Guide

Le migliori alternative a OneNote per prendere note

Microsoft OneNote è un software che si occupa della gestione note in rete. Tale programma rientra nella suite Microsoft Office, ed è disponibile per Windows, macOS, iOS e Android. Si tratta di uno strumento gratuito e facile da usare: nonostante ciò, va ricordato che esistono anche delle alternative a OneNote piuttosto interessanti.

Se non vai particolarmente d’accordo con l’ecosistema Microsoft o se stai cercando uno strumento più adatto alle tue necessità, abbiamo raccolto alcuni tra i programmi più simili (sempre gratuiti) disponibili in rete.

6 alternative a OneNote che ti faranno dimenticare quanto offerto da Microsoft

Prima di proseguire, è bene ricordarti come OneNote sia un ottimo software e come si integri perfettamente con gli altri prodotti Microsoft. Se intendi adottare un’alternativa dunque, sappi che a livello di compatibilità difficilmente troverai un tool paragonabile a questo. In ogni caso, ecco i concorrenti di questo strumento.

Simplenote (Windows, Mac, Linux, Android e iOS)

Cominciamo la lista con Simplenote, un’alternativa che fa dell’essenzialità il suo principale punto di forza. Niente colori superflui o grafica sfarzosa: questo tool si presenta come una versione semplificata di OneNote.

Fedele al suo nome, la sua gestione è molto semplice e non offre alcuna opzione per modificare le dimensioni e gli stili dei font o qualunque altro tipo di personalizzazione. Una peculiarità che rende unico nel suo genere Simplenote è che esso si basa su Markdown, una sintassi open source simile a HTML. Ciò comunque non deve spaventarti: il programma è molto semplice da usare e, per noi comuni utenti, ciò non comporta particolari novità.

Simplenote si sincronizza su più dispositivi e ti consente di condividere le note caricandole sul web per poi condividerle con i tuoi amici o colleghi. Potrebbe non essere appariscente o particolarmente personalizzabile, ma se stai cercando un’app solida per il tuo notebook, si tratta di un’ottima soluzione.

Zoho Notebook (Windows, Mac, iOS e Android)

Multipiattaforma e ricco di funzionalità, Zoho ha una interfaccia incredibilmente apprezzabile sotto il punto di vista dell’esperienza utente. Alcune delle sue caratteristiche più importanti risultano essere la possibilità di creare copertine per i tuoi taccuini e uno strumento di ritaglio web che semplifica l’acquisizione di articoli e altre informazioni reperite sul web.

Puoi sincronizzare i tuoi appunti su tutti i dispositivi che desideri gratuitamente: un grande vantaggio se utilizzi abitualmente più dispositivi per navigare in rete.

Evernote (Windows, Mac, Android e iOS)

Nonostante sia stato limitato a livello di sincronizzazione per gli account gratuiti, Evernote rimane uno dei programmi più apprezzati del settore. Sebbene questa app sia meno personalizzabile di OneNote, offre comunque molta flessibilità e dunque si propone come un suo valido competitor.

Laverna (Windows, Mac, Linux e browser web)

Laverna è un’app open source progettata da persone che hanno come priorità la tutela della privacy. In tal senso nessuno dei tuoi dati viene memorizzato in nessun server online, ma puoi comunque eseguire la sincronizzazione su più piattaforme grazie all’integrazione di Dropbox. Come Simplenote, Laverna utilizza Markdown.

Google Keep (Android, iOS e browser web)

Google Keep è uno strumento molto valido, nonostante non sia un’app particolarmente conosciuta. In realtà si tratta di uno strumento utilissimo, nonché una delle principali alternative a OneNote.

La principale caratteristica di Google Keep è che invece di dividere le note in taccuini, le divide per tag e codifica colori. Facile da usare, lo strumento in questione ha anche alcune fantastiche funzionalità, in particolare la possibilità di trasformare le immagini con il testo in testo modificabile. Anche l’estensione su Chrome appare molto pratica e semplice da usare.

Turtl (Windows, Mac, Linux e Android)

Se vuoi lavorare in un ambiente che assomigli a una bacheca di sughero con pezzi di carta appuntati anziché il tipico quaderno digitale, Turtl è quello che fa per te. Molto più piacevole sotto il punto di vista visivo rispetto alle altre opzioni, espone i tuoi appunti come una bacheca di Pinterest, che è particolarmente utile se usi molte immagini e anche un buon modo per far risaltare ogni nota, rendendola più facile da visualizzare e ricordare.

Anche Turtl è incentrato sulla sicurezza, offre la crittografia e crea chiavi di crittografiche dedicate ogni volta che scegli di condividere note specifiche con altre persone su Internet. Forse Turtl non è così profondo o modificabile come altre app per prendere appunti, ma è molto sicuro ed elegante.

Potrebbero interessarti
GuideInternet

Gmail: la guida d'uso definitiva per la posta elettronica

GuideInternet

7 estensioni di Chrome per automatizzare le attività più noiose

GuideInternet

Twitter Blue: cos'è e quanto costa il nuovo servizio in abbonamento

GuideInternet

7 impostazioni sulla privacy di Facebook da modificare subito