Quando si tratta di preparare presentazioni, PowerPoint è considerato uno dei software più affidabili. Nonostante ciò, negli ultimi anni si sono rese disponibili diverse app che hanno ormai formato una concorrenza piuttosto agguerrita. Per quanto riguarda l’universo Apple per esempio, spicca Keynote, un software che per molti versi è più semplice da usare rispetto a quanto offerto da Microsoft.

La diffusione dei formati .ppt e .pptx di Powerpoint però, possono creare qualche grattacapo a chi fa affidamento a Keynote. In questo articolo spiegheremo come trattare le suddette estensioni e trasformarle in file leggibili anche dall’app per macOS.

Da Powerpoint a Keynote: come convertire le presentazioni?

Se il tuo collega utilizza un software diverso dal tuo, convertire un file da Powerpoint a Keynote può esserti estremamente utile. Per cominciare questa procedura, apri la presentazione di PowerPoint in Keynote. Il software di Apple supporta questi formati, anche se ti avvertirà con dei pop-up che qualcosa non va come dovrebbe.

Il problema più comune che incontrerai è la mancanza di alcuni caratteri. Trattandosi di un prodotto Microsoft, per impostazione predefinita è PowerPoint utilizzare i caratteri Microsoft. Dal momento che questi non sono disponibili in Keynote, dovrai scegliere alcune alternative. Per assurdo, potresti dover sostituire un font con un altro…  con lo stesso nome! Per esempio, apparentemente l’Helvetica usata in PowerPoint non è la stessa della versione di Helvetica di Keynote (pur chiamandosi allo stesso modo).

Non solo i caratteri: ecco gli altri possibili problemi

Mentre la mancanza di font costituisce il problema più comune, vi sono altri tipi di problemi che potresti incontrare. I grafici, per esempio, possono dover far fronte a diverse problematiche quando importano un file da PowerPoint a Keynote. Negli scenari peggiori, potrebbe essere necessario sostituire completamente un componente grafico. Ci sono altri problemi in cui potresti imbatterti, a seconda del numero di funzionalità di PowerPoint che usi. Un elenco di ciò che è e non è compatibile tra i due software è presente sul sito Apple.

Il consiglio in questo caso è, se si è consapevoli del fatto che la presentazione passerà da un’app all’altra, è di mantenerla quanto più possibile semplice e basilare. Eventualmente effetti particolari e funzioni avanzate potranno poi essere aggiunte dopo l’esportazione direttamente da Keynote.

Testa la tua presentazione

Una volta apportate le modifiche necessarie, il passaggio successivo dovrebbe essere un rapido test della presentazione. In questo modo puoi verificare eventuali altre funzionalità incompatibili o altri problemi di varia natura. Naturalmente il tutto va fatto con sufficiente margine temporale prima dell’utilizzo della presentazione per evitare spiacevoli sorprese in fase di utilizzo.

Salva la presentazione come un file di Keynote

Funziona tutto a dovere? Bene! Non ti resta altro che salvare il file. Una volta che la presentazione viene salvata da Keynote la maggior parte dei problemi dovrebbe essere alle spalle. Se vuoi però essere sicuro al 100% di non avere spiacevoli sorprese, puoi sempre chiudere il file salvato e riaprirlo per effettuare un nuovo test. Come è facile intuire, è meglio individuare in anticipo i problemi, anziché scoprirli nel bel mezzo di una presentazione, magari davanti a decine di persone.

Altre opzioni

Si sono presentati altri problemi che non riesci a risolvere? Ricordati che, tra le altre cose, puoi comunque installare e usare Powerpoint anche sul tuo Mac. Puoi dunque provare il file prima sul programma Microsoft per vedere se i problemi del sono imputabili alla conversione o risiedono nella presentazione stessa.

In casi estremi o se hai particolarmente fretta, la conversione a Keynote potrebbe non essere un’opzione. Se un file Powerpoint fa le bizz e non hai il software a portata di mano, c’è comunque una soluzione. Proprio come con un file di Microsoft Word, puoi aprire un file .pptx o .ppt nella versione web di PowerPoint. Pur trattandosi di una versione ridotta infatti, questa è facile da utilizzare e consente di mettere una pezza a una situazione che richiede una risoluzione immediata.