AccessoriAccessoriAndroidAppleRecensioniRecensioniWearable

Recensione Amazfit GTR 2e: lo smartwatch economico più bello

amazit gtr 2e


È passato un po’ di tempo dalla recensione del primo Amazfit GTR. Nel 2019 lo smartwatch circolare di Amazfit mi aveva piacevolmente colpito col suo stile classico, per l’ottima realizzazione e per la batteria eccezionale, ma mi aveva lasciato un po’ perplesso il software. Il nuovo Amazfit GTR 2e sistema molti difetti della precedente versione e si candida ad essere uno degli smartwatch più belli del 2021 grazie ad una qualità costruttiva sublime.

L’ho utilizzato per tre settimane e sono finalmente pronto a raccontarvi la recensione di Amazfit GTR 2e.

Videorecensione: è davvero uno spettacolo!

Confezione

La scatola si presenta con le classiche linee dei box Amazfit. Al suo interno troviamo una dotazione ormai classica per tutti gli smartwatch che comprende, oltre all’orologio, il solo cavo USB per la ricarica ed un manuale di istruzioni in italiano.

Design e costruzione

Ho un debole per gli smartwatch rotondi, lo dicevo anche qualche settimana fa nella recensione di Apple Watch 6, e devo dire che Amazfit GTR 2e mi è piaciuto tantissimo sotto il punto di vista estetico. La cassa rotonda, le linee pulite ed eleganti lo rendono uno degli smartwatch più belli che ho provato in questo inizio del 2021. È di fatto un orologio elegante e di grande impatto, capace di abbinarsi perfettamente sia ad un abbigliamento formale che ad uno stile più sportivo.

La cassa ha un corpo realizzato interamente in alluminio e in vetro curvo (2.5D) ed è resistente ad acqua (immersioni fino a 50 metri) e polvere grazie alla certificazione IP68. Il vetro ha un buon trattamento oleofobico che permette di evitare l’accumulo di sporco e ditate sul display. Sono ben realizzati anche i due pulsanti fisici laterali, entrambi in plastica, che funzionano bene ed hanno un buona precisione alla pressione. Sarebbe stato avere uno dei due pulsanti con un sensore di rotazione che avrebbe semplificato lo scorrimento dei menu.

Le dimensioni sono perfettamente bilanciate, parliamo di 46,5 x 46,5 x 10, 8 mm, e lo rendono adatto anche ad un polso di medie dimensioni grazie alla taglia che sembra quella di un classico orologio da uomo. Ottima la vestibilità e la comodità grazie anche al peso ridotto di soli 32 grammi che lo rendono sempre piacevole da indossare, anche di notte.

Il cinturino, punto debole di molti prodotti, mi ha convinto grazie alla buona realizzazione in silicone morbido che si è dimostrato molto comodo da indossare H24.

Hardware e sensori

La dotazione hardware è particolarmente completa, ma non perfetta. All’interno della cassa troviamo i sensori per il tracciamento del battito cardiaco, dell’ossigenazione del sangue, per la misurazione della pressione cardiaca e della temperatura corporea a cui si aggiungono il GPS e Glonass, microfono, la connessione Bluetooth 5.0 ed un motorino per la gestione della vibrazione.

La grande presenza di sensori permette di tracciare praticamente ogni tipologia di dato corporeo (passi, distanze, calorie, ecc..), sulle ore di sonno e generalmente sullo stato di salute di tutto il nostro corpo. Ho trovato molto precise le misurazioni effettuate dell’ossigenazione del sangue e della pressione cardiaca, risultano un po’ sballati invece i dati sulla temperatura corporea, ma il polso sicuramente non è il posto più adatto per misurarla. Il problema più grave è un bug relativo al conteggio dei passi che tiene traccia solamente dei passi lunghi e distesi e non riesce a tracciare i piccoli movimenti che vengono fatti in casa, speriamo arrivi presto una correzione con un aggiornamento software.

La connessione Bluetooth 5.0 con lo smartphone risulta stabile e precisa e non ho mai avuto problemi di mancate notifiche o di sincronizzazione.

Altalenanti le performance del GPS. L’aggancio dei satelliti avviene in tempi decisamente variabili, in alcune occasioni ha impiegato pochi istanti ed in altre fino a 2 minuti. Molto buona invece la precisione dei dati una volta completato il fix con una precisa misurazione di percorsi, distanze e dislivelli.

Lato hardware però vanno segnalate alcune assenze, dettate dalla natura economica del prodotto. Mancano all’appello il chip NFC, lo speaker per le chiamate vocali e la connessione WiFi, che però mancano, ad esclusione dello speaker, anche nel modello GTR 2 classico che viene venduto a circa 50 euro in più.

Display

Davvero molto bello lo schermo di Amazfit GTR 2e. Il pannello è lo stesso utilizzato sul GTR 2 ed è un Amoled da 454 x 454 pixel e 326 ppi protetto da un vetro temperato dotato di un efficace trattamento anti impronta. I colori sono ottimi, brillanti e ben bilanciati. Mi sono piaciuti i neri molto profondi, un dettaglio piacevole che permette di avere una continuità fra schermo e cornice.

Molto buona la luminosità, sia massima che automatica, che consente di avere sempre una perfetta leggibilità anche sotto la luce diretta del sole. Piacevole ed utile la presenza dell’always-on display che segue lo stile del quadrante e che ci permette di avere sempre a disposizione l’orario sul polso.

Piacevoli i quadranti personalizzabili che consentono di cambiare alcuni dettagli dei dati mostrati a schermo. C’è poi la possibilità di selezionare i quadranti fra i molti disponibili sull’orologio e sull’applicazione.

Software ed app

Il software dell’orologio è basato sul sistema operativo proprietario di Amazfit e si presenta graficamente ben curato, fluido e scattante ed in grado di offrire all’utente un’interfaccia semplice da utilizzare ed una grande serie di funzionalità.

Direttamente dal polso è possibile gestire tutti gli aspetti e le funzionalità del sistema e si possono controllare tutti i dati giornalieri, far partire le misurazioni e gli allenamenti. Alle classiche funzionalità si aggiungono i dati su meteo ed eventi, la possibilità di impostare sveglie e di controllare le tracce musicali in riproduzione sullo smartphone. Discrete le possibilità di personalizzazione che permettono di modificare le funzioni legate alla pressione dei tasti, alla modalità non disturbare automatica (in base al sonno), di cambiare il quadrante ed attivare l’always-on display in determinati orari della giornata.

L’applicazione Zepp, disponibile per Android ed iOS, consente di controllare tutti i dati impreziositi di punteggi, grafici e statistiche e di modificare i settaggi dello smarwatch in maniera più approfondita.

Buona la gestione dello sport, per quanto naturalmente non paragonabile a smartwatch di fascia più alta, che consente di tracciare 90 differenti tipi di sport e che riesce ad offrire un valido tracking di tutti i dati combinando ai classici movimenti le misurazioni del battito cardiaco ed i dati raccolti dal GPS. Nel complesso il tracking dell’attività fisica è più che buono e ci consente di avere dati completi sui nostri allenamenti con grafici precisi e dettagliati nell’applicazione.

Sufficiente la gestione delle notifiche. Dall’applicazione è possibile scegliere per quali app attivare le notifiche sullo smartwatch, queste verranno semplicemente visualizzate con dettaglio dell’app e del contenuto del messaggio ricevuto. Lo stesso vale per le chiamate che vengono notificate al polso mostrandoci il nome o il numero del chiamante. Manca completamente ogni possibilità di risposta ed è un vero peccato per uno smartwatch dotato di microfono, pesa naturalmente l’assenza dello speaker.

Il microfono risulta di fatto inutilizzato visto che dovrebbe servire per l’assistente vocale che però al momento è disponibile solamente in lingua inglese. Aspettiamo con ansia l’aggiornamento che dovrebbe introdurre l’assistente vocale Alexa anche in Italia.

Batteria ed autonomia

Amazfit GTR 2e monta una batteria da 471 mAh che consente di avere una buona autonomia, ma non all’altezza di quella promessa dal produttore. Amazfit parla di un’autonomia massima di 24 giorni. Durante i miei test sono riuscito a coprire una intera settimana mantenendo lo schermo sempre attivo (con qualche ora di sport e di utilizzo del GPS) ed una quindicina di giorni disattivando l’always-on. I risultati in termini di autonomia sono davvero molto buoni e largamente superiori a quelli di molti dei prodotti concorrenti.

Prezzo

Amazfit GTR 2e viene venduto sul sito del produttore e su Amazon ad un prezzo di 129 euro. Il prezzo è davvero interessante ed il rapporto qualità-prezzo davvero molto interessante. In questa fascia di prezzo è praticamente impossibile trovare un prodotto così ben realizzato e dotato di queste caratteristiche tecniche.

A chi lo consiglio – Conclusioni

Amazfit GTR 2e non è perfetto ed ha qualche piccola carenza, ma è molto probabilmente uno dei migliori smartwatch nella fascia dei 100/150 euro attualmente disponibili ad inizio 2021.

Lo consiglio a chi cerca uno smartwatch ben realizzato, molto bello ed elegante ed in grado di seguirci nelle nostre giornate, dall’ufficio alla palestra, e capace di misurare una grande quantità di dati corporei. Amazfit GTR 2e non ha veri e propri difetti e mi sento di consigliarlo davvero a tutti! Credo proprio che rimarrà sul mio polso per un bel po’ di settimane e potrebbe migliorare ulteriormente con l’arrivo di Alexa.

Immagini di Amazfit GTR 2e

Giudizio finale
Confezione
7 / 10
Design e costruzione
9 / 10
Hardware e sensori
8 / 10
Display
8.5 / 10
Software e app
8.5 / 10
Batteria
9 / 10
Prezzo
9 / 10
La nostra opinione

Amazfit GTR 2e non è perfetto ed ha qualche piccola carenza ma è molto probabilmente uno dei migliori smartwatch nella fascia dei 100/150 euro attualmente disponibili ad inizio 2021.

Lo consiglio a chi cerca uno smartwatch ben realizzato, molto bello ed elegante ed in grado di seguirci nelle nostre giornate, dall’ufficio alla palestra, e capace di misurare una grande quantità di dati corporei. Da sottolineare che potrebbe migliorare ulteriormente con l’arrivo di Alexa.

8.4 ★★★★☆
Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Realme 8 e Realme 8 5G arrivano in Italia (assieme ai Buds Q2)

AndroidNewsSmartphone

ASUS Zenfone 8 e Zenfone 8 Flip, ufficiali i due nuovi smartphone

AppleiPhoneNews

Un iPhone con display 3D: il brevetto di Apple fa "sognare" i fan

AppleiPadNews

iPad Pro M1, i benchmark sono da urlo: oltre il 50% più veloce