GuideMac

Come abilitare l’utente root su Mac

nuove funzionalità di MacOS Big Sur

Quando si parla di utente root su Mac, si fa riferimento a una particolare tipologia di account. Attraverso questo, chi usa un computer Apple, può avere accesso ad aree del sistema e file che solitamente macOS non permette di visionare o modificare.

Questo tipo di comportamento è legato al fatto che, in queste aree del computer, esistono dati particolarmente delicati che, se modificati o cancellati, possono rendere difficile (se non impossibile) il funzionamento del Mac. Nonostante ciò, in alcuni casi, un utente può avere necessità di agire in queste aree del dispositivo.

Abilitando l’utente root, l’utente ottiene diversi privilegi, tra i quali ovviamente il libero accesso e la possibilità di modificare i file di sistema. Attraverso esso, è persino possibile accedere ai file dell’account di un altro utente. Ciò si rivela perfetto se si è dimenticato il nome utente o la password del proprio account o se un ex dipendente lascia un’azienda senza condividere i dettagli di accesso per il laptop fornito dall’azienda stessa.

Un laptop Apple

Abilitare l’utente root su Mac: un’operazione relativamente semplice ma anche abbastanza pericolosa

Come abbiamo lasciato intendere, attivare l’utente root su Mac non è un’operazione da prendere alla leggera. Una volta ottenuto questo tipo di accesso, utile per gli utenti più esperti, è anche possibile causare sostanziali danni al sistema operativo. Dunque, nel caso tu non sia particolarmente esperto in ambiente macOS, il consiglio è di evitare interventi maldestri ed, eventualmente, di rivolgerti a chi è più pratico.

Di seguito spiegheremo come abilitare l’utente root su un Mac attraverso le diverse procedure disponibili.

Abilitazione del root attraverso il terminale

Risulta possibile attivare il root direttamente attraverso il Terminale del Mac. Per avviare lo stesso, è bene aprire una nuova finestra da Finder e andare su ApplicazioniUtilità.

Nella finestra Terminale poi, va digitato il seguente comando:

dsenableroot

Seguito dal tasto invio. Il Terminale dunque, rilevato il nome utente dell’account in uso, chiederà la password dello stesso. Digitata la password e premuto il tasto Invio, verrà chiesta la creazione di una nuova password per l’account root. Nota bene: per questioni di sicurezza, soprattutto se il Mac è usato da più persone, è bene scegliere una password piuttosto complessa.

Digitata la password si può premere Invio per confermare. In risultato dovrebbe essere un messaggio simile a quanto segue: “Successfully enabled root user”.

Il root è ora abilitato sul Macbook o Mac Mini/Pro ed è possibile iniziare a usarlo per attività che sarebbe impossibile completare tramite un normale account utente.

Abilitazione del root utilizzando Utility Directory

Per diversi utenti, il Terminale rappresenta un ambiente non proprio amichevole. In tal senso esiste la funzione Utility Directory. Per utilizzare questa app è necessario:

  1. Aprire Spotlight dal Mac in uso, facendo clic sull’icona del menu nell’angolo in alto a destra dello schermo;
  2. Nella finestra Spotlight, cercare Utility Directory, quindi selezionare questa applicazione quando viene visualizzata;
  3. In Utility Directory assicurarsi che la scheda Servizi sia selezionata;
  4. Nell’angolo in basso a sinistra, fai clic sull’icona del lucchetto e immetti il nome utente e la password quando richiesto;
  5. Nella barra degli strumenti, seleziona ModificaAbilita utente root;
  6. Quando richiesto, creare un nome utente e una password per l’utente root;
  7. Ora è possibile fare clic su OK per creare il proprio account di root.

Risulta possibile disabilitare l’utente root in qualsiasi momento, riavviando Utility Directory, ma questa volta seleziona ModificaDisattiva utente root.

Come accedere all’account utente root

Per accedere all’utente root su Mac è necessario seguire la seguente procedura:

  1. Uscire dal tuo account corrente, come di consueto;
  2. Nella schermata di accesso di macOS, selezionare Altro…
  3. Nel campo nome utente, inserire root con la relativa password a seguire

Ora è possibile accedere all’account root, ottenendo tutti i privilegi del caso.

Questo account può sembrare a prima vista uguale a un normale account utente. In realtà, una volta attivato, è possibile accedere, modificare e persino eliminare file che di solito sarebbero inaccessibili per gli utenti comuni. Per sicurezza, è consigliabile accedere all’account root solo quando si ha una necessità specifica, onde evitare incidenti.

Disabilitare l’account root

Per proteggere il tuo Mac da attività dannose o persino da danni accidentali, ti consiglio caldamente di disabilitare tale account non appena non è più necessario. Per disabilitare l’accesso root è possibile agire nel seguente modo.

  • Attivare il Terminale, attraverso Applicazioni – Utilità – Terminale e digita il comando dsenableroot -d
  • Quando richiesto, inserisci  la password dell’account tuo account corrente. Dovrebbe apparire un messaggio del tipo Successfully disabled root user che indica come l’account root non sia più attivo.
Non perderti le nostre guide e recensioni, seguici su Telegram: t.me/OutOfBitit

Fonte maketecheasier.com

banner telegram - canale offerte

Bio autore

Articolista, scrittore, copywriter, newser e SEO con la passione per sport, informatica e tecnologia. Ho la fortuna di vivere lavorando a tempo pieno su quelle sulle mie passioni.
    Potrebbero interessarti
    AppleGuideMac

    Come utilizzare al meglio il Dock sul Mac

    AppleGuide

    Come abilitare automaticamente la modalità lettura su Safari

    AppleConsigli per gli acquistiMacWindows

    Le migliori alternative a Photoshop economiche o gratuite

    App iOSAppleGuide

    Come scannerizzare documenti con iPhone: le migliori app