GuidePC

Come avviare vecchi giochi per PC su Windows 10

Windows 10 è il sistema operativo di riferimento per i gamers ed offre un catalogo di titoli davvero enorme. Nel corso degli anni, il mondo dei videogiochi ha dato vita a tantissimi capolavori che, per gli appassionati di retrogaming, sono sempre piacevoli da rigiocare e, per i più giovani, possono rappresentare delle vere e proprie scoperte.

Avviare vecchi giochi per PC su Windows 10 può non essere così semplice. Tra problemi di compatibilità tra il gioco stesso e Windows 10 e la mancanza di supporto ufficiale da parte della software house, non sempre si riesce ad avviare, senza problemi, un vecchio gioco per PC con le ultime versioni di Windows ed, in particolare, con Windows 10.

In linea di massima, se un gioco, per quanto “vecchio”, viene scaricato da uno store (ad esempio Steam o Epic Games) non dovrebbero esserci grossi problemi di compatibilità tra il gioco stesso e Windows 10. In questi casi, infatti, la versione scaricata del “vecchio” gioco sarà una versione opportunamente aggiornata per supportare versioni più recenti di Windows.

I problemi possono nascere quando si cerca di far partire un gioco che non è aggiornato per supportare Windows 10 o un’altra versione recente di Windows, per esempio Windows 7 o Windows 8. Ad esempio, ipotizziamo di voler giocare ad un titolo comprato nel 2000 e di cui ancora si possiede il CD originale. In questo caso, il gioco, molto probabilmente, non sarà più supportato dalla software house che non avrà rilasciato alcun aggiornamento per renderlo compatibile in tutto e per tutto con Windows 10.

Windows 10

Inserendo il CD nell’apposito lettore e avviando il file d’installazione (.exe) potrebbero emergere problemi di varia natura e, in generale, un’incompatibilità tra il gioco e il sistema operativo. Le cause di questi problemi possono essere numerose mentre gli effetti facili da individuare. In questi casi, infatti, il gioco potrebbe non partire o crashare e risultare ingiocabile.

Fortunatamente, per giocare ad un vecchio gioco su PC con Windows 10 senza crash e risolvere qualsiasi problema software è possibile ricorrere a diverse opzioni. Le versioni più recenti di Windows presentano alcuni strumenti appositi che sono stati realizzati con l’obiettivo di tentare di risolvere, in modo completo, le possibilità incompatibilità tra un software progettato per una versione precedente del sistema operativo e la versione più moderna dell’OS di Microsoft.

Questi strumenti, in molti casi, sono davvero ottime e permettono di risolvere, in pochi minuti, i problemi di incompatibilità. In altri casi, è possibile giocare a vecchi titoli per PC su Windows 10 ricorrendo a software specifici che permettono di aggirare, in vari modi, l’incompatibilità esistente tra il gioco ed il sistema operativo. In questi casi potrebbe essere necessario smanettare un po’ di più ma, nella maggior parte dei casi, sarà possible avviare titoli anche di diversi anni fa.

Ecco, quindi, quali sono i nostri trucchi e consigli per avviare vecchi giochi per PC in Windows 10!

Esegui come amministratore

Come sottolineato in apertura, per far partire vecchi giochi sul proprio PC con sistema operativo Windows 10 è necessario avviare una procedura “a tentativi”. L’obiettivo è quello di individuare le soluzioni più semplici per avviare il software che si desidera utilizzare, in questo caso un retrogame per PC progettato diversi anni fa.

Per questo motivo è opportuno partire dalle opzioni più semplici da mettere in pratica per avviare vecchi giochi in Windows 10. La prima opzione da proverà è rappresentata dalla funzionalità “Esegui come amministratore”. Non tutti i file .exe possono essere avviati in Windows 10 con un semplice doppio clic del mouse. Per questioni di sicurezza, il sistema operativo previene l’apertura di alcuni file eseguibili non riconosciuti. In questa categoria potrebbero rientrare diversi file di installazione di giochi vecchi per PC.

La prima cosa da fare per provare a far partire un gioco per PC di qualche anno fa, che non è mai stato programmato per funzionare con Windows 10, è avviare il file .exe utilizzando i privilegi di amministratore di sistema. Per sfruttare questa funzionalità di Windows 10 basta cliccare con il tasto destro sul file .exe del gioco e scegliere l’opzione  “Esegui come amministratore” che si trova al di sotto del comando Apri. In molti casi, per far partire un vecchio gioco del PC basta avviare il file eseguibile come amministratore.

Se questa funzionalità riesce a risolvere i problemi legati all’avvio di un vecchio gioco per PC in Windows 10, sarà sufficiente avviare ogni volta il gioco come amministratore. Basterà, quindi, ricordarsi di utilizzare questo semplice stratagemma per aggirare le limitazioni poste da Windows 10 all’esecuzione di file da parte dell’utente.

Modalità Compatibilità

La funzionalità “Esegui come amministratore”, soprattutto per giochi molto vecchi e mai aggiornati per essere compatibili con Windows 10, potrebbe essere insufficiente per far avviare il gioco. Fortunatamente, Windows ci offre altri strumenti per risolvere i possibili problemi con software non recente e non progettato per “girare” con l’ultima evoluzione del sistema operativo di Microsoft.

L’utente, infatti, può sfruttare la “modalità compatibilità” che consente l’avvio di un software in modalità compatibile permettendo all’utente di scegliere la versione di Windows da utilizzare per l’apertura del file .exe. Per accedere a tale modalità è necessario accedere alle proprietà del file eseguibile. Individuato il .exe del gioco da avviare, quindi, bisognerà cliccare con il tasto destro e scegliere l’opzione Proprietà, situata alla fine dell’elenco delle varie opzioni disponibili.

Dalla nuova finestra, in alto, bisogna cliccare sulla scheda Compatibilità, situata tra la scheda Generale e la scheda Sicurezza. Questa sezione delle proprietà del file permette di risolvere i problemi di compatibilità tra il software (in questo il vecchio gioco del PC che si desidera avviare) ed il sistema operativo (in questo caso, Windows 10).

Questa sezione delle proprietà include diverse funzioni. La prima cosa da notare è lo strumento di risoluzione dei problemi di compatibilità. Si tratta di un utile strumento software incluso in Windows 10 che consente di individuare quali sono i problemi che impediscono l’avvio corretto di un file .exe progettato per una precedente versione di Windows.

Cliccando sull’opzione “Eseguire lo strumento di risoluzione dei problemi di compatibilità” il sistema operativo tenterà di individuare le problematiche alla base  dei problemi riscontrati con il file eseguibile di cui si stanno consultando le proprietà. Per quanto utile, questo strumento può essere bypassato per concentrarsi sulla Modalità compatibilità posizionata, nella finestra, subito dopo.

Scegliendo l’opzione “Esegui il programma in modalità compatibilità per” si potrà scegliere la versione di Windows da utilizzare per avviare il gioco. Le opzioni a disposizione dell’utente sono:

  • Windows 95
  • Windows 98/Me
  • Windows XP (Service Pack 2)
  • Windows XP (Service Pack 3)
  • Windows Vista
  • Windows Vista (Service Pack 2)
  • Windows Vista (Service Pack 3)
  • Windows 7
  • Windows 8

Effettuata la scelta, basterà cliccare su Applica e poi su Ok per completare l’impostazione della modalità compatibilità e tentare di avviare il gioco per PC utilizzando i parametri di riferimento della versione di Windows prescelta. Chiusa la scheda Proprietà si potrà avviare il gioco normalmente (oppure utilizzando la funzionalità “Esegui come amministratore”) per verificare se i problemi di compatibilità sono stati risolti.

Da notare, inoltre, che, sempre nella scheda Compatibilità, sono presenti diverse altre impostazioni da tenere d’occhio per poter modificare alcuni parametri con l’obiettivo di semplificare l’apertura del file .exe del gioco. Tra gli elementi a disposizione dell’utente troviamo:

  • Modalità colore ridotto (permette di impostare la modalità del colore scegliendo tra 8 bit e 16 bit)
  • Esegui in risoluzione 640 x 480
  • Disabilità ottimizzazioni schermo intero
  • Esegui questo programma come amministratore (in questo modo non ci sarà bisogno di ricordare, ogni volta, al sistema operativo di avviare il file .exe come amministratore)

Gli strumenti offerti da Windows 10 per risolvere i problemi di compatibilità sono davvero molto utili (anche se talvolta possono essere un po’ “nascosti” tra le tante opzioni del sistema operativo). Nonostante ciò, non sempre è possibile avviare vecchi giochi per PC senza imbattersi in problemi software di vario tipo. Per questo motivo, quando gli strumenti di Windows 10 non sono sufficienti è necessario affidarsi ad altre soluzioni software.

Emulatore

Migliori emulatori per Dos disponibili per PC

Se la “Modalità compatibilità” non è sufficiente a risolvere i problemi legati all’avvio di un vecchio gioco per PC in Windows 10 ci sono ancora alcuni strumenti a cui possiamo fare riferimento. Un’opzione da tenere in considerazione è, sicuramente, quella di utilizzare un emulatore per poter eliminare qualsiasi problema di compatibilità ed iniziare a giocare al gioco desiderato. Questo tipo di soluzione è davvero molto diffusa nel mondo del retrogaming e va quindi considerata con molta attenzione. A proposito, ti consiglio di leggere il nostro approfondimento sui migliori emulatori per PC.

Un emulatore può risultare un’opzione vincente in diverse situazioni. In particolare, utilizzare un emulatore potrebbe essere la mossa risolutiva per far partire un gioco progettato per MS-DOS. Le versioni più moderne di Windows e, quindi, anche Windows 10 non includono il supporto al software scritto per DOS. Se non riescono a risolvere i problemi di compatibilità sfruttando lo strumento apposito presente in Windows 10, puntare su di un emulatore può essere la soluzione vincente per poter giocare ad un gioco DOS senza problemi.

Uno degli emulatori più diffusi ed efficienti, per avviare vecchi giochi DOS per PC Windows 10, è DOSBox. Si tratta di un emulatore completamente gratuito che offre un supporto completo ed è molto facile da utilizzare. Il sito di DOSBox, inoltre, include una dettagliata lista dei giochi compatibili permettendo così all’utente di verificare se il titolo a cui vuole giocare è supportato.

nGlide

Alcuni vecchi giochi per PC sono stati sviluppati sfruttando le API Glide, sviluppate nella seconda metà degli anni 90 da 3dfx Interactive. Queste API non sono supportate dalle GPU moderne. Tentare di far partire un gioco di questo tipo non sarà facile. Per semplificare, al massimo, la situazione è possibile ricorrere ad un wrapper specifico per le API Glide. 

Tra i software utili per questo compito troviamo nGlide. Si tratta di un software freeware, installabile senza problemi su PC Windows 10 ma anche su PC dotati di versioni precedenti di Windows. nGlide richiede l’utilizzo di una GPU compatibile con DirectX 9.0 o Vulkan 1.0 e permette di avviare, senza intoppi, i vecchi giochi per PC che utilizzavano le API Glide.

Un wrapper alternativo utilizzabile per giocare ai titoli che richiedevano il supporto alle librerie Glide è dgVoodoo

ScummVM

ScummVM è un software che tutti gli appassionati dei classici giochi di avvenuta “punta e clicca” di una volta devono installare sul proprio PC per far partire, senza problemi, tutti i titoli che preferiscono andando ad eliminare, a monte, qualsiasi problema di compatibilità. La maggior parte dei giochi supportati da ScummVM, infatti, sono stati sviluppati negli anni 90, molto prima dell’arrivo di Windows 10 e della nascita del gaming moderno.

Come abbiamo visto in precedenza, avviare senza problemi in Windows 10 giochi di questo tipo non è semplice. Con ScummVM, invece, l’esecuzione di questi titoli viene agevolata. Basta avere a disposizione il disco originale del gioco e installare sul proprio PC ScummVM per risolvere in pochi minuti tutti i possibili problemi di compatibilità.

Ecco alcuni link utili per conoscere ScummVM, scaricarlo ed utilizzarlo per giocare a qualche capolavoro di tanti anni fa.

ScummVM è un software gratuito. Gli utenti possono fare una donazione (tramite PayPal) per sostenere l’intero progetto e garantire il suo funzionamento.

Macchina virtuale

Se tutti i sistemi indicati non riescono a risolvere i problemi di compatibilità, per far partire un retrogame per PC è possibile ricorrere ad una macchina virtuale (o Virtual machine, VM), installando un apposito software che andrà ad emulare, in Windows 10 ad esempio, il sistema operativo per cui il gioco a cui vogliamo giocare è stato sviluppato, ad esempio Windows 95.  L’utilizzo di una macchina virtuale è una soluzione che, potenzialmente, può rivelarsi risolutiva per il retrogaming, permettendo di accedere, senza troppi problemi, anche a giochi pensati per sistemi operativi di molti anni fa.

Per provare ad utilizzare questa strada è possibile utilizzare Virtualbox, un software ben fatto e soprattutto completamente gratuito. Per individuare il sistema operativo “giusto” da installare con la macchina virtuale possiamo ricorrere al database di WinWorld che offre la possibilità di accedere a svariati sistemi operativi. In questo database ci sono tutte le principali versioni di Windows precedenti ad XP (Microsoft ha bloccato la diffusione di XP e VIsta ma consente il download libero di versioni precedenti di Windows).

Steam e GOG

Come abbiamo già accennato in precedenza, anche i “vecchi” giochi che possiamo acquistare su store digitali sono tutti stati aggiornati ed ottimizzati per poter funzionare con sistemi operativi moderni ed, in particolare, con Windows 10. L’ottimizzazione arriva direttamente dagli sviluppatori del titolo che, prima tornare in vendita su uno store digitale, viene opportunamente patchato, andando a risolvere a livello di programmazione qualsiasi incompatibilità software con i sistemi operativi più recenti.

Gli store digitali da tenere d’occhio per l’acquisto di “vecchi giochi” sono, principalmente, Steam e GOG , veri e propri punti di riferimento per tutti i videogiocatori, anche grazie alle tantissime offerte disponibili periodicamente che permettono di accedere a tantissimi titoli a condizioni particolarmente vantaggiose. Per quanto riguarda Steam, lo store è, in assoluto, il riferimento del gaming su PC e può contare su decine di migliaia di titoli da acquistare e scaricare, molti anche gratuitamente.

Steam non offre solo tutti i principali giochi di ultima generazione che arrivano su PC. La piattaforma di Valve presenta tantissimi titoli per gli appassionati di retrogaming (potete dare un’occhiata alla sezione Retrò dello store per farvi un’idea) e risulta, quindi, una tappa quasi obbligata per chi è in cerca di un “vecchio gioco” già ottimizzato per poter essere eseguito, senza troppi problemi, su PC Windows 10 e non dover perdere tempo con sistemi per tentare di risolvere i problemi di compatibilità.

Per il retrogaming è consigliabile dare un’occhiata anche a GOG (precedentemente noto come Good Old Games), store digitale della software house CD Projekt. In passato, GOG commercializzava prevalentemente videogiochi “del passato” ma, negli ultimi anni, lo store è diventato un punto di riferimento per tutti i videogiocatori proponendo un catalogo molto ricco ed in costante aggiornamento. Per gli appassionati di videogiochi su PC ed, in particolare, per gli amanti del retrogaming GOG può rappresentare un vero e proprio punto di riferimento per acquistare i titoli che si desidera scoprire o riscoprire.

banner telegram - canale offerte

Potrebbero interessarti
GuidePC

Come condividere file tra Android e Windows 10 tramite Wi-Fi

NewsPC

ASUS TUF Gaming A15 e A17 ufficiali anche in Italia: due notebook per un gaming da "sballo"

PCRecensioni

Recensione Razer Gigantus V2: il tappetino per i gamer

AppleEditorialeGuideGuideMacPCWindows

Migliori emulatori per PC con Windows, Mac e Linux