Perché bloccare un’applicazione di Windows 10?

I contesti in cui può venire utile questo genere di operazioni sono diverse. Generalmente può essere utile se devi gestire un ufficio e i tuoi dipendenti/sottoposti sono piuttosto distratti e indisciplinati o, più semplicemente, se devi tenere sotto controllo i tuoi figli.

Per poter bloccare alcuni software su un computer è necessario mettere mano ai registri di Windows: un’operazione molto delicata che, se non sei più che esperto, è comunque meglio evitare.

Se invece hai una certa dimestichezza in questo settore (o se sei particolarmente coraggioso) puoi tranquillamente proseguire con la lettura di questa guida.

Windows 10

Bloccare un programma su Windows 10 tramite i registri del sistema operativo

Per poter tenere sotto controllo le applicazioni e impedirne l’apertura, è necessario creare un elenco di blocchi nell’editor del registro di sistema.

Innanzitutto, assicurati di aver eseguito l’accesso all’account Windows in cui desideri bloccare le applicazioni, premi il bottone Win e R e inserisci regedit nel campo disponibile per aprire l’Editor del Registro di sistema.

Nell’editor, cerca il seguente percorso HKEY_CURRENT_USER \ SOFTWARE \ Microsoft \ Windows \ CurrentVersion \ Policies. Una volta trovato, fai clic con il tasto destro del mouse sulla parte destra della finestra, selezionando Nuovo e Chiave. Assegna il nome Explorer alla chiave appena creata.

Ora, seleziona la chiave in questione, clicca con il bottone destro del mouse sullo spazio vuoto nella parte destra della finestra. Questa volta seleziona Nuovo e poi scegli Valore DWORD (32 bit) assegnando a esso il nome DisallowRun.

Fai doppio clic su DisallowRun e modifica i suoi Dati valore immettendo il numero 1.

Infine, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Explorer che hai creato nel riquadro a sinistra, seleziona Nuovo e Valore e chiama anche questo DisallowRun. Complimenti, hai appena creato un elenco di blocchi!

Aggiungere i programmi alla lista di blocco

Successivamente, si tratta solo di aggiungere ciò che si desidera bloccare alla cartella DisallowRun (o “chiave”, come viene chiamata più correttamente).

Selezionando a sinistra la chiave DisallowRun e cliccando con il tasto destro sul lato a destra della finestra, seleziona NuovoValore stringa e immetti il numero 1.

Una volta fatto ciò, fai doppio clic su ciò che hai appena creato e, in Dati valore, inserisci il nome del file eseguibile del programma da bloccare. Una volta fatto ciò, ricordati di riavviare il computer per avere la certezza che tutto funzioni come deve.

Per aggiungere più applicazioni all’elenco dei blocchi, ripeti gli stessi passaggi sotto questa intestazione, rinominando ogni nuovo valore creato con un numero successivo.

Cosa succede quando qualcuno cerca di avviare un programma bloccato?

Se tutto è andato come dovrebbe, quando cercherai di aprire una delle applicazioni bloccate dovrebbe apparirti un messaggio che parla di operazione impossibile per le limitazioni imposte al computer e Windows ti inviterà a contattare gli amministratori del sistema per avere ulteriori delucidazioni.

Come consentire solo applicazioni specifiche

Risulta anche possibile fare un’operazione totalmente inversa, ovvero consentire l’apertura solamente di determinate applicazioni.

Il processo è esattamente lo stesso per il blocco dei programmi, eccetto ogni volta che si utilizza il termine DisallowRun (come DWORD nella cartella Explorer e come sottochiave / sottocartella nella cartella Explorer), questo va sostituito con il termine RestrictRun.

È possibile avere contemporaneamente DisallowRun e RestrictRun esistenti, ma non attivarli contemporaneamente poiché, come è facilmente comprensibile, ciò potrebbe causare facilmente conflitti.