Editoriale

Le 6 invenzioni più rivoluzionarie degli ultimi 100 anni

Le invenzioni più importanti degli ultimi anni

Negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito ad uno sviluppo tecnologico senza precedenti. Tablet eleganti e dal design sottile hanno sostituito i vecchi ingrombranti computer a cui eravamo abituati. Le criptovalute hanno cominciato ad affiancare i contanti cartacei ed abbiamo iniziato a comunicare usando WhatsApp e Facetime. Sono stati fatti passi da gigante in ogni settore della tecnologia ma…sai individuare qual è stata l’invenzione che è stata veramente in grado di cambiare il mondo tecnologico? Cercheremo di scoprirlo insieme nei paragrafi che seguono!

Lo smartphone

smartphone

Se sei troppo giovane, probabilmente non ricorderai nemmeno l’epoca storica in cui lo smartphone ancora non esisteva. Prima delle fine degli anni 2000, gli smartphone erano soltanto qualcosa che potevi ammirare in un buon film di fantascienza. In quel periodo, infatti, i telefoni “mattoni” molto ingombranti dominavano il mondo!

E’ vero che il primo (semplicissimo) smartphone è stato tecnicamente creato da IBM nei primi anni ’90 ma il “vero” smartphone, quello utilizzando nel “mondo moderno”, è stato lanciato sul mercato soltanto alla fine degli anni 2000. In ogni caso, ognuno di noi ha una diversa idea su quale sia stato davvero il primo vero smartphone. Molti pensano che sia l’iPhone, rilasciato nel giugno 2007: stiamo parlando di un telefono che ha rivoluzionato il modo di utilizzare il cellulare e che oggi vanta 6,1 milioni di unità vendute nell’arco di un anno!

Dopo Apple, molti altri brand hanno lanciato sul mercato il loro smartphone come Samsung, LG, HTC e Nokia che hanno rilasciato i propri smartphone. Molta acqua è passata sotto i ponti dal lontano giugno 2007: da quel momento, lo smartphone è diventato il dispositivo più usato al mondo di cui nessuno può ormai fare a meno.

Le auto elettriche

auto elettrica

Il futuro del nostro Pianeta ed il riscaldamento globale costituiscono una grande preoccupazione per governi e aziende di tutto il mondo. Abbiamo imparato molto bene (e a nostre spese) come il rilascio di gas serra proveniente dai veicoli a benzina e diesel stia facendo avanzare velocemente il riscaldamento globale. Ed è per questo che è stata inventata la prima auto elettrica, l’unica a poter davvero fare la differenza nella lotta contro il riscaldamento del nostro Pianeta.

L’auto elettrica che conosciamo oggi ha un’antenata inventata alla fine del 1800. Soltanto dopo cento anni, l’attenzione del mondo si è concentrata nuovamente sulle auto elettriche e sono state presentati sul mercato i primi prototipi.

Nel 1996, la General Motors ha rilasciato l’auto elettrica EV1 suscitando scarso interesse nel pubblico: le persone erano ancora troppo abituate ad usare le auto a benzina e diesel. Ma è stato all’inizio degli anni 2010 che le auto elettriche hanno cominciato ad imporsi sul mercato grazie anche ai gioiellini rilasciati dalla Tesla, l’azienda che ha consacrato l’imprenditore Elon Musk. A metà degli anni 2010, Tesla ha raggiunto l’apice del successo ispirando molte case automobilistiche e sviluppare e rilasciare i propri modelli di auto elettriche o ibride.

Le stampanti 3D

stampante 3d

Nemmeno il miglior film sci-fi avrebbe potuto ipotizzare la realtà delle stampanti 3D! Questi fantastici dispositivi sono in grado di stampare oggetti tridimensionali costruendoli strato su strato con il metodo della modellazione a deposizione fusa (o FDM). La stampa 3D è importante ed essenziale in numerosi settori: oggi viene usata, ad esempio, per produrre prototipi di prodotti oppure produrre gioielli e accessori.

E non solo: si parla sempre più spesso di utilizzare le stampanti 3D per produrre organi sintetici da destinare ai pazienti trapiantati. Si tratta, come avrete intuito, di un’applicazione pratica incredibile ed in grado di risolvere il rischio di rigetto di un organo da parte di un paziente. La produzione di organi sintetici, inoltre, potrebbe essere in grado di ridurre rapidamente il numero di persone nelle liste di attesa per il trapianto in tutto il mondo!

Il Wi-Fi

wi-fi

Come sarebbe il mondo senza Wi-Fi? La connessione senza fili è stata in grado di rivoluzionare completamente il modo in cui lavoriamo, acquistiamo, comunichiamo. Nel 1998, la Wi-Fi Alliance (con sede negli Stati Uniti) ha coniato e registrato il marchio “Wi-Fi”, la tecnologia che si avvale delle frequenze radio per trasmettere informazioni tra diversi dispositivi. Ma ci è voluto molto tempo prima che il Wi-Fi diventasse famoso come è oggi. Il motivo è chiaro: per poter utilizzare questa tecnologia, sono necessari dispositivi ad hoc. Essi sono stati lanciati sul mercato soltanto nella prima metà degli anni 2000.

Ma è stato quando laptop, telefoni e altri dispositivi sono stati in grado di supportare il Wi-Fi, che la connessione “senza fili” è diventata un successo mondiale ed è ora utilizzata da milioni di persone in tutto il mondo.

L’intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale

Da sempre, tutto ciò che ruota attorno al concetto di intelligenza artificiale cattura l’attenzione dell’uomo. Essenzialmente, questa tecnologia simula l’intelligenza umana per fare cose che la tecnologia tradizionale non potrebbe fare.

Il concetto dell’intelligenza artificiale non è nuovo ma esiste da centinaia di anni. Siamo alla fine del 14° secolo d.C., quando un poeta e teologo catalano parlò per la prima volta di una versione molto rudimentale dell’IA. Ma abbiamo dovuto attendere fino al 1955 per vedere coniato il termine “intelligenza artificiale” con l’invenzione del primo programma per computer di intelligenza artificiale, sviluppato da Allen Newell, Herbert Simon e Cliff Shaw.

La tecnologia dell’intelligenza artificiale non ha ancora i contorni ben definiti, sebbene siano passati quasi 70 anni dallo sviluppo del primo programma. In particolare, nessuno ha ancora creato una forma di intelligenza artificiale stabile e perfetta. Gli esperti credono che si potrà raggiungere la perfezione in questa nuova tecnologia tra uno o due decenni. In ogni caso, l’intelligenza artificiale è già impiegata in molteplici aree come, ad esempio, medicina, riconoscimento vocale, robotica e molto altro ancora.

Il GPS

gps

Forse alcuni di voi ricordano quei viaggi interminabili durante i quali, per trovare la giusta direzione, si srotolavano enormi cartine geografiche! Ebbene, grazie al GPS quell’epoca è ormai soltanto un lontanissimo ricordo…

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha inventato nel 1973 il primo GPS (o Global Positioning System)  mentre la US Air Force ha sviluppato e lanciato il primo satellite un anno dopo. Ma soltanto nel 1993, un sistema completo di 24 satelliti è stato effettivamente sviluppato per creare il primo GPS completamente funzionante.

Da quel momento, la tecnologia del GPS è diventata molto utile (forse anche indispensabile!) in alcuni settori come, ad esempio, i viaggi, il fitness e la sicurezza. Per non parlare di tutte quelle volte in cui ognuno di noi estrae lo smartphone per trovare la strada per arrivare in un determinato luogo!

Tra 20 anni, la nostra lista sarà ancora più lunga!

Il progresso tecnologico corre e nei prossimi anni potremo ammirare ed utilizzare invenzioni incredibili in grado di cambiare la nostra vita. E allora, sicuramente tra 20 anni la nostra lista sarà molto più lunga: scommettiamo?


Fonte Makeuseof

Potrebbero interessarti
EditorialeNews

Perché Facebook dimenticherà i dettagli delle nostri volti

AppleEditorialeNews

Smartphone venduti senza caricabatterie: cosa c'è dietro?

EditorialeInternet

Connettività satellitare: cos'è e come funziona

EditorialeiPhoneMacSmartphone

Che cos'è un SoC (System on a Chip)?