L’esponenziale crescita del produttore tecnologico cinese ha smesso sull’allerta i più grandi produttori internazionali, ma chi spaventa davvero la crescita di Xiaomi?

Xiaomi-Logo

Xiaomi: il produttore cinese che spaventa i colossi della tecnologia

Chi è Xiaomi?

Iniziamo anzitutto con spiegare chi è Xiaomi è attualmente il terzo produttore mondiale di smartphone ed è conosciuta nel mercato asiatico come la “Apple cinese”, il motivo di tale soprannome va ricercato nel costante richiamo dei prodotti di casa Xiaomi a quelli di Apple, lo stesso Hugo Barra, ex CEO di Google e attuale CEO di Xiaomi, ha dichiarato che l’azienda si ispira ad Apple in quanto vero punto di riferimento mondiale. Alla fine del 2013 Xiaomi ha raccolto più di un miliardo di dollari grazie a nuovi investitori, il tutto ha portato il valore della società a ben 45 miliardi di dollari rendendola la startup di maggior valore nel panorama economico internazionale. In poco meno di 5 anni di vita l’azienda è cresciuta in maniera esponenziale arrivando a vendere ben 61 milioni di device nel 2014 facendo segnare una crescita del 227% rispetto al 2013. Dal punto di vista finanziario Xiaomi non ha nulla di che invidiare a concorrenti ben più noti sul mercato mondiale fra cui Apple e Samsung, i due colossi, rispettivamente americano e coreano, controllano di fatto il mercato degli smartphone, ed è quindi pronta a diventare un diretto competitor per la leadership mondiale di un settore in costante crescita.

Per cosa si distingue Xiaomi

Xiaomi punta alla qualità massima dei propri prodotti; i device oltre ad essere di ottima fattura vengono proposti a prezzi concorrenziali. Il produttore cinese si è distinto dalla massa ed è riuscito ad emergere in un mercato estremamente concorrenziale, e senza margini di errore, grazie a prodotti realizzati con classe e contraddistinti da tre elementi caratteristici: qualità costruttiva elevata, software Android based personalizzati con egregia maestria e prezzi decisamente competitivi, largamente inferiori rispetto a quelli dei prodotti della stessa fascia realizzati dai competitor.
Un esempio su tutti è lo Xiaomi Mi4 (trovate qui la nostra recensione completa) che ha rappresentato nel 2014 il simbolo dello smartphone economico, con hardware al top, una manifattura di qualità ed un software invidiabile.

Xiaomi-Mi-Note-7

Chi deve aver paura di Xiaomi?

Xiaomi ha aperto col botto questo 2015 lanciando sul mercato una nuova serie di prodotti che comprende smartphone, phablet, box tv e cuffie per audiofili. Con il suo nuovo Mi Note, disponibile anche in versione Pro, Xiaomi è definitivamente pronta a battagliare con i colossi del settore, è di fatto dichiarata la guerra aperta ad Apple e a Samsung per il dominio del settore smartphone. Se il colosso di Cupertino può dormire sonni tranquilli, grazie a dei prodotti sempre eccellenti ed a una folta schiera di affezionati, lo stesso non si può dire di Samsung che nel corso del 2014 ha perso considerevoli quote di mercato, facendo segnare un calo del 60% dei profitti nel Q3 del 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Samsung, attualmente al secondo posto dei produttori mondiali di smartphone, potrebbe essere la prima vera vittima illustre di Xiaomi se non dovesse riuscire a rilanciarsi con ottimi modelli.

Xiaomi-Note-Pro

Concludo con un pensiero personale e sicuramente di parte essendo un possessore di un device Xiaomi. Premetto che per anni ho speso cifre decisamente elevate per garantirmi l’utilizzo dei vari top di gamma ma, alla fine del 2014, attirato da tutto il ben parlare di Xiaomi di cui si leggeva su internet mi sono convinto a pensionare anticipatamente il Nexus 5 e di acquistare il Mi 4. Mia scelta fu più azzeccata, un design classico ma elegante, un’ottima qualità costruttiva, un software eccellente ed un prezzo che al cambio del momento (col dollaro) era di circa 290 euro. Tutti elementi che mi hanno convinto della bontà dei prodotti del nuovo colosso cinese e che mi hanno restituito l’idea del fatto che Xiaomi possa nel breve periodo rubare il posto a Samsung.

 

Vi lasciamo infine con una galleria di tutti gli ultimi prodotti di casa Xiaomi:

Via