In questo approfondimento vediamo le similitudini e le differenze fra Xbox One, Xbox One S e Xbox One X al fine di capire quale console sia meglio comprare

Già lo sai. E se non lo sai, dove sei stato finora? Quando si parla di Xbox, devi infatti capire che non esiste solo la One, ma anche la One S e la One X. Non ne hai mai sentito parlare? Poco male, perché oggi vedremo esattamente qual è la differenza fra Xbox One, Xbox One S e Xbox One X, che uscirà il 7 novembre 2017 con l’etichetta “Project Scorpio”. E non dimenticate di leggere la nostra recensione di Nintendo Switch.

Xbox One (novembre 2013)

xbox one

La Xbox One oggi è un grande classico delle console, utilizzatissima da tanti amanti dei videogiochi, ma anche abbastanza datata, considerando il fatto che è uscita sul mercato nell’oramai lontano novembre 2013, esattamente una settimana dopo la Playstation 4, che poi rappresenta la sua diretta concorrente per quanto concerne le console di ultima generazione. La suddetta Xbox era un po’ più lenta della PS4 e anche più costosa, ma includeva il Kinect: non è bastato, però, perché la Sony l’ha facilmente surclassata con l’ultimo modello di Playstation. Poi le cose sono cambiate: la Microsoft ha tirato i remi in barca, ha tolto il Kinect dal bundle e ha abbassato il prezzo, riconquistando la sua fetta di mercato.

Xbox One 500 GB è in vendita a circa 299 euro su Amazon.

Xbox One S (agosto 2016)

xbox one s

La Xbox One S è il modello più recente della console Microsoft, ma in cosa differisce dalla comune Xbox One? La console appare più snella e leggermente più veloce, grazie ad alcuni miglioramenti a livello hardware. Di fatto si tratta di una scelta oggi obbligata, considerando che costa quasi quanto la Xbox One originaria. Esistono comunque altre differenze: la One è nera, mentre la One S è bianca, ed è più piccola del 40% rispetto alla Xbox One di prima generazione, dunque anche il peso è decisamente inferiore. Poi presenta una porta USB sulla parte anteriore della console, invece che sulla parte posteriore: una scelta molto intelligente. E può anche essere posizionata in verticale, cosa che non puoi fare con la Xbox One.

Va anche detto che la One S non possiede una porta per collegare il Kinect, dunque per poterlo utilizzare devi comprare un adattatore apposito da collegare alla porta USB della console. Anche il controller in bundle con la Xbox One S è bianco, ed include alcuni piccoli miglioramenti, come i manici ergonomici e persino il Bluetooth: cosa che ti consente di collegarlo ad un PC Windows senza adattatore. Nonostante questo, sulla Xbox One S – se vuoi – puoi utilizzare anche i vecchi controller Xbox One.

Ma sotto il cofano, com’è il comparto hardware della One S? c’è il supporto per il 4K e la modalità HDR, ma ovviamente funzionano solo se hai una TV 4K o HDR, sennò non noterai alcuna differenza. Ma va comunque specificato che la Xbox One S non è abbastanza potente per giocare in 4K, dato che il suddetto supporto è stato pensato soprattutto per i film ed in genere i contenuti video online come quelli di Netflix. Se da un lato non consente di avviare i giochi in 4K, di contro funziona abbastanza bene con quelli che sfruttano l’HDR, a patto che siano stati sviluppati con questa tecnologia. Tecnicamente parlando, la One S è anche leggermente più potente della One, dato il processore grafico più recente: in realtà, la differenza in game è praticamente impercettibile.

Xbox One S 500 GB è la console più conveniente e viene venduta su Amazon a 229 euro.

Xbox One X (Project Scorpio – 7 novembre 2017)

xbox one x

La Xbox One X, nota anche come Project Scorpio, uscirà ufficialmente sul mercato intorno al 7 novembre 2017. Si tratta di una opzione da tenere d’occhio, dato che la Microsoft stessa l’ha definita “la console più potente al mondo”: ma non c’è granché da fidarsi, dato che la medesima frase era stata puntualmente utilizzata per ogni versione precedente della Xbox. La vera novità sarà il fatto che la Xbox One X supporterà finalmente i videogiochi in 4K nativo, dunque realizzati con questa risoluzione, e includerà anche una unità Blu-Ray Ultra HD, così da poter sostenere i giochi in 4K più dispendiosi e complessi. Il costo si aggirerà intorno ai 500 euro: basso se pensi alla Xbox One X come ad una console nuova, abbastanza alto se la inquadri come un semplice aggiornamento.

In realtà si tratta di una via di mezzo. Non è ovviamente una console di ultima generazione, ma l’upgrade a livello hardware sarà comunque molto interessante, e potrebbe valere la spesa. Il motivo è dovuto al fatto che il supporto per il 4K includerà anche un frame-rate più veloce, e dunque una pulizia dell’immagine attualmente impossibile sulla One e sulla One S. Anche i tempi di caricamento saranno più rapidi, e la console sarà retro-attiva, dunque ti permetterà di giocare anche ai giochi delle due versioni precedenti. Stando alle specifiche tecniche, a livello di hardware e prestazioni la Project Scorpio sarà 4 volte e mezzo più potente della Xbox One. Le suddette specifiche le consentiranno anche di gestire i giochi in realtà virtuale (VR), ma il dubbio viene, considerando che sarà tutto sommato simile alla PS4 Pro, che invece ha un prezzo più basso di 100 euro. Non ti resta che attendere, dunque, la nostra recensione ufficiale!