Guide

Cos’è e come funziona l’HDMI VRR

HDMI vrr

Tra le principali novità degli ultimi anni per il settore di monitor e TV troviamo il debutto del nuovo standard HDMI 2.1 che porta con sé tante funzionalità inedite. In particolare, tra le principali specifiche dell’HDMI 2.1 c’è il VRR, acronimo di Variable Refresh Rate. Si tratta di una funzionalità fondamentale per garantire una corretta regolazione del frame rate durante le sessioni di gaming.

Con l’arrivo delle nuove console PlayStation 5 e Xbox Series X | S, il gaming con frame rate elevato non appartiene più esclusivamente al mondo PC. I possessori delle nuove console potranno beneficiare dello standard HDMI 2.1 e del supporto al VRR. Grazie a questa nuova funzionalità, i videogiocatori potranno contare su miglioramenti notevoli nella gestione di flussi video ad elevati frame rate.

Le sessioni di gioco, a differenza di film ed altri contenuti video, sono caratterizzate da un frame rate incostante e soggetto a cambiamenti improvvisi, legati alle varie condizioni di gioco. Ad alti frame rate, tali variazioni possono diventare significative con una perdita di qualità delle immagini riprodotte a schermo. Sfruttando l’HDMI 2.1 e la funzionalità VRR diventerà ancora più semplice giocare con un frame rate elevato.

Ecco, quindi, che cos’è il VRR e come può essere utilizzato dai videogiocatori per massimizzare l’esperienza di gioco, in particolare sulle console di nuova generazione.

Cosa fa il VRR

La presenza del supporto al VRR garantisce una marcia in più ad un TV che viene utilizzando per il gaming, in particolare con le nuove console next-generation come PlayStation 5 e Xbox Series X. Tali console, infatti, sono in grado di spingere anche i titoli più pesanti verso frame rate molto elevati. Per la gestione di questi flussi video, caratterizzati da frequenze di aggiornamento dei fotogrammi di gran lunga superiori alla precedente generazione, è necessario poter contare sull’hardware giusto.

Utilizzando un TV con supporto VRR sarà possibile ottenere prestazioni migliori. Un TV di questo tipo, infatti, abbina in modo dinamico la sua frequenza di aggiornamento con la frequenza di aggiornamento dei fotogrammi del gioco elaborati dalla console. Questa funzione, quindi, garantisce un netto miglioramento della gestione dei frame, senza perdita di qualità delle immagini riprodotte sullo schermo, anche in caso di frequenze di aggiornamento elevate.

La presenza del supporto al VRR per un TV è un vantaggio notevole per i videogiocatori e permette di evitare variazioni improvvise della frequenza di aggiornamento e cancellare i fenomeni di stuttering, ovvero micro scatti del video.

Un altro fenomeno legato alla variazione della frequenza d’aggiornamento è quello del tearing, ovvero uno spezzamento orizzontale dei frame del video. Grazie al VRR si elimina il rischio di dover fare i conti con questi fenomeni.

Le novità dello standard HDMI 2.1

Il nuovo standard HDMI 2.1 è destinato a diventare un importante punto di riferimento per il settore del gaming, in particolare su console. La possibilità di giocare con frame rate molto elevati (anche sino a 120 fps) sfruttando la tecnologia VRR, inclusa tra le specifiche del nuovo standard, è, senza dubbio, un elemento da tenere in forte considerazione.

Rispetto alla precedente versione (2.0-2.0b), il nuovo HDMI 2.1 introduce diverse funzionalità. Come indicato dalla tabella qui di sotto, infatti, l’ultima versione dell’interfaccia HDMI include il Dynamic HDR e l’enhanced Audio Return Channel (eARC). Da notare che il passaggio alla versione 2.1 garantisce una banda superiore. La versione 2.0-2.0b si ferma a 18 Gbps mentre la versione 2.1 arriva sino a 48 Gbps. 

hdmi 2.1

Qualsiasi dispositivo che supporta l’HDMI 2.1 includerà, quindi, il supporto a tutte le funzionalità elencate nella tabella precedente, compreso il supporto al Variable Refresh Rate (VRR). Questa funzionalità è una delle novità più importanti dello standard 2.1 ma può essere supportata anche da alcune porte 2.0-2.0b. La possibilità di regolare in modo dinamico il frame rate, sino a spingersi a livelli molto elevati, è già da tempo un importante riferimento del settore del gaming su PC. Naturalmente per utilizzare questa tipologia di contenuti devi assicurarti di avere un cavo compatibile con HDMI 2.1.

VRR, FreeSync e G-Sync

Il VRR non è una novità assoluta del settore di monitor e TV. In particolare, per il gaming su PC, AMD e Nvidia, da tempo, propongono delle soluzioni specifiche per il Variable Refresh Rate. AMD utilizza la tecnologia FreeSync mentre Nvidia il G-Sync. È importante sottolineare che uno schermo che non supporta FreeSync e G-Sync può garantire ugualmente i vantaggi del VRR.

A disposizione dei videogiocatori c’è un terzo formato, l’HDMI Forum VRR. Tale formato fa parte delle specifiche dell’HDMI 2.1. In pratica, un TV o un monitor con una porta HDMI 2.1 potrà contare sul supporto VRR. Da notare, però, che il formato in questione può essere presente anche su porte HDMI 2.0. In questo secondo caso, bisognerà verificare le specifiche del TV o del monitor per averne conferma.

Per giocare con un frame rate elevato ed evitare di imbattersi in problemi tecnici (come stuttering e tearing) è opportuno utilizzare una soluzione in grado di gestire il Variable Refresh rate. La scelta del monitor o del TV per il gaming va fatta, quindi, guardando anche a questi aspetti. Considerare esclusivamente la risoluzione del pannello potrebbe portare a prestazioni insoddisfacenti, in rapporto alla spesa sostenuta.

Quali console supportano il VRR

La nuova funzionalità VRR inclusa nelle specifiche dell’HDMI 2.1 è supportata da diverse console disponibili sul mercato. Chi ha una console ed un TV che supportano il VRR potrà sfruttare, al meglio, questa tecnologia per massimizzare la resa video dei giochi, anche in caso di frame rate molto elevato. Si tratta, quindi, di un aspetto fondamentale per i videogiocatori che collegano la propria console al TV di casa.

Attualmente, il supporto VRR è garantito dalle console di Microsoft. Questa tecnologia viene supportata sia dalle “vecchie” Xbox One X e Xbox One S (tra 40 e 60 Hz) che dalle console next-generation Xbox Series X e Series S (tra 30 e 120 Hz). Per quanto riguarda le console di Sony, invece, il supporto VRR, per il momento, non è ancora supportato.

xbox series x playstation 5

Come confermato da Sony sul blog ufficiale Playstation, la nuova PlayStation 5 potrà contare sul supporto VRR con un prossimo aggiornamento firmware. Il nuovo update attiverà la possibilità di sfruttare la tecnologia VRR per la gestione del frame rate e garantirà, quindi, un ulteriore miglioramento della resa visiva della console next-generation della casa nipponica. Al momento, non c’è ancora una data ufficiale per l’arrivo del supporto VRR su PlayStation 5.

Quali TV supportano il VRR

Lo standard HDMI 2.1 ha ancora una diffusione limitata ma il supporto alla tecnologia VRR è presente anche in alcuni TV con HDMI 2.0. Non si tratta, infatti, di una funzionalità esclusiva dello standard HDMI 2.1. Molti produttori hanno già introdotto il supporto al VRR su modelli del 2019 e del 2020. In generale, diversi TV LG e Samsung garantiscono il supporto VRR, in alcuni casi limitato a 60 Hz e, quindi, solo parzialmente efficace con le console di nuova generazione. Sony presenta un supporto limitato al VRR per la sua gamma TV mentre altri brand di riferimento del settore, come Panasonic, non hanno ancora garantito tale supporto.

In fase di scelta di un nuovo TV, da utilizzare per il gaming, è fondamentale dare uno sguardo nel dettaglio alla scheda tecnica. Il supporto alla tecnologia VRR, infatti, può variare in base al singolo modello di un produttore. In linea di massima, la presenza di una porta HDMI 2.1 garantisce la possibilità di sfruttare le potenzialità del VRR. Come sottolineato in precedenza, anche i TV senza porte HDMI 2.1 possono supportare tale tecnologia.

Il supporto VRR non è ancora diffusissimo in ambito TV ed è, quindi, importante valutare con attenzione le specifiche prima di completare l’acquisto di un nuovo modello. Nei prossimi anni, in ogni caso, questa funzionalità è destinata a diventare un riferimento importantissimo del mondo TV e trovare un modello compatibile sarà sempre più facile.

Per chi ha già un TV e vuole verificare la presenza del supporto VRR, la procedura da seguire è la stessa. Bisognerà verificare la presenza di una porta HDMI 2.1 oppure controllare tra le specifiche tecniche del modello in proprio possesso, affidandosi al sito del produttore. Solo in questo modo è possibile verificare la possibilità di sfruttare il Variable Refresh Rate.

VRR e TV OLED

Come confermato dalla OLED Association nel novembre del 2020, i pannelli OLED prodotti da LG Display (ed utilizzati anche da altri produttori di TV) non sono ottimizzati per gestire il Variable Refresh Rate. Il problema è legato ad un fattore hardware ed in particolare al modo in cui viene elaborata l’immagine. Non si tratta, quindi, di un difetto software che potrà essere risolto da un futuro aggiornamento. Sia chi ha già un TV che chi punta ad acquistarne uno nuovo, quindi, dovrà valutare quest’aspetto nel caso in cui l’obiettivo sia quello di puntare alla tecnologia VRR ed al gaming con fps molto elevati.

Potrebbero interessarti
Guide

Google Chrome sa troppe cose su di te: ecco come risolvere

GuideWindows

5 modi per pulire il Registro di Sistema su Windows 10

Consigli per gli acquistiGuidePC

Un monitor a 360 Hz è davvero utile? | Approfondimento

GuidePC

Bitwarden: la migliore alternativa gratuita a LastPass