App iOS

I migliori emulatori Android per Mac

Emulatori Android per Mac

Esistono emulatori Android per Mac? Come per quanto riguarda Windows ma anche Linux, anche gli utenti Mac possono emulare quanto proposto dal sistema operativo mobile.

A prescindere che si intenda provare un’app disponibile solo su Android o che si voglia mettere mano a qualche gioco intrigante, disponibile solo per tale piattaforma, esistono diverse soluzioni per poter effettuare l’emulazione anche con macOS.

Come trasferire file da Android su Mac

Quali sono i migliori emulatori Android per Mac?

Contrariamente a quanto si possa pensare, il Mac offre diversi software in grado di emulare il sistema operativo di Google. Alcuni sono nomi già noti agli amanti dell’emulazione: si tratta infatti semplicemente delle versione Mac di app già disponibili su Windows. Andiamo dunque ad analizzare i software uno per uno.

Nox, ideale per i videogiocatori

Nox App Player è un’ottima scelta se stai cercando un emulatore Android per i giocare. Esso infatti è in grado di supportare i controller di gioco, fondamentale per godere appieno di un prodotto videoludico. Puoi utilizzare Nox anche per testare app, ma è progettato anche se impostazioni e caratteristiche sono indirizzate maggiormente verso i videogiocatori.

Il software in questione è veloce da installare e funziona bene su macOS senza problemi evidenti. L’interfaccia utente è semplice e intuitiva per i principianti, con accesso a Google Play Store incluso. Puoi anche registrare il tuo schermo se desideri condividere con altre persone le tue sessioni di gioco.

Nox è anche leggero in termini di risorse, il che significa che è possibile mantenere diverse applicazioni in esecuzione senza rallentare il proprio computer (caratteristica non da poco). Se stai cercando di giocare ai giochi Android sul tuo Mac, questa applicazione è la scelta ideale.

BlueStacks, il più popolare

Bluestacks è uno degli emulatori Android più conosciuti in ambiente Windows e, la versione macOS, si dimostra decisamente all’altezza. Come Nox, si tratta di un’app ideata principalmente per emulare videogiochi Android, pur prestandosi anche ad altri utilizzi.

L’installazione richiede più tempo rispetto a Nox, ma una volta che è attivo e funzionante l’interfaccia utente è semplice da usare. Come il precedente emulatore, puoi anche installare app e giochi tramite Google Play Store. Esiste il supporto nativo per i controller compatibili con Xbox, ma tale funzione non funziona sempre come dovrebbe.

Le prestazioni dipendono dal tuo sistema, ma l’ultima versione di Bluestacks è molto più leggera rispetto alle versioni precedenti, che sotto questo punto di vista non erano particolarmente brillanti. Molto dipende anche dal tipo di gioco emulato.

Genymotion, per gli sviluppatori professionisti

Se hai bisogno di emulatori Android per Mac al fine di sviluppare app, vale la pena dare un’occhiata a Genymotion. Si tratta di un emulatore rivolto agli sviluppatori di software e che consente di testare le app su una vasta gamma di dispositivi virtuali.

Una delle funzionalità chiave per gli sviluppatori è la possibilità di utilizzare Genymotion Cloud, il loro servizio di emulazione virtuale basato sulla tecnologia cloud. Significa che chiunque può interagire con il tuo dispositivo virtuale tramite un browser web. Una funzione assolutamente perfetta per condividere un progetto senza che il destinatario debba aver installato per forza Genymotion.

Queste funzionalità però, non sono disponibili gratuitamente: l’edizione desktop costa ben 136 dollari all’anno per un singolo utente. Per Genymotion Cloud, SaaS si parte dall’astronomica cifra di 200 dollari al mese. Una soluzione dunque indicata soprattutto per le compagnie di sviluppatori piuttosto facoltose. Esiste una versione di prova, ma è necessario registrarsi e verificare l’e-mail prima di poterla scaricare.

Android Studio, per chi vuole programmare senza spendere

Android Studio è lo strumento di Google per gli sviluppatori di app. Non è solo un emulatore: ha tutti gli strumenti necessari per progettare e costruire applicazioni. L’emulazione consente di testare i software creati su dispositivi virtuali, per provare la loro efficacia. Con così tante funzionalità a dir poco complesse, questa non è una scelta per chi sta solo cercando di eseguire alcune app o giochi Android su macOS.

Se sei uno sviluppatore di app Android però, è uno degli strumenti più importanti di cui avrai bisogno. Puoi anche simulare le chiamate in arrivo e i messaggi SMS, impostare la posizione del dispositivo e persino modellare a tuo piacimento i sensori di movimento.

L’installazione è piuttosto lunga e la sua interfaccia utente non è la più intuitiva per i principianti. Ciò è dovuto principalmente al numero di funzionalità offerte che, come è intuibile, sono indirizzate verso un’utenza piuttosto esperta. Essendo l’emulatore ufficiale di Google, supporta l’emulazione fino ad Android Pie 9.

Droid4X, l’alternativa per i giochi

Torniamo a parlare di emulatori Android per Mac in un ambito più leggero. Droid4X e un altra piattaforma estremamente utile per chi vede in Android l’ambiente ideale per il proprio svago.

Con la sua interfaccia dal design elegante e una notevole facilità quando si tratta di installare file APK, Droid4X è un’altra opzione interessante per i videogiocatori. A ciò è possibile aggiungere la possibilità di realizzare filmati di quanto si fa con l’emulatore: un’opzione molto utile per chi intende realizzare tutorial in ambiente Android. Droix4X è un’app piuttosto leggera, in grado di girare anche sui Mac meno prestanti.

Andyroid Emulator, per testare app

Andyroid Emulator è forse meno conosciuto degli emulatori sinora elencati pur offrendo alcune caratteristiche interessanti. Tra le tante, spicca il supporto OpenGL e non solo. Tramite l’uso di questa app è, tra le altre cose, possibile trasformare lo smartphone in una periferica per giocare a giochi Android sul Mac.

Altre peculiarità sono la presenza di Google Play Store, la possibilità di salvare dati in cloud, piena compatibilità per app native X86 e ARM e tante altre feature interessanti. Andyroid Emulator è disponibile gratuitamente, anche se esiste una versione pro (che costa 99 dollari all’anno), capace di offrire alcune funzioni extra.

Bio autore

Articolista, scrittore, copywriter, newser e SEO con la passione per sport, informatica e tecnologia. Ho la fortuna di vivere lavorando a tempo pieno su quelle sulle mie passioni.
Potrebbero interessarti
App iOSGuideMac

Come eseguire uno streaming da Mac a TV wireless

App androidApp iOSConsigli per gli acquisti

Come riconoscere i numeri sconosciuti delle chiamate?

App androidApp iOSGuideWindows

Come aggiungere una firma digitale su PDF

App androidApp iOSWindows

Creare un’app: quanto costa?