AndroidSmartphone

Come monitorare la frequenza cardiaca con il tuo Google Pixel

Google-Fit

Tra le tante funzioni offerte dagli smartphone, alcune passano in sordina pur essendo estremamente interessanti.

Per esempio, con Google Pixel non tutti sanno che è possibile monitorare la frequenza cardiaca seppur il dispositivo non sia dotato di alcun hardware dedicato.Gli sviluppatori di Google infatti, hanno pensato a un approccio alquanto ingegnoso, sfruttando la fotocamera posteriore del telefono per tenere conto dei battiti cardiaci dell’utente.

A livello pratico, all’interno dell’app Google Fit, sarai in grado di monitorare la frequenza cardiaca e la frequenza respiratoria. Per fare ciò, avrai bisogno di uno smartphone della serie Pixel, a partire da Google Pixel 3 e Pixel 3 XL. In questo gruppo dunque sono inclusi Pixel 4, Pixel 4 XL, Pixel 4a, Pixel 4a 5G, Pixel 5, Pixel 5a, Pixel 6 e Pixel 6 Pro.

Google ha affermato che prevede di implementare questa funzionalità su più telefoni Android in futuro, ma non c’è un’idea precisa di quando sarai in grado di utilizzare questo servizio su telefoni al di fuori della linea Pixel.

google pixel 6

Come misurare la frequenza cardiaca con la fotocamera

Per misurare la frequenza cardiaca sul tuo telefono Pixel, avrai bisogno della già citata app Google Fit. Questa è preinstallata sul tuo telefono Pixel, ma la puoi trovare anche nel Play Store. Ti consigliamo di aggiornare anche l’app prima di provare a eseguire questa operazione.

Una volta aperto Google Fit, troverai una home page che include dati come il conteggio dei passi e i tuoi obiettivi giornalieri. Scorri verso il basso e troverai Controlla la tua frequenza cardiaca. Premi Inizia e, dopo aver consentito alle autorizzazioni dell’app del telefono di utilizzare la fotocamera, questa si avvierà. Posiziona il dito sull’obiettivo della fotocamera principale sul retro del telefono.

Risulta più semplice usare un dito indice, ma puoi scegliere di usarne un altro a seconda di come tieni il telefono. Ti consigliamo comunque di posizionarti in modo da poter tenere sotto controllo il display durante il rilevamento.

L’app potrebbe chiederti di muovere il dito durante questo processo, quindi ruotalo delicatamente nella direzione indicata dall’interfaccia utente. Quando raggiungi il 100%, sarai accolto con una notifica che ti informa della tua frequenza cardiaca attuale. Ora puoi salvare questo dato e mantenerlo negli archivi oppure puoi eliminarlo.

Come misurare la frequenza respiratoria?

Anche questa funzione si trova nell’app Google Fit, ma avrai bisogno di un po’ di spazio in più per farla funzionare. Utilizzerà la tua fotocamera frontale per monitorare il tuo respiro, quindi ti consigliamo di trovare uno spazio ben illuminato in cui collocare il telefono.

Scorri verso il basso fino a Controlla la tua frequenza respiratoria nell’app Google Fit e premi su Inizia. Ti verrà chiesto di sostenere il telefono in modo che il tuo viso e il tuo petto siano in vista della fotocamera e di provare a far corrispondere le guide disponibili sullo schermo.

Ti verrà chiesto di rimanere fermo, quindi il telefono inizierà a misurare la frequenza respiratoria. Una volta raggiunto il 100%, il dispositivo ti offrirà i risultati del caso e ti verrà data la possibilità di salvarli all’interno dell’app.


Fonte techradar.com

Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Samsung vuole migliorare il riconoscimento facciale: ecco come

AndroidNewsSmartphone

Galaxy S23 con connettività satellitare? Samsung ci sta pensando

AndroidNewsSmartphone

Galaxy S23 con un hub di ricarica wireless? L'idea di Samsung

AndroidNewsSmartphone

Honor X6 sta per arrivare: ottime specifiche per un mid-range