Anche se al giorno d’oggi i computer sono estremamente veloci, l’utilizzo di sistemi operativi come Windows 10 per mesi e mesi (se non anni) porta gradualmente a dei rallentamenti.

Non tutti hanno il tempo o la voglia di formattare e, un sistema operativo, a lungo andare si va a sovraccaricare gradualmente. Nonostante esistano diversi software appositamente ideati allo scopo di “pulire” un PC, esistono alcuni trucchetti più diretti da applicare direttamente su Windows 10 per poter rendere tale sistema operativo il più possibile agile e e scattante.

Windows 10 più veloce? Ecco qualche prezioso consiglio!

Ancora prima di soffermarci sui trucchi, è bene sottolineare come sia importante di tanto in tanto formattare (o perlomeno fare dei ghost del sistema). Ciò è estremamente importante soprattutto se sei quel tipo di utente a cui piace provare software e quindi installi e disinstalli programmi di frequente.

Riavviare spesso

Un consiglio scontato? Forse, ma in troppi lo ignorano. Vi è chi tiene Windows 10 acceso addirittura per settimane e, anche se il computer sarà magari in standby durante le ore notturne, non potrà mai riprendere fiato con un bel riavvio.

Per ovviare a questo problema basta spegnere il PC una volta terminata la giornata, oppure utilizzare software come Poweroff che consente di spegnere automaticamente il dispositivo a un’ora precisa.

Un bel riavvio, soprattutto sui computer meno performanti o utilizzati intensamente, può essere un buon metodo per velocizzare notevolmente Windows 10 (e anche i sistemi Microsoft più datati!).

Compact OS Windows 10

Mantieni il sistema operativo aggiornato

Microsoft rilascia continuamente aggiornamenti per Windows 10 progettati per correggere errori comuni che spesso vanno a influenzare negativamente le prestazioni del sistema. Alcuni di questi sono patch quasi impercettibili mentre altre apportano modifiche significative al sistema, massimizzandone l’efficienza.

Se le prestazioni della macchina sono inadeguate alle tue esigenze, clicca sul tasto Windows e, nel campo Cerca programmi e file digita Windows Update. A questo punto potrai avere sotto controllo eventuali aggiornamenti: tieni presente che è sempre e comunque consigliato effettuare immediatamente quelli importanti.

In ogni caso, prima di prendere qualunque decisione in merito, è bene assicurarsi di eseguire il backup dei dati personali prima di procedere. Tieni anche presente che potrebbe essere necessario riavviare il PC più volte per applicare tutti gli aggiornamenti disponibili.

Applicazioni e avvio

Chi conosce bene Windows sa come un grosso problema per quanto riguarda le prestazioni è legato al numero di applicazioni che si avviano con esso. Molti programmi infatti, una volta installati, pretendono di essere avviati automaticamente.

Sfortunatamente ciò, oltre a rendere l’avvio meno rapido, va poi a ripercuotersi fortemente su tutte le tue attività successive. Per controllare quali programmi si avviano con il tuo sistema operativo, apri il Task Manager con Ctrl + Alt + Canc e seleziona la scheda Avvio.

Molto interessante il tal senso sono i valori di Impatto all’avvio, quelle con Alto hanno un’influenza decisamente negativa per quanto riguarda le prestazioni. Per impedire a un programma di avviarsi con l’apertura di Windows 10, fai clic con il pulsante destro del mouse sul suo nome e scegli Disattiva.

Pulizia Disco

Pulizia Disco è una feature di Windows straordinariamente efficace. Puoi usarla per eliminare i file temporanei che si accumulano sul tuo computer come file di programmi scaricati e pagine web offline.

Fai clic sul menu di Windows e digita Pulizia disco nella barra di ricerca. L’utility ti offrirà una scelta di file da rimuovere. Contrassegna semplicemente la casella di controllo accanto a ciascuna opzione presente. Fai clic su Ripulisci file di sistema per iniziare. Pulizia Disco ti darà anche una stima della quantità di spazio che recupererai.

Disinstallare software non utilizzato

Vi sono persone che collezionano programmi come se fossero francobolli o schede telefoniche. Se a ciò si vanno ad aggiungere i software di terze parti che spesso sono venduti in bundle con i computer e non vengono mai utilizzati.

Prenditi qualche minuto di tempo e comincia a liberare prezioso spazio su disco: per controllare quali sono i programmi installati vai su Pannello di controlloProgrammiProgrammi e funzionalitàDisinstalla un programma.

Fai clic con il tasto destro del mouse su tutti i programmi che non ti servono più e seleziona Disinstalla. Windows 10 chiederà il permesso di apportare modifiche al tuo sistema. Dai conferma per eliminare questi software.

velocizzare il PC

Eliminare gli effetti grafici superflui

Come i suoi predecessori, Windows 10 viene rallentato notevolmente anche dagli effetti grafici che lo accompagnano. Dissolvenze, effetti traslucidi e animazioni varie infatti, vanno a influire in maniera negativa sulle prestazioni.

Per eliminare il superfluo e rendere il tuo sistema operativo più performante, apri il menu di Windows e cerca Sistema, quindi vai sulla scheda Impostazioni avanzate e seleziona Impostazioni delle prestazioni.

Sotto la scheda Effetti visivi, fai clic sul pulsante di opzione Personalizzato. Da qui, puoi deselezionare le caselle di spunta accanto a eventuali effetti visivi che desideri disabilitare. Fai clic su Applica per confermare le modifiche.

Disattivare le trasparenze

Similarmente a quanto appena affermato, Windows 10 utilizza anche effetti di trasparenza per alcune funzionalità come il menu delle attività. Questo effetto apparentemente leggero è in realtà piuttosto complicato da gestire per il tuo computer e dunque pesa a livello di prestazioni.

Per disabilitare gli effetti di trasparenza, apri il menu di Windows e digita Attiva/Disattiva trasparenza per le finestre nel campo di ricerca. A questo punto ti basterà deselezionare Attiva trasparenza per eliminare questo effetto spettacolare ma al contempo dispendioso in termini di prestazioni.

Operazioni di manutenzione generale

Windows 10 dispone di una utility integrata che esegue attività di manutenzione di routine del sistema, come la deframmentazione del disco rigido, la scansione degli aggiornamenti e il controllo della presenza di malware.

Queste attività di solito vengono eseguite in background mentre il PC è inattivo, ma se si è notato un problema con le prestazioni del sistema è possibile eseguire manualmente la manutenzione, se lo si desidera.

Per avviare queste preziose funzioni, apri il Pannello di controllo, seleziona Sistema e sicurezza, quindi scegli Sicurezza e manutenzione. Fai clic sulla freccia per espandere le opzioni di manutenzione e da qui seleziona Avvia manutenzione.

Ricordati di chiudere e salvare tutti i file aperti prima di proseguire.

Aumenta la RAM

La velocità generale del tuo PC può essere enormemente migliorata aumentando la quantità di memoria virtuale (RAM). Windows 10 richiede un minimo di 4 GB per funzionare senza problemi, anche se questo non tiene conto delle applicazioni che richiedono più risorse come i videogiochi di ultima generazione.

La soluzione più semplice è installare più RAM. Il PC ha un certo numero di “slot” di RAM in cui è possibile inserire i chip. Per determinare il tipo di memoria utilizzata dalla macchina, apri Task Manager, quindi fare clic su Prestazioni. Il sistema mostrerà tutti gli slot di memoria in uso e il tipo di utilizzo.

Seppur montare un banco RAM sia un’operazione piuttosto semplice, se non hai particolare dimestichezza con l’hardware è consigliabile evitare di improvvisarsi tecnici e rivolgersi a professionisti del settore.

Usare un hard disk SSD

Un metodo leggermente dispendioso ma che al contempo garantisce una grande velocità,  quello di installare un hard disk SSD sul tuo computer. Utilizzare una memoria Flash (la stessa che si trova nelle penne USB), è possibile ottenere tempi di accesso e di scrittura molto più rapidi rispetto ai tradizionali dischi rigidi meccanici.

Gli SSD costano molto più per GB rispetto ai normali dischi rigidi, ma se sei disposto a pagare il costo, noterai un enorme miglioramento in termini di tempo di avvio, tempi di accesso ai file e reattività complessiva del sistema.