Come collegare due o più display esterni ai Mac con chip M1 e M2

Display Apple M1
Seguici su Google News

La gamma di MacBook di Apple che utilizza i processori Silicon M1 o M2 dell'azienda non può collegare in modo nativo più di un monitor esterno: una situazione che, in fondo, rappresenta un'enorme limitazione rispetto alla precedente generazione di portatili Mac basati su Intel, che invece potevano gestire due display se collegati a una docking station o hub USB-C o Thunderbolt 3.

Tuttavia, esistono dei modi per aggirare questa limitazione su M1/M2, consentendo di utilizzare due display esterni da un MacBook M1/M2, che illustreremo qui di seguito. Esiste una soluzione per driver software e dock e una soluzione per hub/adattatori.

La soluzione software comporta alcuni rischi, in quanto è necessario installare driver di terze parti, che potrebbero poi non essere supportati dai futuri aggiornamenti di macOS. Inoltre, è probabile che si debba acquistare almeno un adattatore, mentre in precedenza era sufficiente un dock più un cavo di visualizzazione per ogni schermo esterno.

La soluzione hardware prevede un adattatore dual-HDMI che richiede un piccolo intervento nelle Preferenze di Sistema al momento della configurazione.

Display esterni: un grosso problema per i Mac M1 e M2

Il Mac mini, il MacBook Air e il MacBook Pro 13" di Apple sono stati i primi Mac a montare la CPU M1 progettata da Apple: hanno ricevuto recensioni entusiastiche per i loro miglioramenti in termini di velocità rispetto ai portatili basati su Intel.

Tuttavia, se la tua configurazione del MacBook prevede l'utilizzo di più di uno schermo esterno, avrai un problema importante perché i chip M1 o M2 di Apple non lo considerano, almeno in modo nativo.

Nelle specifiche tecniche dei MacBook Air e MacBook Pro M1 e M2, Apple afferma che supportano solo "un display esterno con risoluzione fino a 6K a 60 Hz".

Sebbene i MacBook M1 e M2 supportano nativamente un solo monitor, il Mac Mini M1 supporta nativamente fino a due monitor esterni, uno tramite la porta HDMI e un secondo tramite USB-C. Ma i modelli M1 del MacBook Air e del MacBook Pro supportano solo uno schermo esterno.

Apple ha promesso di risolvere il problema in un futuro aggiornamento di macOS, ma l'arrivo dei successivi M1 Pro e M1 Max, e più recentemente dell'M2, suggerisce che i possessori di M1 potrebbero aspettare a lungo.

Scopriamo insieme in che modo aggirare questo ostacolo.

Display Apple M1

Soluzione n. 1: installare i driver software DisplayLink

Innanzitutto, condividiamo come sia possibile utilizzare una combinazione di tecnologie di visualizzazione per aggirare la limitazione del singolo monitor dei MacBook M1/M2. Questa soluzione dovrebbe funzionare con la maggior parte dei dock di terze parti, anche se alcuni produttori, come Caldigit, non la consigliano.

Ad esempio, i dock multi-display di Plugable utilizzano una combinazione di modalità alternativa USB-C nativa (uscita video nativa "Alt Mode") e tecnologia DisplayLink. Questa combinazione funge da soluzione di continuità per la piattaforma M1/M2 che supporta solo un singolo display esterno tramite USB-C.

Si noti che DisplayLink richiede l'installazione di un driver di terze parti sul Mac. Esistono diverse versioni del driver DisplayLink e alcune apportano i propri compromessi.

Ecco come fare.

Scaricare l’ultimo driver DisplayLink per Mac

Il primo passo è certamente quello di scaricare l'ultimo driver DisplayLink per Mac. Affinché i dispositivi DisplayLink funzionino correttamente, infatti, macOS richiede all'utente di consentire la "Registrazione dello schermo". Questa operazione si trova nelle Preferenze di Sistema alla voce Privacy in Sicurezza e Privacy; naviga fino a Registrazione schermo nell'elenco a sinistra, quindi spunta l'autorizzazione alla registrazione dello schermo per DisplayLink Manager dopo aver sbloccato il lucchetto utilizzando la password di amministrazione. Potrebbe essere necessario uscire e riavviare DisplayLink Manager.

L'installazione è semplice. Le versioni precedenti non supportavano la modalità closed-display/Clamshell dei computer portatili, ma la 1.7.0 supporta la modalità Clamshell se il MacBook è basato su Intel ed esegue macOS 12 o se il MacBook è basato su M1 ed esegue macOS 11 o 12.

Altre limitazioni includono l'incompatibilità con la rotazione del display. La rotazione su Apple M1/M2 richiede DisplayLink Manager 1.6+ con macOS 12+.

Collegare quindi il MacBook a un dock.

Per il primo schermo è possibile collegarsi tramite la porta DisplayPort o HDMI del dock, che verrà gestita in modo nativo dal MacBook M1/M2.

È inoltre possibile collegare il primo schermo esterno tramite le altre porte del dock o tramite un adattatore Thunderbolt o USB-C a HDMI o DisplayPort.

L'uscita HDMI o DisplayPort utilizza la modalità alternativa (Alt Mode) e, poiché si tratta sostanzialmente di una pipeline diretta alla GPU nativa del sistema, si comporterà proprio come se si collegasse un dongle USB-C a HDMI al laptop. In altri termini, non è richiesta l'installazione di alcun driver da parte dell'utente.

Il secondo e il terzo display si affidano invece al software DisplayLink. DisplayLink utilizza un driver installato e la CPU e la GPU del sistema per convertire i dati grafici del sistema in pacchetti di dati. Questi dati vengono poi inviati attraverso il cavo come pacchetti di dati, convertiti nuovamente in informazioni video e inviati ai monitor tramite il chip DisplayLink nella docking station.

DisplayLink

Quali dock supportano DisplayLink?

In origine, i produttori di dock non supportavano ufficialmente questa configurazione DisplayLink per i Mac. Proprio per questo motivo è condiviso che la soluzione funziona ma… hanno anche avvertito che la situazione potrebbe sbloccarsi nelle versioni future di macOS. Ogni volta che c'è un nuovo aggiornamento del sistema operativo, i driver potrebbero dover essere aggiornati ogni volta.

Tuttavia, dopo alcuni recenti test e miglioramenti, Plugable ha aggiornato la sua compatibilità per supportare ufficialmente questa configurazione. Per quanto riguarda la compatibilità con i Mac, sono state convalidate sia le piattaforme Apple che quelle Intel che eseguono almeno macOS 11. Per quanto riguarda M2, l'azienda prevede la compatibilità, ma è in attesa di nuovi MacBook M2 per i test e la convalida.

Per ulteriori informazioni sulle migliori docking station Thunderbolt, è possibile collegarsi tramite un hub USB-C più semplice. Cerca un dock con due o più porte per display, preferibilmente in grado di collegarsi ai vostri schermi preferiti senza bisogno di un adattatore. Alcuni, come l'Anker Apex, dispongono di due porte display, ma Anker avverte di non utilizzarlo con i Mac, anche se DisplayLink dovrebbe risolvere il problema.

I dock o gli hub Thunderbolt 4 spesso non hanno una porta display dedicata, ma tre porte TB4 disponibili che possono essere utilizzate per collegarsi direttamente a un display USB-C o tramite adattatori a monitor HDMI o DisplayPort. Sebbene sia necessario acquistare un cavo adattatore, la flessibilità delle porte Thunderbolt 4 da 40 GBps e la retrocompatibilità sono consigliate agli utenti dei Mac moderni, come i MacBook M1 e M2.

I produttori di docking station e hub stanno commercializzando attivamente i loro prodotti come soluzioni alla limitazione del display esterno M1/M2. Ognuno di essi richiede il download di DisplayLink, ma non richiede altri adattatori hardware se non il dock o l'hub stesso. Naturalmente questi hub offrono i consueti vantaggi della multiporta e della soluzione per il monitor esterno.

Adattatori da USB-A 3.0 a display

Se l'hub o il dock dispone di una sola porta per lo schermo, è possibile collegare un secondo o terzo display tramite una o più porte USB-A di riserva, utilizzando un adattatore come StarTech.com USB 3.0 to HDMI / DVI Adapter. Il costo di questo adattatore è di poche decine di euro e, pertanto, val sempre la pena tenerlo in considerazione quando si acquista un MacBook M1/M2 se si ha bisogno di più monitor e si vuole utilizzare la porta USB-A piuttosto che una porta di visualizzazione come HDMI o DisplayPort.

Un'altra opzione è l'adattatore USB Dual 4K Display Adapter di Plugable. Questo adattatore trasforma una porta USB-A 3.0 disponibile in una porta DVI-I o VGA (adattatore da DVI a VGA incluso) e in un'uscita HDMI. Ogni display può supportare simultaneamente la risoluzione massima di 2048×1152 a 60 Hz. Assicurarsi di utilizzare un adattatore HDMI DisplayLink attivo in grado di supportare 4K a 60Hz, poiché alcuni sono limitati a 4K a 30Hz.

Soluzione n. 2: utilizzare uno speciale adattatore Dual HDMI

Il produttore di accessori Hyper vende due soluzioni hardware che consentono di aggiungere più di uno schermo a un Mac M1 o M2.

L'adattatore Hyperdrive Dual 4K HDMI per MacBook M1 e l'hub USB-C Hyperdrive Dual 4K HDMI 10-in-1 possono estendersi a due schermi HDMI: uno a 4K 60Hz tramite HDMI e DP Alt-mode, e uno a 4K 30Hz tramite HDMI e la tecnologia InstantView di Silicon Motion.

Hyper afferma che questa configurazione funziona senza dover scaricare driver ingombranti, ma è comunque necessaria l'installazione di un software e la necessità di tenere in considerazione che bisogna sempre permettere l'accesso a InstantView alle impostazioni della privacy nelle Preferenze di Sistema. Si collega l'hub o l'adattatore al MacBook M1 e si trova l'applicazione HyperDisplay che appare nella barra laterale della cartella del Finder. Fare doppio clic sull'icona macOS InstantView e seguire le istruzioni delle Preferenze di Sistema. Una volta completata questa operazione, il MacBook riconoscerà automaticamente l'adattatore.

Tra gli adattatori utili a questo scopo, quello Dual 4K HDMI 3-in-1 USB-C è dotato di due porte HDMI e si collega al Mac M1 tramite il cavo USB-C integrato. Un'altra porta USB-C PD consente di ricaricare il laptop collegato fino a 100 W, utile perché l'adattatore stesso utilizza una delle due porte Thunderbolt del laptop M1 o M2.

Una soluzione più completa è il Dual 4K HDMI 10-in-1 USB-C Hub, che dispone di 10 porte, tra cui le due HDMI e la porta PC da 100 W dell'adattatore più economico, oltre a Gigabit Ethernet, jack audio combo da 3,5 mm, lettori di schede SD e MicroSD UHS-I e due porte USB-A (5Gbps). Anch'esso si collega al portatile tramite un cavo USB-C integrato. Tra i due, questo hub multiporta è più conveniente perché può essere utilizzato come dock quando è collegato a un caricatore da parete USB-C PD decente.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2023 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
Ogni giorno pubblichiamo notizie, guide e recensioni. Non perderti niente, iscriviti alla nostra newsletter!



crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram