Excel è il foglio elettronico per eccellenza nonché una delle app Microsoft più vecchie (essendo nato nell’ormai remoto 1985). Si tratta tutt’ora del software di questo tipo più diffuso, anche grazie al fatto che fa parte integrante della suite di Office.

Grazie a questo strumento è possibile creare fogli di calcolo e modelli finanziari di grande impatto, risultando utile sia per chi deve semplicemente tenere conto delle spese domestiche così come per i contabili delle aziende più grandi. Dunque, quale sarebbe il motivo per voler cercare una alternativa ad Excel?

Il pacchetto di Office che include questa applicazione non è gratuito. Per fortuna esistono delle alternative ad Excel che consentono di usufruire di funzioni simili senza spendere nulla.

Le alternative ad Excel: una serie di app gratuite a dir poco interessanti

I vantaggi se si decide di usare un’app gratuita in questo ambito sono molteplici. Se una volta queste “soluzioni di ripiego” erano copie sbiadite dell’originale Excel, al giorno d’oggi sono software che nulla hanno da invidiare rispetto al capostipite.

I frequenti aggiornamenti, l’integrazione con molti altri software e la facilità di utilizzo, stanno rendendo queste alternative qualcosa in più di un semplice surrogato.

Google Fogli (Google Docs)

Chi usa abitualmente Google Docs sa bene come questa suite abbia già integrata un’alternativa più che valida ad Excel. Si tratta di Google Fogli ed è uno strumento in grado di coniugare le funzioni di Excel con le caratteristiche tipiche di Google Docs.

Oltre alla creazione di tabelle e altre operazione ben note a chi lavora abitualmente sui fogli di calcolo, Google Fogli offre alcune caratteristiche in cui spicca particolarmente. Principalmente, essendo un’app gestibile da browser, risulta particolarmente veloce. Inoltre, l’ingresso a un singolo documento è assicurato da tutti i dispositivi loggati tramite l’account Google. La possibilità di condivisione e di concedere eventualmente accessi per commenti/modifiche a terzi è un ulteriore valore aggiunto.

Grazie alla Cronologia delle revisioni inoltre, è possibile ottenere una panoramica veloce sull’evoluzione di un processo, rendendo possibile anche controllare chi e come interviene sul foglio (funzione utilissima quando si hanno diversi collaboratori). Il supporto di Google Drive poi, consente di gestire un numero pressoché infinito di fogli di calcolo.

Per quanto riguarda un fattore di capitale importanza come la compatibilità con Excel, non vi sono problemi in quanto i file sono esportabili in formati assolutamente leggibili dall’app Microsoft.

Calc (Open Office e LiberOffice)

Open Office è un’alternativa per Office a 360 gradi. La suite open source, una delle principali concorrente al più noto pacchetto Microsoft, offre agli utenti la propria alternativa ad Excel, ovvero Calc. (tool condiviso anche con LiberOffice).

Stiamo parlando di uno dei migliori “cloni” di Excel, in quanto pur assomigliando a tale software, propone alcune interessanti caratteristiche che sottolineano la personalità. Calc consente all’utente di agire su vari tipi di formattazione delle celle, tabelle pivot filtrabili, file di origine in classificazioni incrociate e scorciatoie per alcune tra le funzioni più utilizzate.

Come Google Fogli, anche se con modalità diverse, consente ad altri utenti di accedere contemporaneamente ai documenti. Le tabelle create sono salvate in formato OpenDocument tramite file .ODS, e sono dunque gestibili anche con altri software che supportano questa estensione. Esistono invece alcuni problemi per quanto riguarda il salvataggio di file con estensione .xlsx, ovvero quelli utilizzati da Excel.

Caratteristica di notevole valore è anche l’alta compatibilità: sia nella sua versione Open Office che in quella LiberOffice, Calc gira su Windows, macOS e Linux senza alcun problema di sorta.

Zoho Sheet

Zoho offre una serie di servizi basati sulla filosofia cloud (come Google Docs) tra cui figura l’interessante, nonché gratuito, Zoho Sheet.

Il tool in questione si presenta molto simile ad Excel e consente di lavorare sia con file online che con fogli di calcoli in locale. Le funzionalità offerte sembrano ripercorrere da vicino quanto offerto dal prodotto Microsoft rendendo, tra le altre cose, possibile interagire con file dal formato .ods, .csv e .tsv. Anche in questo caso non mancheranno tabelle, formule e altre funzioni strettamente connesse con la concezione standard di un foglio di lavoro.

Per chi ha difficoltà a separarsi dalla propria copia di Excel, Zoho Sheet potrebbe essere un salto molto meno traumatico rispetto ad altre app presentate in questa lista.

Spread32

Se si parla di leggerezza e semplicità d’uso però, non si può non citare Spread32. Questo software per i fogli di calcolo ha la caratteristica di essere disponibile anche in versione portatile: niente installazioni dunque.

Le tante funzioni, tra cui macro e filtri, permettono alla maggior parte di utenti di patire molto poco il cambiamento tra Excel e questa sua interessante alternativa. Ad incrementare questa sensazione vi è il livello di compatibilità. Spread32 infatti elabora e salva file in formato .xls e .csv. Compatto e senza fronzoli, questo tool è disponibile sia su piattaforma Windows che su Android.

L’app in questione è un compromesso impressionante tra semplicità, rapidità d’uso e funzioni proposte. Un’ottima soluzione dunque per chi cerca uno strumento agile e scattante da utilizzare per i propri fogli di calcolo.

Gnumeric

Per chi vuole a tutti i costi un prodotto di nicchia, Gnumeric potrebbe risultare alquanto interessante. Si tratta di un software open source che si candida tra le migliori alternative ad Excel.

A fronte di una interfaccia senza fronzoli, Gnumeric risulta un tool essenziale ma non per questo poco potente. Capace di girare anche su macchine particolarmente datate o poco performanti, si rende uno strumento ideale per chi ha dei computer con particolari difficoltà. Gnumeric è ampliabile tramite appositi plug-in che consentono di poter gestire diagrammi, grafici e altre funzioni alquanto complesse. Riguardo le estensioni trattate, l’app in questione gestisce con estrema dimestichezza i principali file Excel, ovvero .xls e .xlsx.

E gli svantaggi? L’app in questione non ne è per niente esente. Oltre al fattore lingua (è disponibile solo in inglese) proprio il suo essere così spartano è un limite per chi vuole utilizzare i propri fogli di calcolo in maniera approfondita. La compatibilità limitata al solo Linux inoltre, è un limite che taglia fuori la maggior parte degli utenti.

Numbers (iWork)

Terminiamo la lista di alternative ad Excel con una soluzione made in Apple. Numbers fa parte della suite iWork, e funziona indistintamente su Mac, iPhone e iPad. Come Google Fogli, trattandosi di un’app cloud, permette di poter lavorare sullo stesso foglio con più collaboratori completamente. In tal senso, i documenti sono condivisi tramite account iCloud, un altro vantaggio che avvicina Numbers a Google Fogli.

Il design caratteristico di Apple viene coniugato con alcune delle funzioni più classiche di Excel, con la possibilità di realizzare grafici, diagrammi e funzioni varie. Si tratta di un’app con il focus puntato verso lo stile e la grafica, pur fornendo un lavoro buono anche sotto il punto di vista prettamente pratico.

SHARE
Articolo precedenteI tre migliori tablet Windows 10
Articolo successivoCome attivare “God Mode” in un computer con Windows 10 | Guida
Articolista, scrittore, copywriter, newser e SEO con la passione per sport, informatica e tecnologia. Dopo aver cominciato nel 2014 a scrivere semplicemente per svago, ho trovato in questa attività un vero e proprio lavoro. Oggi ho la fortuna di vivere lavorando a tempo pieno su quelle che sono le mie passioni, un vero e proprio sogno avverato!

LEAVE A REPLY

Lascia un commento
Inserisci il tuo nome