Consigli per gli acquistiGuidePC

Perché è così importante scegliere l’alimentatore giusto quando assembli un PC?

L’alimentatore è una componente fondamentale per qualunque tipo di computer. Nonostante non sia caratterizzato da alta tecnologia e non sia un hardware che modifichi in maniera considerevole le prestazioni della macchina, è essenziale per il corretto funzionamento di un PC.

Una soluzione non adeguata o, ancora peggio, difettosa infatti, può causare danni notevoli al computer. Che tu sia un utente curioso o una persona in grado di assemblare un PC, in questo approfondimento andremo ad analizzare come scegliere l’alimentatore più adatto alle tue esigenze.

Controllare l'alimentatore

L’alimentatore è un elemento essenziale per qualunque tipo di computer

Quando accendiamo una luce, apriamo un rubinetto o camminiamo lungo una strada ben asfaltata, non pensiamo spesso alle meravigliose infrastrutture che rendono tutto ciò possibile. Ma se qualcuno non si fosse preso il tempo di pensarci, non potremmo godere di tutte le comodità della vita moderna.

Lo stesso discorso si può fare nel contesto di un computer. Siamo ossessionati dal numero di core di una CPU o dal numero di unità di calcolo in una GPU, ma raramente pensiamo a ciò che rifornisce costantemente di energia la macchina su cui girano tutte queste componenti hi-tech. Ovviamente non è necessario pensare troppo all’alimentazione, ma, se non lo consideri affatto, potresti ben presto rimpiangere questa mancanza.

Se il tuo computer non riceve abbastanza energia o se l’alimentatore non funziona correttamente, potrebbero verificarsi numerosi problemi. Il sistema potrebbe non avviarsi oppure potrebbe diventare instabile o il computer potrebbe semplicemente spegnersi quando la richiesta di energia è troppo elevata. C’è anche la possibilità che i componenti più costosi possano essere danneggiati da questa instabilità energetica.

La buona notizia è che non devi entrare troppo nei dettagli per scegliere un buon alimentatore. Ci sono molti strumenti online che ti aiuteranno a capire a quale prodotto rivolgerti per avere un adeguato supporto elettrico.

Watts

Come i core stanno alla CPU, così il wattaggio è per un alimentatore.

Una buona regola pratica è “sforare” circa del 25% o più rispetto alle reali necessità, così da avere un margine di sicurezza rispetto all’output previsto per il tuo PC. Quindi, se la tua uscita massima prevista è di 400 Watt, un alimentatore da 500 o 550 Watt sarebbe ideale, anche in previsioni di futuri upgrade per quanto concerne l’hardware.

Quindi, come calcoli il tuo output previsto? Puoi utilizzare un sito come PC Part Picker, che ti mostrerà i requisiti di Watt previsti in base ai componenti montati sul computer in uso. Ci sono anche molti calcolatori di alimentazione online, come quelli di Newegg e Extreme Outer Vision. Non sorprenderti se ogni calcolatrice fornisce una raccomandazione diversa poiché si tratta solo di stime, che variano a seconda del tool utilizzato.

Rating

Se osservi degli alimentatori in commercio, vedrai che hanno valutazioni 80 Plus che prendono il nome da metalli diversi con cui sono costruiti, tra cui bronzo, argento, oro, platino e titanio. Per non elencare tutti i materiali usati, si utilizza questa formula di Rating.

Queste sono valutazioni di efficienza e affidabilità. 80 Plus significa che l’alimentatore è efficiente all’80% o superiore a carichi (le richieste di alimentazione sull’alimentatore) del 20%, 50% e 100% a 115 volt e 230 volt. I requisiti di efficienza cambiano, a seconda della capacità e della tensione, e più prezioso è il nome del metallo nella classificazione, più efficiente è l’alimentatore stesso.

Ad esempio, al 50% di carico e 115 V un prodotto con rating 80 Plus bronzo dovrebbe raggiungere almeno l’85% di efficienza, mentre un alimentatore in titanio a quel carico e tensione dovrebbe essere efficiente al 94%.

Parte del motivo per cui sono state sviluppate queste valutazioni di efficienza è che, come per la maggior parte dei dispositivi elettrici, anche questi componenti non sono efficienti al 100%. In effetti, perdono energia sotto forma di calore. Si tratta comunque di una dispersione minima, che non influenza più di tanto le prestazioni.

alimentatore computer

Altre caratteristiche

Sia che tu stia costruendo il tuo PC o semplicemente sostituendo questo preciso componente su una tua vecchia macchina, ci sono altri parametri da non dimenticare. Il primo riguarda l’eventuale scelta di un alimentatore modulare, semi-modulare o non modulare.

Un alimentatore modulare viene fornito senza alcun cavo collegato ed è solitamente indicato come completamente modulare nei negozi online e non. Con un componente di questo tipo, spetta al costruttore del PC collegare i cavi di cui ha bisogno. Una struttura semi-modulare, invece, ha un numero di cavi che non sono staccabili. Di solito sono gli elementi essenziali, come il cavo di alimentazione a 24 pin, il connettore di alimentazione per la CPU e altri.

Qualsiasi altra cosa di cui hai bisogno può essere aggiunta proprio come con una fornitura modulare. Quando fai acquisti in giro, le PSU semi-modulari possono essere chiamate modulari o semplicemente semi-modulari. Infine, ci sono anche alimentatori non modulari con tutti i cavi collegati in modo permanente.

Il più grande vantaggio di un alimentatore completamente modulare è che hai sotto controllo quanti cavi sono presenti nella parte posteriore del tuo PC. Anche con un’unità semi-modulare, puoi contenere il numero di cavi presenti nel case. I prodotti non modulari tendono ad essere un po’ più economici degli altri due, ma dovrai occuparti di gestire un sacco di cavi sul retro del case, il che può essere un vero fastidio. Se puoi spendere un po’ di soldi extra, vale la pena optare per almeno un modello semi-modulare, per mantenere un po’ di ordine.

Consigliamo anche di attenersi a un alimentatore di un brand piuttosto noto. Ci sono tonnellate di prodotti proposti da ditte semi-sconosciute. Anche se i costi possono risultare più bassi, ciò potrebbe rendere tale componente meno affidabile. Cerca, per quanto possibile, di andare sul sicuro. Aziende come Corsair, EVGA, Cooler Master, Thermaltake e altre, offrono sicuramente un pizzico di garanzie in più.

Infine, ti suggeriamo di prestare molta attenzione alla garanzia. Anche se spesso non pensiamo a questa caratteristica, è una parte cruciale quando parliamo di questa tipologia di componenti. Ci sono molti alimentatori disponibili con garanzie di 5 o 10 anni, il che significa che puoi essere più certo che queste unità avranno probabilmente una longevità maggiore rispetto al computer stesso. E se non lo fanno, puoi sempre presentare un reclamo ai produttori.

Quale alimentatore comprare?

Abbiamo stilato una piccola lista di alimentatori di ottima qualità che si adattano a differenti tipologie di utilizzo e che sono perfetti sia per un semplice PC da ufficio che per computer da gaming più esosi di energia e risorse.

banner telegram - canale offerte

Bio autore

Articolista, scrittore, copywriter, newser e SEO con la passione per sport, informatica e tecnologia. Ho la fortuna di vivere lavorando a tempo pieno su quelle sulle mie passioni.
    Potrebbero interessarti
    AccessoriAndroidConsigli per gli acquisti

    I migliori caricabatterie per smartphone ad energia solare

    GuidePC

    Come risolvere i problemi con il microfono su Windows 10

    GuidePC

    L'app Foto di Windows 10 è troppo lenta? Ecco come risolvere

    PCWindows

    Come eliminare i file in modo sicuro in Windows