AndroidGuide

Come migrare l’autenticazione a due fattori di Google

Autenticazione a 2 fattori

L’autenticazione a due fattori (2FA) è uno dei modi migliori e più semplici per proteggere i tuoi account online. Questo sistema funziona inviando un codice di autenticazione sul telefono quando qualcuno tenta di accedere all’account: se quella persona non ha il codice, non può entrare.

Utilizzando un’app 2FA come Google Authenticator o altre soluzioni simili, puoi impedire a qualcuno di accedere ai tuoi dati ottenendo la tua password. Nota bene: puoi ricevere un codice via SMS, ma questo è considerato molto meno sicuro a causa dell’aumento del cosiddetto hacking della SIM.

C’è, ovviamente, un problema. Poiché 2FA utilizza una chiave specifica per il tuo telefono, se perdi o rompi il dispositivo, non puoi semplicemente reinstallare l’app sul tuo nuovo telefono e continuare da lì. Devi trasferire il codice chiave sul nuovo telefono.

autenticazione a due fattori

Autenticazione a due fattori da un telefono a un altro: come fare?

Diverse app di autenticazione lo gestiscono in modi diversi. In questo articolo esaminerò Google Authenticator, incluso il modo più semplice per trasferire l’app su un nuovo telefono se hai accesso a quello vecchio e come prepararti a un possibile problema (come con uno smartphone rotto ).

Google Authenticator ti consente di stabilire 2FA utilizzando il tuo telefono per scansionare un codice QR generato dall’app su un dispositivo separato o inserendo un codice chiave. È un processo relativamente semplice, a meno che tu non scopra di dover spostare l’app su un nuovo telefono.

Poiché 2FA utilizza chiavi di sicurezza specifiche per ogni componente hardware, non puoi semplicemente reinstallare Google Authenticator sul tuo nuovo smartphone e utilizzarlo tranquillamente per accedere. Devi invece trasferire le chiavi sulla tua nuova app.

Il metodo più semplice, soprattutto se utilizzi 2FA con diverse app, consiste nell’utilizzare la funzione di trasferimento dedicata dell’app Authenticator per spostare le chiavi da un telefono all’altro. Tuttavia, ci sono due presupposti qui: primo, che tu abbia accesso sia al vecchio che al nuovo telefono, e secondo, che tu abbia entrambi dispositivi Android. Se uno di questi requisiti non sussiste nella tua situazione specifica, ci sono altri metodi che puoi adottare (di cui parleremo in seguito). Ma prima, ecco il metodo da adottare in una situazione ottimale.

Trasferisci le tue chiavi di autenticazione tra dispositivi Android

Se possiedi due telefoni Android, puoi trasferire i tuoi account su un nuovo telefono esportandoli tramite un codice QR generato dall’app Authenticator. Dopo aver installato l’applicazione prosegui così:

  • tocca Inizia;
  • tocca Scansiona un codice QR (riceverai una griglia e le istruzioni per Inserisci il codice QR all’interno delle linee rosse);
  • apri Google Authenticator sul tuo vecchio telefono;
  • tocca i tre punti in alto a destra dello schermo e seleziona Trasferisci account;
  • seleziona Esporta account (potrebbe esserti chiesto di verificare la tua identità tramite un’impronta digitale, una password o un altro metodo);
  • deseleziona gli account che non desideri esportare e tocca Avanti;
  • a questo punto, ti verrà mostrato un codice QR: centralo nella griglia nel tuo nuovo smartphone;
  • dovresti vedere l’app importata ora elencata nella tua app Google Authenticator nel nuovo telefono.

Nota bene: l’app non verrà eliminata dal tuo vecchio telefono.

factory reset

Metodi alternativi

Usa i tuoi codici di backup

Quando configuri Google Authenticator per la prima volta, potresti ricevere una serie di codici di backup e chiederti di stamparli o salvarli in altro modo. E sicuramente dovresti seguire tale consiglio: salvali, stampali e mettili in un posto sicuro o crea un PDF e salvalo dove nessun altro può accedervi.

Questo è anche il modo per ristabilire le tue chiavi su un nuovo iPhone. Se ti sei perso questo passaggio durante l’installazione, puoi comunque ottenere quei codici di backup. Per questo, devi accedere al tuo account Google e quindi seguire questi passaggi:

  • tocca Sicurezza nella colonna di sinistra;
  • scorri verso il basso e seleziona Verifica in due passaggi (probabilmente dovrai inserire la tua password);
  • scorri verso il basso fino a Codici di backup e seleziona Mostra codici.

Otterrai un elenco di 10 codici. Ogni codice può essere utilizzato una volta; se li usi tutti, puoi ottenerne di più facendo clic su Mostra codici e quindi su Ottieni nuovi codici.

Fare uno screenshot del codice a barre

Un modo per creare un backup in caso di smarrimento del telefono è acquisire e salvare uno screenshot del codice a barre creato per ciascuna app protetta da 2FA. Se hai smarrito i codici di backup, ma hai salvato un’istantanea del codice a barre QR originariamente utilizzato per creare l’autenticazione della tua app, puoi utilizzare quello screenshot per stabilire le tue credenziali su un nuovo telefono.

Basta visualizzare l’immagine in questione sul tuo computer, installare Google Authenticator sul tuo nuovo telefono e utilizzare il segno più sull’app per scansionare il codice a barre. Fallo per ciascuna delle tue app e sarai pronto ad utilizzarle come prima.


Fonte theverge.com

Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Galaxy S22 Ultra arriva in una collezione limitata (con il Galaxy Watch 4)

AndroidNewsSmartphone

Chrome OS 103, Chromebook e smartphone Android collaborano meglio

AndroidNewsSmartphone

ISOCELL HP3, Samsung svela il nuovo sensore da 200 MP: tutti i dettagli

AndroidNewsSmartphone

Dimensity 9000+ è ufficiale: MediaTek lancia la sfida a Qualcomm