motorola-moto-x

Motorola ha presentato il 1° Agosto 2013 Moto X: questo smartphone, disponibile solamente in America, è destinato a rivoluzionare il mondo Android. Andiamo ad analizzare il nuovo prodotto della casa americana rilevata da Google che ha il duro compito di risollevare le sorti dell’azienda!




Motorola Moto X: la recensione di Outofbit

Prima di tutto andiamo ad elencare, per chi non le sapesse, le caratteristiche tecniche di questo smartphone:

Sistema operativo Android 4.2.2
Videocamera Fotocamera posteriore: 10,5 MP, Video in 1080p Full HD a 30fps, autofocus, flash LED
Fotocamera frontale: 2 MP con registrazione di video HD
Alimentazione Batteria da 2200 mAh
Consumo 13 ore in conversazione
CPU Qualcomm Snapdragon S4 pro Krait, Dual core 1.7 GHz
GPU Adreno 320
Memoria 16 o 32 GB flash, 2 GB RAM
Display 4,7″ (16 milioni di colori)
Risoluzione 1280×720 px (316 PPI)
Peso 130 grammi

Design del Moto X

Il display del Moto X da 4.7 pollici è un ottima scelta: essendo in un era nella quale lo schermo tende sempre ad ingrandirsi la scelta è stata azzeccata. Si può usare lo smartphone tenendolo semplicemente con una mano: pur avendo la stessa diagonale dell’ottimo Nexus 4, il Moto X risulta più piccolo (questo significa che lo spazio “morto” è stato ridotto al minimo).

Il design del Moto X è molto raffinato e curato: il retro dello smartphone è curvo e grazie ad alcuni effetti ottici sembra che lo schermo “continui” anche sui fianchi e sul retro. Motorala non ha voluto creare a tutti i costi uno smartphone ultra sottile: nel punto più sottile misura 10. 4 mm che sembrano molto meno grazie al retro curvo.

I tasti relativi al volume e all’accensione/sblocco/spegnimento sono collocati nel lato destro dello smartphone e sono facilmente raggiungibili utilizzandolo con un mano sola.

Il Moto X pesa 130 grammi: un po’ più della media ma nulla che vi spezzi il polso o vi crei problemi ad utilizzarlo.

Personalizzazione con Moto Maker e come comprarlo

motorola-moto-x-2

Moto X è il primo smartphone al mondo personalizzabile: attraverso Moto Maker potrete scegliere il coloro del retro (disponibili tantissimi colori), il colore della parte frontale (bianco o nero),il colore dei pulsanti power e di regolazione del volume, il colore della “guarnizione” attorno alla fotocamere, incidere una scritta qualsiasi sul retro e avera una schermata di boot personalizzata. Non è grandioso?

Dopo aver scelto la vostra combinazione preferita, l’ordine sarà inviato alla fabbrica a Fort Worth, Texas ed entro 4 giorni sarà prodotto il vostro personale Moto X.

Passiamo alle brutte notizie: tutto ciò è possibile solamente negli USA con operatore AT&T. La scelta di renderlo disponibile solo in America è in linea con quanto detto da Motorola (il cellulare è disponibile solamente in USA: è una scelta non molto intelligente per un’azienda che deve recuperare quote di mercato ma probabilmente non vogliono prendere troppi rischi) ma la scelta di rendere disponibile Moto Maker solo per i clienti AT&T non ha molto senso: in questo modo gli utenti di altri operatori o quelli che lo vogliono prendere senza contratto non potranno personalizzarlo ( Verizion ha promesso che Moto Maker arriverà per i propri clienti ma bisognerà aspettare ancora molte settimane).

Come si può comprare il Moto X? Ovviamente bisogna recarsi negli USA e ci sono due possibilità:

  1. Prenderlo tramite contratto a $199 (ma dovete risiedere negli USA o avere un parente lì) con 16 GB di memoria interna oppure spendere $50 in più e prenderlo da 32 GB
  2. Prenderlo senza contratto a $579

Hardware del Moto X

Moto X usa il “X8 Mobile Computing System”: in cosa consiste? Il processore è un Qualcomm Snapdragon S4 Pro da 1.7 GHZ (accompagnato da una GPU Adreno 320): due core saranno dedicati ai processi relativi alle applicazioni mentre quattro sono riservati alle operazioni grafiche. Gli altri due core saranno dedicati al riconoscimento vocale e ad altre novità software.

Questi due processori serviranno a due cose: eseguire velocemente i comandi vocali e ottimizzare i consumi di energia.

Il display è da 4.7 pollici Super AMOLED con risoluzione 720×1080 (HD Ready): la riproduzione dei colori è buono e la risoluzione HD Ready aiuterà a ridurre i consumi della batteria. 921.600 pixel sono molto più facili da alimentare rispeto a 2.07 milioni: la differenza ad occhio nudo è quasi impercettibile su smartphone con questa diagonale e per questo motivo Motorola ha scelto di rinunciare al Full HD

Per quanto riguarda la memoria interna, sono disponibili i tagli da 16 GB (più facile da trovare ma con 11 GB disponibili all’utente) e 32 GB (disponibili solo preso AT&T): non è presente nessun slot Micro SD (come da tradizione Google: in questo modo non si pagano le royalties a Microsoft) ma sarà possibile di usufruire, loggandosi attraverso l’app preinstallata,  di 50 GB gratuiti su Google Drive per due anni.

Nonostante sia stato definito da molti un telefono di fascia media, le prestazioni nell’uso quotidiano del terminale sono ottime: zero lag e non ci sono problemi neanche quando si utilizzano giochi come Riptide GP 2.

Durata delle batteria

Come da tradizione Motorola, anche il Moto X avrà una batteria dall’elevata durata: nonostante i  2200 mAh possano sembrare nulla di eccezionale, grazie all’architettura particolare di questa batteria la capacità complessiva di accumulo di energia è maggiore del 31% rispetto alle classiche batteria.

Motorola afferma che il suo smartphone durerà ben 24 ore con una sola ricarica: ovviamente va detto che ciò vale per un utilizzo medio, con connessione frequente al wi-fi e un ottimo segnale di rete ( cosa che in Italia non sempre è disponibile).

Ovviamente questo risultato straordinario è reso possibile anche grazie all’ottimizzazione hardware (Qualcomm ha fatto un buon lavoro con lo Snapdragon S4) e ad alcune novità software.

Software integrato

 

 

Moto X per quanto riguarda l’interfaccia assomiglia molta ad Android stock dei Nexus in quanto non sono presenti personalizzazioni pesanti: ovviamente cambiano wall paper, suonerie e alcune opzioni nelle impostazioni.

Questo smartphone è stato presentato con Android 4.2.2 ma l’aggiornamento ad Android 4.3 non è lontano: ovviamente tutto dipenderà, come solito accadere in USA, dagli operatori telefonici.

Controllo touchless

Con Touchless Control potrete utilizzare diverse funzionalità utilizzando la vostra voce: la novità rispetto agli altri dispositivi è che non dovrete più toccare alcun bottone e/o menù virtuale grazie al core dedicato ad analizzare le voci esterne. Ecco alcuni comandi utilizzabili:

  • Make phone calls: “Call Jerry.” One downside here: Even in “Drive mode” (see “Moto Assist”), placing a call through Google Now If you’re connected to a Bluetooth hands-free device, it’ll properly make the call through that.
  • Get directions: “Driving directions to Jerry’s bar.”
  • Send messages: “E-mail Jerry, subject: I’m coming to the bar” or “Text Jerry: Are you at the bar?”
  • Set reminders: “Remind me to go to Jerry’s bar.”
  • Ask questions: “Where is Jerry’s bar?”
  • Schedule a meeting: “Schedule an appointment to go to Jerry’s bar on Tuesday for breakfast.”
  • Play music or movies: “Play Grace Potter & The Nocturnals.” (This may require a little extra action on your part, depending on how you do your media.”
  • Set alarms: “Set alarm for 6 a.m.” or “Wake me at 6 a.m.”
  • Web searches: “Show me pictures of cats.”

Motorola Skip

Motorola Skip è una specie di tag NFC che è possibile attaccare ai propri vestiti: basterà tirare  fuori lo smartphone dalla tasca, “tappare” su Skip e Moto X si sbloccherà: sarà gratuito, per un periodo limitato, per coloro che ordineranno un Moto X personalizzato attraverso Moto Maker.

Motorola Assist

Motorola Assist ricorda il vecchio “Smart Actions” e sono disponibili tre modalità: guida, incontri/riunioni e riposo.

Nel caso foste alla guida, potrete scegliere la lettura a voce alta delle chiamate in arrivo e dei messaggi di testo. Se volete, potreste impostare il Moto X in modo che invii una risposta automatica del tipo ” sto guidando e non posso guidare: appena arrivo a destinazione ti richiamo” in modo da non venir distratti nella guida. Ovviamente ciò funzionerà anche per le altre modalità: nel caso della modalità riunione potrete scegliere l’opzione “silenziatore” in modo da non ricevere alcun avviso durante le riunioni ( Moto X saprà se siete in riunione o meno in base agli “eventi” segnati nel calendario”) e vibrare solamente se alcuni contatti vi chiamano due volte in 5 minuti.

Di sicuro è un’ottima funzionalità che migliorerà l’ecosistema Google e invoglierà gli utenti a immagazzinare le proprie informazioni all’interno delle app Google.

Motorola Connect

Motorola Connect permetterà, grazie ad un estensione di Google Chrome, di visualizzare sul browser le notifiche relative alle chiamate in arrivo/perse, messaggi di testo ed email: l’estensione è facile da usare e in pochi passaggi si accede al servizio.

Fotocamera

La fotocamera posteriore del Moto X è da 10 MP mentre quella anteriore è 2 MP: entrambe sono equipaggiate di tecnologia “clear pixel” per fare in modo che i pixel rossi, verdi e blu ricevano più luce e la messa a fuoco venga migliorata. Le foto saranno scattate in formato 16:9 e i video saranno registrati a 1080p. Le foto scattate con questo dispositivo non all’altezza di HTC One e Samsung Galaxy S4 in quanto le foto appaiono troppo scure e fredde: i colori non corrispondono perfettamente e si hanno problemi  con la messa a fuoco. Ovviamente facendo vari scatti si ottengono foto all’altezza ma bisogna lavorarci molto (sia facendo diversi scatti sia utilizzando alcuni software specifici).

Ecco alcune funzionalità della fotocamera:

  • HDR: presente anche una modalità “Auto HDR”
  • Flash
  • Tap to focus: bisogna tappare un po’ di volte prima di trovare la messa a fuoco ideale
  • Slow motion video
  • Panorama
  • Geo-tagging:
  • Shutter sound
  • Shorcut: è possibile avviare la fotocamera girando il terminale due volte (ovviamente si consiglia di farlo con molta attenzione per evitare cadute/lanci imprevisti )

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere attraverso i commenti!