Scopriamo una volta per tutte le differenze che ci sono tra i protocolli IMAP e POP3!

IMAP e POP3

Dopo aver visto come bloccare siti web per adulti sul Samsung Galaxy S8le migliori cornici digitali per visualizzare le nostre foto, nel post odierno vi spiegheremo dettagliatamente qual è la reale differenza tra IMAP e POP3, una delle tante domande alla quale gli utenti difficilmente trovano risposta.

In prims va evidenziato che tutte e due i protocolli, IMAP e POP3, consentono a un cliente di gestire come meglio crede la posta sul proprio computer, smartphone o tablet. Tuttavia ci sono delle differenze importanti tra i due protocolli, ognuno con vantaggi e qualche svantaggio.

Qui sotto andiamo immediatamente a dare uno sguardo alle caratteristiche complete che mettono a disposizione tutte e due i protocolli.

Differenza tra POP3 e IMAP

Prima di approfondire meglio il discorso riguardante i due utilizzatissimi protocolli, ci teniamo a darvi qualche info precisa sulla principale differenza tra IMAP e POP.

La differenza sostanziale è: affidandovi ad un account con il protocollo POP – POP3 – ogni messaggio di posta viene scaricato e salvato il locale, mentre se utilizzate il protocollo  iMAP i messaggi rimangono salvati sul server che li gestisce, tutto qui.

POP3

La porta standard del protocollo in questione, per chi non lo sapesse, risulta essere la 110 – porta 995 per SSL – e consente ad un cliente di posta di effettuare in tutta semplicità il download di ogni messaggio sul proprio computer, eliminando – configurazione base – qualunque posta del server. Eventualmente è fattibile personalizzare a proprio piacimento il client di posta per tenere ogni copia dei messaggi ricevuti e inviati sul server.

Va sottolineato, tuttavia, che affidandovi al protocollo POP 3 potete incombere in qualche spiacevole svantaggio che ora vedremo insieme. Affidandovi a tale protocollo non ci sarà alcun dispendio di spazio sul server, visto che ogni email la si può scaricare, con l’unico reale svantaggio che ogni email non potrà essere letta da un altro client di posta o eventualmente da un altro computer, in quanto non saranno visibili-disponibili sul server di posta elettronica.

Quali sono invece in vantaggi? Per esempio lasciare qualunque copia dei messaggi in arrivo sul server, la connessione è utile solo per quanto concerne la ricezione e invio di email, risparmio netto di spazio sul server.

IMAP

Diversamente del POP3, quest’altro protocollo di cui vi abbiamo discusso si affida alla porta numero 143. Come già accennato qualche riga sopra affidandovi a tale protocollo ogni messaggio rimane completamente salvato sul server, andando ad incrementare vistosamente lo spazio utilizzato.

Facendo cosi è fattibile fare accesso alla posta che volete da un differente dispositivo – telefoni, tavolette digitali, computer e altri dispositivi -, inizialmente effettuando il download solo ed esclusivamente di intestazione dei messaggi, in seguito andando a scaricare solamente i messaggi che avete intenzione di scaricare. Tra l’altro è fattibile effettuare più connessioni in contemporanea alla medesima casella email di più utenti – client -.

Il protocollo IMAP ha solo un piccolo svantaggio, ovvero: il rischio altissimo della possibilità di superare senza rendersene conto della quota massima di spazio Internet disponibile per le caselle di posta.

Dove è possibile utilizzarlo vi consigliamo decisamente di puntare sul protocollo IMAP che, essendo una sorta di cloud storage, consente all’utente di usufruire senza alcun problema di un bel po’ di vantaggi, come quello di controllare ogni email su differenti PC, condividere con più persone la stessa casella di posta, creare creare direttamente affidandovi al server e molto altro.

Queste da noi riportate nell’articolo odierno sono le indicazioni necessarie per togliervi ogni dubbio sulle diversità tra i protocolli IMAP e POP. Voi quale preferite? Sopratutto perché? Fateci sapere le vostre impressioni qui sotto dove è presente l’apposito box dedicato ai commenti.