Gli smartphone hanno perso nel corso degli anni tutta una serie di caratteristiche che in passato erano comunque di una certa importanza. Ecco le 5 più importanti “rinunce” dei produttori di “telefoni intelligenti”

5 caratteristiche che gli smartphone hanno perso nel corso degli anni
Nel medio-breve termine, gli smartphone sono cambiati radicalmente, specie dal punto di vista del design e a livello tecnologico. In questo articolo di approfondimento, intendiamo segnalarvi 5 caratteristiche che gli smartphone hanno perso nel corso degli anni.

Speaker Frontali

Moto G2 speaker frontali

Il debutto degli speaker frontali è avvenuto nel 2013 sull’One M7 di HTC. Subito dopo anche Motorola con il Moto G2 e Huawei con il Nexus 6 hanno optato per questa soluzione. Negli ultimi anni, però, sono sempre di più le aziende leader nel mercato degli smartphone che hanno deciso di inserire gli speaker all’interno della parte inferiore del dispositivo. Il motivo? Se si tiene conto del fatto che i display degli smartphone presentano sempre più dimensioni piuttosto “generose” (ndr d’altronde, oggi lo smartphone non serve solo per telefonare, ma anche per lavorare in movimento), è semplice intuire che nella parte frontale non c’è spazio sufficiente per ospitare gli speaker.

Tastiera QWERTY

Blackberry KeyOne tastiera QWERTY

I primi smartphone presentavano la tastiera QWERTY, non essendo dispositivi capacitivi. Inoltre, il display dei primi smartphone era di piccole dimensioni. Tuttavia, va sottolineato che la tastiera fisica è stata rimossa ben presto. Blackberry ha comunque deciso di reintrodurla sul KeyOne e può essere utilizzata a mo’ di trackpad. Inoltre, permette di associale a seconda del livello di pressione di ogni tasto (breve o prolungata) un’azione rapida o l’apertura di un’applicazione. Come hanno reagito gli utenti alla ricomparsa della tastiera fisica? Bene, dato che Blackberry KeyOne ha fatto registrare il tutto esaurito nei vari canali di vendita online. Su Amazon Usa, addirittura, si è piazzato al primo posto nella classifica degli smartphone senza contratto.

Batteria Removibile

Batteria removibile LG G5

Ricordate quanto fosse diffusa la batteria removibile sui vari smartphone? Ebbene, con l’avvento del design unibody, la scocca è stata realizzata in alluminio ed è un unico pezzo in metallo forgiato direttamente dal produttore. Di conseguenza, i vari leader di mercato nel settore della telefonia mobile hanno deciso di farne a meno. Per la cronaca, il G5 di LG è stato uno degli ultimi terminali di fascia alta ad essere equipaggiato di batteria rimovibile.

Trackpad

In combinazione con la tastiera QWERTY, i primi smartphone potevano contare anche sulla presenza del trackpad/trackball, ossia di quella pallina che consentiva di navigare nelle sezioni del sistema operativo mobile. Questa specifica è durata davvero troppo poco.

Jack audio da 3,5 mm

Nonostante sia presente ancora su svariati terminali, nel breve periodo saranno in molti i produttori di smartphone che rinunceranno al jack audio da 3,5 mm, visto che di migliori soluzioni ce ne sono a iosa. Basti pensare agli AirPods, gli auricolari wireless introdotti da Apple. Su Android, la porta USB Type-C giocherà un ruolo sempre più cruciale. E se si pensa che diversi componenti hardware reclamano sempre più spazio, a partire dalla batteria, è facile intuire che il jack audio da 3,5 mm non è destinato ad avere vita lunga.

Queste le 5 caratteristiche che gli smartphone hanno perso nel corso degli anni. E voi di quale avete più nostalgia? Diteci la vostra, rilasciando un commento.

 

Guida ai regali di Natale 2017 - banner - outofbit .