AndroidEditorialeWearable

Assistenza FitBit: consigli e considerazioni

Assistenza FitBit

Come sapete ho acquistato di recente FitBit Surge e un anno fa FitBit Flex. Come spesso accade i prodotti acquistati non rimangono privi di difetti per sempre e purtroppo sia il Surge che il Flex dopo un mese, un mese e mezzo, hanno deciso di fare le bizze. Flex un’anno fa aveva ben pensato di non caricarsi più in modo normale, Surge due settimane fa aveva deciso di non voler più misurare il mio polso. In entrambe i casi ho deciso di rivolgermi all’Assistensa FitBit. Per aiutarvi nel caso siate incorsi negli stessi problemi o per avvertirvi nel caso vogliate acquistare un prodotto FitBit, ho deciso di fare per voi una guida-recensione dell’assistenza Fitbit e della mia esperienza.Assistenza FitBit

Assistenza FitBit

Come dicevo il mio Surge ha smesso di rilevare il mio battito un paio di settimane fa. Dopo aver provato in tutti i modi di resettarlo con l’hard reset (che si fa tenendo prenuto il tasto a sinistra assieme al tasto in basso a destro per 10 secondi), sperando che fosse un problema del software, mi sono deciso a contattare l’assistenza.

Raggiungere la pagina dove esperre i propri problemi e comunicare direttamente con l’assistenza non è una cosa facile ed immediata e per questo motivo vi lascio qui il link diretto all’Assistenza Fitbit. Una violta entrati nella pagina potete chiedere aiuto alla Community, alle risposte automatiche oppure inviare un’email (in caso di rottura del vostro device è l’unica soluzione).

Assistenza FitBit

Cliccando su “Email Us”, vi comparirà una tabella con i prodotti Fitbit, a questo punto segliete il vostro:

Assistenza FitBit

Dopo di che vi verà richiesto che sistema operativo usate come supporto, questo è importante se il problema lo avete nella comunicazione tra il vostro FitBit e un device di supporto, per una rottura è secondario:

Assistenza FitBit

Ora arriva il momento di decidere qual è la natura del vostro problema, nel caso di un problema hardware consiglio l’opzione “Damaged”, mentre se la batteria non si ricarica o si comporta in modo non normale cosiglio ovviamente “Battery” (quello che avevo fatto per il Flex):

Assistenza FitBit

Selezionando la natura del problema vi verranno proposti metodi di risoluzione che si trovano anche nelle altre pagine dell’assistenza Fitbit (e se nell’email che manderete non capiranno il vostro problema vi riscriveranno queste cose basilari), ma voi non indugiate e cliccate su “Email Us”:

Assistenza FitBit

Vi apparirà un box di dialogo dove inserire i vostri dati e il problema, mettete nel campo email il vostro indirizzo di registrazione dell’account FitBit così potranno fare verifiche sul funzionamento del vostro device da remoto, se mettete un’altro indirizzo, il vostro account vi verrà chiesto nelle email di risposta alla vostra richiesta:

Assistenza FitBit

Arrivati qui la difficoltà maggiore è comunicare in inglese il vostro problema in modo che vi capiscano. Successifamente avrete uno scambio di email nel quale vi chiederanno maggiori informazioni o, se non vi rispondono quello che volete, sarete voi a scrivergli maggiori informaizoni per far capire che l’unico modo di risolvere il problema è la sostituzione. Vi verrà chiesta anche una prova di acquisto del prodotto FitBit (acquistandolo su Amazon basta il printscreen della storia dell’ordine in modo che si veda che l’ordine è stato pagato e ricevuto)  Quando l’Assistenza FitBit deciderà che l’unico modo è sostituire il device vi chiederà indirizzo a cui spedire il nuovo prodotto funzionante, il colore e la taglia (questa è può essere l’occasione per provare un colore nuovo).

Una volta ricevute queste ulteriori informazioni vi arriverà un’email in cui vi verrà detto che il vostro prodotto di sostituzione è stato spedito e che potete riciclare il prodotto rotto in vostro possesso. Questo permette di tenere il vostro prodotto mal funzionante e se volete potete regalarlo a qualcuno che lo userebbe anche senza la funzione che a voi non va. Per esempio il mio veggio Surge era perfetto ma non andava il sensore HR, alla mia ragazza l’HR non serve quindi lei può usare il mio vecchio Surge senza problemi. Se il vostro prodotto FitBit è inutilizzabile, riciclatelo (per l’Italia, buttatelo nel secco) c’è poco altro da fare.

Dando un parere personale devo dire che comunicare con l’Assistenza FitBit e reperire i link utili è stato abbastanza difficoltoso e sono dovuto andare sul sito UK per capire come arrivare ai passaggi sopraelencati. Ho trovato molto restia FitBit alla sosituzione del prodotto e ho dovuto mandare più emails ed anche un video che mostrava il mal funzionamento di Surge (con Flex era stato più sereno il tutto perchè era un problema di batteria e vedevano l’anomalia dai dati sincronizzati sul sito FitBit quindi non hanno battuto ciglio). Ho molto apprezzato il cambio dello smartwatch senza dover dare indietro quello rotto, così ho potuto darlo alla mia ragazza, ho apprezzato il fatto che hanno risolto il problema e che al momento dell’invio del nuovo funzionante si possa scegliere un colore e una taglia diversa dal primo acquisto (si può cambiare o prendere per altri). Mi ha piacevolmente stupito che non mi abbiano fatto storie sul fatto che ho acquistato Surge in UK ma mi sono fatto mandare il ricambio in Italia. Ma non ho veramente sopportato la lungaggine di comunicaizone prima di risolvere la questione e soprattutto la difficoltà di reperire il link per contattarli direttamente.

Sapendo che la comunicaizone con l’assistenza non è di facile accessibilità a tutti, se avete problemi non fatevi problemi a chiederci una mano, vi risponderò quanto prima! Spendere soldi su queste cose e non averle funzionanti so quanto possa essere fastidioso, quindi vi aiuto con piacere!

Cosa vi sembra? Può esservi utile?

Enjoy

TheJayS

PS: Nel frattempo abbiamo avuto modo di ampliare il panorama dei dispositivi Fitbit testati. Nel caso ve lo foste persi vi consigliamo di leggere la nostra recensione relativa al Fitbit Charge HR.

Non hai trovato il regalo giusto per Natale? Consulta la nostra super guida al regalo di Natale tech perfetto!
Bio autore

Jay S è un non-piu'-giovine laureato in economia che lavora come internal auditor in una multinazionale americana in quel di Londra. Questo suo creativissimo lavoro gli concede abbastanza ore libere, e in queste ore a sua disposizione coltiva campi ricchi di passione nerd, che spaziano dalle piantagioni di computer e telefonia, a quelle di serie tv, film, musica e libri...senza mai trascurare il suo amore per l'economia. Viaggiando spesso per lavoro e vivendo in UK riesce a provare ed acquistare molti gadget high-tech prima che escano nel mercato italiano.
Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Redmi Note 5 Pro riceve le patch di novembre. Redmi K30 "rinviato" al 2020

AndroidNewsSmartphone

La EMUI 10 basata su Android 10 in arrivo sui telefoni Huawei: ecco quali

AndroidNewsSmartphone

Vivo S5 è ufficiale: quattro fotocamere posteriori, "foro" nel display e Snapdragon 712

AndroidNewsSmartphone

OnePlus 7T e 7T Pro ricevono il nuovo aggiornamento OxygenOS: tutte le novità