Cos'è la CPU Qualcomm Oryon e perché è così interessante?

Oryon CPU
Seguici su Google News

Il 2022 e il 2023 potrebbero diventare annaea molto interessante per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche e i relativi annunci.

Con Google che ha anticipato il suo Pixel 7 e Pixel Tablet vi è stata anche la mossa di Qualcomm, che ha condiviso il nome della sua CPU di nuova generazione ben prima del lancio effettivo del prodotto.

Stiamo parlando di Oryon che costituirà un importante passo avanti tecnologico per Qualcomm e per gli smartphone che andrà a rifornire. Per capire perché stiamo parlando di un’innovazione così consistente, devi considerare che ci sono due modi per costruire un SoC alimentato da Arm.

Acquistare un progetto di CPU Cortex essenzialmente standard da Arm o ottenere una licenza di architettura e costruire una CPU compatibile da zero in (virtualmente) qualsiasi direzione lo sviluppatore ritenga opportuno. Sebbene tecnicamente detentore di una licenza di architettura sin dai tempi della CPU Krait, Qualcomm costruisce piattaforme utilizzando i design della CPU Cortex-A e Cortex-X di Arm dal 2015, sotto il marchio Kryo. Questo è stato molto utile per Qualcomm, in particolare nella corsa a 64 bit negli anni scorsi, ma ha in qualche modo limitato il potenziale dell'azienda quando si tratta di tenere il passo rispetto alle CPU di Apple.

Tutto però, dovrebbe cambiare radicalmente con Oryon. Qualcomm sta tornando a costruire le proprie CPU basate su Arm da zero, con l'obiettivo di competere con Apple, AMD e Intel nel contesto delle alte prestazioni.

qualcomm snapdragon

CPU Qualcomm Oryon: un passo verso il futuro

"Ma perché?" è la domanda più pertinente e, per fortuna, il vicepresidente senior dell'ingegneria di Qualcomm, Gerard Williams, ci ha fornito le informazioni chiave. Durante il keynote del Tech Summit di Qualcomm, il messaggio che è stato fatto passare all’utenza ha riguardato CPU ad alte prestazioni, più veloci, più potenti e più efficienti: il tutto per rivoluzionare l’intero settore.

In poche parole, Qualcomm pensa di poter costruire qualcosa di meglio senza coinvolgere aziende esterne. A quanto pare, le nuove CPU saranno disponibili per computer tanto quanto per il settore mobile.

La storia di Oryon inizia con Apple (e con diverse controversie legali)

Oryon è in realtà il frutto dell'ingegno degli ingegneri di Nuvia, una società acquistata da Qualcomm per 1,4 miliardi di dollari all'inizio del 2021. Nuvia è stata co-fondata dall'ex capo del design della CPU di Apple, ovvero il già citato Gerard Williams, e l’ex System Architect di Google , John Bruno. Qualcomm ha acquistato l'azienda appositamente per la sua esperienza nella progettazione di CPU personalizzate, ma non è l'unica azienda tecnologica trattata da Nuvia.

Durante la sua permanenza in Apple, Williams ha lavorato a stretto contatto su vari core all'interno dei SoC della serie A di Apple, come la CPU Vortex dell'A12, e sulle CPU Cortex-A18 e A15 di Arm in un ruolo precedente. Nel dicembre 2019, Apple ha cercato di citare in giudizio Williams, affermando che aveva iniziato a lavorare su Nuvia mentre era ancora alle dipendenze di Apple.

Le cause legali non sono finite qui, Arm sta attualmente facendo causa a Qualcomm per potenziali violazioni dell'accordo di licenza come parte dell'acquisizione di Nuvia. Arm contesta che Qualcomm non abbia ottenuto il suo consenso per continuare a lavorare sui progetti di CPU personalizzati di Nuvia, anche se detiene una propria licenza di architettura. Qualcomm riconosce prontamente di aver continuato a basarsi sul lavoro di Nuvia nell'ultimo anno e afferma che Arm non ha disposizioni legali per interferire con il modo in cui utilizza la tecnologia Nuvia acquisita.

La creazione della CPU personalizzata protagonista di questo articolo è stata avviata dagli ingegneri Nuvia mentre erano impiegati presso l’azienda stessa e, dopo l'acquisizione di Nuvia da parte di Qualcomm Technologies, la CPU personalizzata è stata completata dagli ingegneri di Qualcomm Technologies.

Comunque si voglia considerare questa situazione, diverse aziende sono molto interessate a ciò che il team di Nuvia ha fatto. La CPU Oryon di Qualcomm rappresenta il culmine di questo sforzo.

Caratteristiche Samsung Galaxy S9: processore Snapdragon 845

Cosa significa Oryon per la strategia di di Qualcomm

Al momento dell'acquisizione, Nuvia stava lavorando a un core basato su Arm ad alte prestazioni per data center. Resta da vedere se Qualcomm abbia continuato su questa traiettoria, ma sappiamo che il primo core CPU Oryon per prodotti di fascia consumer apparirà dapprima nel settore dei computer.

In altre parole, il primo compito di Oryon è accelerare il lavoro svolto da Qualcomm nel tentativo di spingere l'azienda nello spazio di PC e laptop. Questo è un mercato attualmente dominato dai chip AMD e Intel, con Apple che si ritaglia anche un mercato basato su Arm. L'attuale piattaforma Snapdragon 8cx Gen 3 di Qualcomm è ancora relativamente sottodimensionata nel reparto CPU e non è in grado di soddisfare i creatori di contenuti più esigenti e i software più esosi.

L'attuale proposta di laptop di Qualcomm è ancora incentrata sulla durata della batteria prolungata applicazioni potenziate dall'intelligenza artificiale e connettività 5G. Sebbene queste funzionalità siano interessanti, una CPU all’altezza è stata il pezzo mancante della strategia nel suo complesso, ed è qui che Oryon mira a entrare. Resta da vedere se sarà abbastanza potente da competere con l'Apple M2. Ma questo è l'obiettivo implicito delle azioni di Qualcomm.

Oryon contro Apple M2

Ma anche qui c'è un messaggio più ampio. Qualcomm prevede che la sua CPU Oryon alimenterà le piattaforme Snapdragon dai dispositivi mobile ai laptop. “Un'architettura della CPU per dominarli tutti” si potrebbe dire. Va comunque considerato che Qualcomm non ha dichiarato esattamente quanto tempo ci vorrà per lanciare una CPU per smartphone personalizzata.

Tutto ciò potrebbe suonare familiare: si tratta infatti di un’operazione simile a ciò che Apple ha già fatto con la sua licenza per l'architettura Arm. I design personalizzati della CPU di Apple coprono le sue gamme di prodotti: da iPhone a iPad fino ai MacBook. Indubbiamente, il marchio Oryon dovrà coprire una selezione di CPU ampia per poter competere in tal senso, proprio come fa Kryo al giorno d’oggi.

Guida acquisto notebook: CPU

Oryon, alla fine, sarà disponibile sia su smartphone che su laptop

In un certo senso, un ritorno alle architetture CPU personalizzate per gli smartphone sembra non necessario. Abbiamo pensato che Samsung si fosse mossa saggiamente abbandonando le sue CPU personalizzate qualche anno fa. Ma la tecnologia e le strategie economiche dei colossi del settore cambiano in modo molto rapido. Le CPU odierne però, hanno già una potenza di calcolo impressionante. Anche se potrebbe esserci il desiderio di maggiori prestazioni, non ce n'è una reale necessità, e i futuri componenti Cortex-X di Arm continueranno quasi certamente a mantenere un’ampia fetta di mercato.

Tuttavia, tale strategia ha senso se considerata nel contesto di un'unica soluzione informatica multipiattaforma. Per cominciare, Qualcomm sarà in grado di condividere le sue funzionalità basate sulla CPU in più ambiti, come già fa con 5G, imaging e machine learning. Ciò potrebbe includere ottimizzazioni lato sicurezza informatica, ad esempio.

Inoltre, c'è molto che Qualcomm può fare con una licenza di architettura personalizzata. Si parla, tra le altre cose, di ottimizzazioni dell'apprendimento automatico della CPU stessa e altri utilizzi avanzati. Con un maggiore controllo sulla CPU, Qualcomm può, in teoria, tessere ancora più in profondità integrazione tra le sue piattaforme Snapdragon e quindi adattare il tutto ai vari prodotti e piattaforme.

Non ci resta che attendere

Sebbene non sappiamo praticamente nulla della prima CPU Oryon, una cosa è molto chiara: Qualcomm sta impostando molte delle sue strategie a lungo termine sul successo di questo chip. La CPU sarà determinante nel guidare le ambizioni dei dell'azienda, soprattutto nel mercato PC, e potrebbe finire per fornire un altro competitor nel settore, quando il design si assottiglierà. anche per gli smartphone.

Sfortunatamente, Qualcomm non ha dichiarato esattamente quando Oryon debutterà sul mercato. La società potrebbe considerare una prima apparizione della CPU su Snapdragon del 2023, ma è tutto ancora piuttosto vago a ritardo. Potremmo non vedere prodotti con queste componenti nelle mani dei consumatori fino al 2024. Quindi non ci resta che attendere.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2023 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
Ogni giorno pubblichiamo notizie, guide e recensioni. Non perderti niente, iscriviti alla nostra newsletter!



crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram