo anche un nuovo sistema di localizzazione GPS compatibile anche con i satelliti Galileo e Beidu che risulta particolarmente veloce in fase di fixing e molto preciso nel tracking di percorsi e dislivelli. La misurazione degli spostamenti via GPS è davvero molto precisa e rende il T-Rex Pro perfetto per chi ama fare sport all’aria aperta.

Sono invece parecchie le mancanze hardware per la parte smart. Amazfit T-Rex Pro non dispone di speaker e microfono, mancanze queste che mininano il lato smart e che impediscono di rispondere alle notifiche o di ricevere chiamate. Oltre a questi va segnalata anche la mancanza della connettività WiFi e del chip NFC.

Un ottimo schermo – Display

display Amazfit T-Rex Pro

Lo schermo rotondo di Amazfit T-Rex Pro è uno dei punti di forza del prodotto. Parliamo di un display AMOLED da 1,3 pollici con una risoluzione di 360 x 360 pixel. Lo schermo ha quindi una buona risoluzione ed una ottima luminosità massima che lo rende sempre perfettamente leggibile anche sotto la luce diretta del sole. La luminosità può essere gestita manualmente o in maniera automatica, in entrambi i casi il funzionamento è perfetto e ci consente di avere uno schermo sempre leggibile.

Lo schermo si accende con la rotazione del polso o con la pressione dei pulsanti fisici, ma è anche possibile attivare l’always on display per mantenere l’ora sempre attiva sul display. L’always-on funziona bene ed adatta il proprio stile al quadrante scelto fra i molti disponibili sull’app ufficiale.

Il touch funziona in maniera precisa e veloce ed i tocchi e le gesture vengono sempre rilevati correttamente. Lo schermo vanta un ottimo trattamento anti impronte che ci permette di avere un orologio sempre pulito e senza le brutte e fastidiose impronte.

Software ed app

Il sistema che troviamo sull’orologio è simile a quello degli altri smartwatch Amazfit ma ne è stato riprogrammato l’intero funzionamento per permette di utilizzare tutte le funzionalità passando solamente attraverso i tasti fisici. Essendo Amazfit T-Rex Pro un device rugged ed adatto agli utilizzi estremi si presume che spesso si abbiano le mani sporche, bagnate o che semplicemente si indossino i guanti e questo impedisca di usare correttamente il touchscreen. Grazie ai 4 pulsanti fisici zigrinati Up, Down, Select e Back, posti due su ogni lato, è possibile navigare fra i menu ed avviare ogni tipologia di funzionalità senza problemi. L’ho testato a fondo per capire se ci fossero delle feature non raggiungibili senza touch ma non è così. L’interfaccia rivista e ripensata funziona molto bene, anche col touch naturalmente, e tutti i menu e le app scorrono fluide e sono realizzate ottimamente.

Dal polso si possono verificare tutti i classici dati giornalieri, fra cui l’utile indice PAI sviluppato da Xiaomi che da un punteggio complessivo alle attività del giorno, e lanciare tutte le classiche misurazioni fra cui battito, ossigenazione e livelli di stress.

Non mancano poi i classici allenamenti, il meteo, la sveglia, la bussola ed il barometro, la gestione della musica in riproduzione sullo smartphone e le notifiche.

L’interfaccia è sviluppata e realizzata davvero molto bene, la grafica è semplice e piacevole e il tutto scorre liscio e fluido senza lag, intoppi o problemi. Le varie schermate hanno un aspetto moderno e sono ricche di dati, dettagli e grafici che rendono l’esperienza utente appagante.

L’app Zepp, disponibile per Android ed iPhone, ha un aspetto pulito e semplice e ci da accesso a tutti i report, i dati, i grafici e le statistiche delle nostre attività quotidiane. Le rilevazioni sono precise e complete e riportano anche dati corretti sul sonno, con fasi di sonno leggero e pesante abbastanza dettagliate. Oltre a consultare i dati e gli allenamenti fatti, l’app ci da la possibilità di personalizzare i quadranti, le notifiche e vari dettagli di funzionamento.

Recensione Amazfit T-Rex Pro al polso

Lato sportivo

Il tracking dello sport è uno dei punti di forza di Amazfit T-Rex Pro. Lo smartwatch di Amazfit è un perfetto sportwatch e riesce a tracciare oltre a 100 tipologie di sport differenti, ognuna caratterizzata per statistiche specifiche e con buone possibilità di personalizzazione degli obiettivi di allenamento. Il tracking delle varie attività fisiche è davvero completo e riesce ad integrare perfettamente resistenza all’acqua, standard militari, misurazione del battito cardiaco e tracciamento dei movimenti grazie al GPS, il risultato finale è una analisi completa e dettagliata di ogni sessione di allenamento con un livello di precisione tranquillamente paragonabile a prodotti di fascia superiori e dedicati solamente allo sport.

L’enorme resistenza ad urti, graffi, cadute e tentativi di omicidio del prodotto lo rendono adatto anche a chi fa sport estremi che non correrà mai il rischio di rompere o danneggiare l’orologio.

Lato smart

Meno bene il funzionamento in stile smartwatch. La mancanza di microfono e speaker riduce notevolmente le capacità smart di Amazfit T-Rex Pro. Di fatto dal polso è possibile solamente visualizzare le notifiche in arrivo da tutte le applicazioni, naturalmente personalizzabili via app. Purtroppo non c’è alcuna possibilità di rispondere. In caso di ricezione di più messaggi dallo stesso contatto però visualizzerete solamente l’ultimo. La gestione delle notifiche non è perfetta e ci consente solamente di ricevere sul polso messaggi, notifiche.

Sul display possiamo anche visualizzare le chiamate con dettaglio di numero o nome del chiamante e con la possibilità di rifiutare o silenziare la chiamata, per rispondere però sarà sempre necessario andare ad estrarre il telefono dalla tasca.

Quanto dura la batteria – Autonomia

Amazfit T-Rex Pro in ricarica

Amazfit T-Rex Pro monta una batteria da 390 mAh che garantisce una buona autonomia. Il produttore parla di 18 giorni di utilizzo, stando al mio mese con al polso Amazfit T-Rex Pro però non sono mai riuscito ad andare oltre i 10/11 giorno di utilizzo.

L’ho usato con parecchie notifiche attive, rotazione del polso e luminosità automatica e sono sempre riuscito a raggiungere i 10 giorni di utilizzo medio con qualche sessione di allenamento all’aperto. Andando ad attivare l’always-on display si perdono un paio di giorni ma si riesce sempre a coprire un’intera settimana prima di dover ricorrere alla basetta proprietaria per la ricarica che si completa in un’ora circa.

Se lo usate intensamente con il tracking GPS dell’attività fisica dovrete tenere in conto un consumo maggiore che si attesta attorno al 5% per ogni ora di utilizzo.

Quanto costa – Prezzo

Amazfit T-Rex Pro è venduto su Amazon e sul sito del produttore a 169 euro, un prezzo non economico. Costa  30 euro in più del modello precedente ma non ci sono grosse novità che giustifichino l’aumento di prezzo. 169 euro non sono pochi ma il prodotto è di buona qualità ed assolutamente indistruttibile quindi potrebbe valere la pena di spenderli.

Conclusioni su Amazfit T-Rex Pro – A chi lo consiglio

Amazfit T-Rex Pro nella scatola

Amazfit T-Rex Pro è uno smartwatch rugged indistruttibile che può contare su un buon hardware, un ottimo display ed un’interfaccia godibile che permette di tracciare molti dati quotidiani e più di 100 sport differenti. L’unica pecca sta nella parte smart che risulta limitata dalla mancanza di speaker e microfono.

Amazfit T-Rex Pro non è un device per tutti ma è il prodotto perfetto per chi cerca uno sportwatch indistruttibile che possa essere tenuto sempre al polso, anche durante le sessioni più estreme di allenamento.

Immagini di Amazfit T-Rex Pro

Giudizio finale
Confezione
7 / 10
Design
8 / 10
Costruzione
10 / 10
Hardware
7.5 / 10
Display
9 / 10
Tracking sport
9 / 10
Funzioni smart
6.5 / 10
Batteria
8 / 10
Prezzo
6.5 / 10
La nostra opinione

Amazfit T-Rex Pro è uno smartwatch rugged indistruttibile che può contare su un buon hardware, un ottimo display ed un’interfaccia godibile che permette di tracciare molti dati quotidiani e più di 100 sport differenti. L’unica pecca sta nella parte smart che risulta limitata dalla mancanza di speaker e microfono.

Amazfit T-Rex Pro non è un device per tutti ma è il prodotto perfetto per chi cerca uno sportwatch indistruttibile che possa essere tenuto sempre al polso, anche durante le sessioni più estreme di allenamento.

7.9 ★★★★☆
Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Samsung "cancella" il Galaxy Z Fold 2 dal sito: in arrivo il Galaxy Z Fold 3?

AndroidNewsSmartphone

Huawei sta pensando di cancellare il Mate 50: ecco perché

AndroidNewsSmartphone

Quick Share esteso anche ai prodotti di altri brand: l'idea di Samsung

AppleMacNews

Quando vedremo i MacBook Pro? Tutte le previsioni sui nuovi prodotti Apple