GuidePC

Come far rendere al massimo un PC da gaming con una TV 4K

PC gaming e TV 4K

Un PC da gaming collegato una TV 4K è il massimo per ogni videogiocatore che si rispetti. Se a ciò abbini un ottimo controller e la modalità Steam Big Picture, puoi realizzare una postazione da gaming davvero straordinaria.

Nonostante ciò, non è così facile trovare un equilibrio tra hardware di gioco e risoluzione 4K. I televisori rilasciati nel 2021 adottano maggiori funzionalità HDMI 2.1 incentrate sui giochi, come la frequenza di aggiornamento variabile e la modalità automatica a bassa latenza. Anche senza uno di questi set, però, puoi rendere i tuoi giochi performanti gestendo al meglio le impostazioni di computer e TV.

migliori tv 4k - Philips 6000 series 55PUT6101:12

PC da gaming con una TV 4K: un abbinamento potenzialmente perfetto!

Prima di proseguire, è bene calcolare che esiste una quantità di televisori impressionante che si avvale della tecnologia 4K. Ovviamente, scegliere un prodotto di qualità porterà a vantaggi consistenti per quanto riguarda l’esperienza di gioco. In tal senso, consigliamo di dare uno sguardo anche alle porte presenti e alle tecnologie disponibili sul prodotto acquistato.

Cominciamo a dare dunque uno sguardo specifico alle caratteristiche ideali per far rendere al massimo un PC da gaming con una TV 4K

Collegati alle porte giuste

Come già accennato, la gestione delle porte è fondamentale. Prima di fare qualsiasi altra cosa, assicurati di collegare il tuo PC alla porta HDMI giusta.

Alcuni televisori supportano la risoluzione 4K a 60Hz su determinati ingressi e, anche se il tuo computer non è in grado di supportare giochi 4K a 60 FPS vorrai comunque utilizzare tutta la larghezza di banda che puoi ottenere. Come fare? Controlla il manuale della tua TV o le etichette di ingresso sul retro e collega il tuo PC a una porta che supporta risoluzioni 4K a 60Hz, idealmente tramite HDMI 2.0 o (se disponibile) 2.1.

In caso di problemi, potresti provare anche un cavo diverso, preferibilmente uno con etichetta Premium High Speed o 18 Gbps per HDMI 2.0 e Ultra Premium High Speed o 48 Gbps per HDMI 2.1.

Attiva la modalità gaming

Un altro consiglio utile è quello  di impostare la TV in modalità gioco. Questo può ridurre seriamente l’input lag, rendendo più fluidi e reattivi i tuoi controlli.

Potrebbe essere necessario cercare un po’ nelle impostazioni della TV per trovare questa impostazione, poiché è gestita diversamente per ogni TV (e alcuni prodotti più economici potrebbero non avere nemmeno l’opzione), ma la modalità gioco generalmente offre dei vantaggi concreti ai videogiocatori.

Se hai una TV più recente, potrebbe avere un’opzione per passare automaticamente alla modalità gioco, ma in caso contrario, ci sono alcuni modi in cui potresti essere in grado di imitare questa funzione dove non esiste materialmente. Ad esempio, se hai il PC e le console collegati a un ricevitore con doppia uscita, puoi collegare entrambe queste uscite alla TV, con uno degli ingressi della TV impostato sulla modalità gioco e l’altro sulla modalità film classica.

Gestisci le impostazioni di ingresso della tua TV

Ogni input sulla tua TV ha alcune delle sue impostazioni speciali e potrebbe essere necessario modificarne alcune per una soluzione ottimale in ottica gaming. Ad esempio, se etichetti l’input come PC invece di Console di gioco, potresti ottenere una qualità dell’immagine migliore (anche se il modo in cui viene implementato varia da set a set, quindi provalo e spegnilo per vedere quale preferisci).

Probabilmente vorrai anche attivare la modalità HDR per quell’ingresso (che potrebbe anche essere chiamato HDMI UHD Color, HDMI Deep Color o qualcosa di simile), anche se non hai intenzione di giocare a nessun gioco HDR.

Se trovi che la barra delle applicazioni viene tagliata lungo la parte inferiore dello schermo, dovrai anche disattivare tutte le impostazioni di overscan sulla TV in uso. Potrebbe essere necessario fare un po’ di ricerche su Google per il tuo modello TV specifico, al fine di capire le migliori impostazioni possibili.

Usa la risoluzione scalabile (se possibile)

Non tutti hanno un PC abbastanza potente per i giochi 4K, ma se la tua TV è 4K, non ti conviene la risoluzione del tuo PC su 1080p, poiché le immagini potrebbero patire di sfocatura.

In questo senso, dovrai far in modo che il tuo PC utilizzi comunque una risoluzione 4K, per poter poi usare alcuni trucchi per ridimensionare i giochi da una risoluzione più bassa. Così sarai in grado di ottenere un’immagine complessivamente migliore rispetto alla semplice esecuzione del tuo PC a 1080p, senza grandi differenze di prestazioni.

Innanzitutto, fai clic con il pulsante destro del mouse sul desktop di Windows e scegli Impostazioni schermo. Scorri verso il basso fino a Risoluzione dello schermo e impostalo su 3,840 x 2,160 (dovrebbe esserci la scritta Consigliato tra parentesi accanto ad esso). Ciò assicurerà che il tuo PC emetta un segnale 4K.

Avvia un gioco e inserisci le sue impostazioni video o di visualizzazione. Idealmente, ci sarà un’impostazione chiamata Resolution Scaling (a volte chiamata Render Scale o qualcosa di simile). Questa voce è solitamente un valore percentuale e mostrerà la grafica del gioco a una risoluzione inferiore mantenendo altre parti dell’interfaccia utente a un 4K super nitido.

Ad esempio, se imposti la risoluzione del tuo gioco a 3 840 x 2 160  pixel e cambi il ridimensionamento della risoluzione al 70%, il gioco verrà eseguito a 2 688 per 1 512 pixels con mini-mappe e elementi HUD più nitidi.

Alcuni giochi potrebbero avere ancora più opzioni per colmare questo divario, come Temporal Filtering di Watch Dogs 2 o Adaptive Resolution di Doom Eternal, che possono regolare la risoluzione al volo per mantenerti a un determinato framerate. Sperimenta con queste opzioni, quando le trovi, per vedere cosa ti piace di più: assicurati solo che Windows e il gioco siano impostati su 3 840 per 2 160 pixels prima di agire più specificatamente sul singolo titolo.

Crea risoluzioni personalizzate

Purtroppo, non tutti i giochi hanno le funzionalità di ridimensionamento di cui abbiamo appena parlato. Per i titoli non coperti da queste opzioni, puoi ricorrere a un trucco leggermente più complesso.

Per impostazione predefinita, la tua TV probabilmente riconosce solo alcune risoluzioni 16:9: 1.920 x 1.080 (alias 1080p), 2.560 x 1.440 (alias 1440p) e 3.840 x 2.160 (4K). Creando alcune risoluzioni personalizzate tra questi standard, tuttavia, puoi rendere la grafica più bella senza compromettere le tue prestazioni.

Se la tua scheda grafica è in grado di gestire i giochi a 1080p ma fa fatica a 1440p, ad esempio, potresti scegliere di aggiungere 2.176 x 1.224 o 2.432 x 1.368. Se il tuo computer è in grado di gestire 1440p ma il 4K è semplicemente troppo, 2.944 x 1.656 e 3.200 x 1.800 sono opzioni popolari che sembrano quasi buone come 4K senza causare particolari problemi in termini di prestazioni.

Nvidia e AMD

Ovviamente, le impostazioni per le risoluzioni personalizzate variano a seconda del tipo di scheda grafica in uso.

Nello specifico, se stai utilizzando una scheda Nvidia, fai clic con il pulsante destro del mouse sull’icona Nvidia nella barra delle applicazioni e fai clic sull’opzione Pannello di controllo Nvidia. In Regola le dimensioni e la posizione del desktop, scegli nel menu a discesa Esegui ridimensionamento su GPU, imposta la Modalità di ridimensionamento su Proporzioni e seleziona la casella Sostituisci la modalità di ridimensionamento.

Quindi, vai alla finestra Modifica risoluzione dalla barra laterale e fai clic sulla casella Personalizza. Seleziona la casella Abilita risoluzioni non esposte dallo schermo e fai clic su Crea risoluzione personalizzata per aggiungere nuove risoluzioni alla tua scheda grafica.

Se invece stai utilizzando una scheda AMD, fai clic con il pulsante destro del mouse sull’icona AMD nella barra delle applicazioni e fai clic sull’opzione Apri software Radeon. Fai clic sulla scheda Schermo e, sotto la TV, attiva Ridimensionamento GPU. Quindi, accanto a Risoluzioni personalizzate sul lato destro della finestra, fai clic su Crea. Inserisci la risoluzione desiderata nelle caselle più in alto e fai clic su Salva per salvare la nuova risoluzione.

Nvidia DLSS 2.0

Custom Resolution Utility

Se le opzioni di cui sopra non ti soddisfano o non rendono particolarmente bene sul tuo televisore, dovrai utilizzare uno strumento di terze parti chiamato Custom Resolution Utility (CRU). Abilita il ridimensionamento della GPU come descritto sopra, quindi scarica e avvia CRU.

Per sfruttare questa app, scegli la tua TV dal menu a discesa in alto, quindi sotto la casella Detailed Resolutions, fai clic su Add per aggiungere le tue risoluzioni personalizzate. Quando hai finito di aggiungere risoluzioni, riavvia il tuo computer.

Potrebbe essere necessario armeggiare con altre opzioni avanzate di questo strumento per far funzionare le risoluzioni personalizzate. Con un po’ di pazienza però, dovresti raggiungere l’obiettivo. Se riscontri problemi e non riesci a visualizzare il desktop sulla TV, riavvia in modalità provvisoria, cancella le risoluzioni personalizzate che hai creato e riprova.

Conclusioni

Per sfruttare al meglio un PC da gaming con una TV 4K, è necessario sperimentare. Una volta che le tue risoluzioni personalizzate sono impostate e funzionanti, avvia un gioco e vai alle sue impostazioni video: dovresti scoprire che le tue nuove risoluzioni personalizzate appaiono nel menu. Provane alcuni e vedi quale ti offre il miglior equilibrio tra prestazioni e fedeltà grafica in quel gioco.

Ancora una volta, tutto ciò richiederà un po’ di sperimentazione e ciò che funziona per una TV potrebbe non funzionare per un’altra, poiché hanno tutte caratteristiche diverse. Prova impostazioni diverse e vedi cosa ti sembra migliore per il tuo hardware.


Fonte pcmag.com

Potrebbero interessarti
GuidePCWindows

7 modi per eliminare l'input lag della tastiera in Windows 10

EditorialeGuidePC

Retrobright: come sbiancare le plastiche ingiallite | Guida con video

AndroidGuideGuidePC

Come sincronizzare gli appunti tra Windows e Android

GuidePCWindows

Come visualizzare il conteggio dei cicli di carica della batteria su Windows