AndroidGuide

Usi alternativi dei vecchi smartphone Android: le migliori idee

usi alternativi vecchi smartphone Android navigatore auto

Un po’ a tutti succede, con il passare degli anni, di ritrovarsi con dei vecchi smartphone Android in casa.

I passi in avanti della tecnologia infatti, hanno il rovescio della medaglia di rendere i dispositivi mobile superati dopo appena pochi anni dal loro lancio sul mercato. Visto il costo non indifferente degli smartphone e il fatto che è difficile rivenderli ottenendo qualcosa in più di una manciata di euro, possiamo impegnarci per trovare dei usi alternativi.

Vecchi smartphone Android: come riciclarli in maniera intelligente? Essendo Android un sistema operativo completo e capace di integrare lo smartphone in una rete Wi-Fi, questi telefonini possono risultare comunque utili in determinati contesti.

Anche se, nella maggior parte dei casi, l’impossibilità di aggiornare gli OS può rendere il dispositivo poco sicuro, se si limita il suo impiego per lavori pratici e semplici, anche uno smartphone Android con diverse primavere alle spalle può comunque rendersi utile. Di seguito, illustreremo alcuni tra gli utilizzi più comuni e/o interessanti di questi smartphone “in pensione”.

Black Friday 2019

Usare uno smartphone Android come sveglia

Uno degli utilizzi più semplici in questo senso è trasformare un dispositivo Android in una vera e propria sveglia.

Andando oltre al semplice orologio reso disponibile dallo stesso sistema operativo, esistono una serie di applicazioni che possono ampliare le funzioni specifiche, rendendo lo smartphone a tutti gli effetti una sveglia.

In questo senso, per esempio, possiamo citare l’app Zen Flip Clock. Questa applicazione, apprezzabile anche sotto il punto di vista semplicemente estetico, offre una serie di funzioni estremamente utili, come un calendario integrato, promemoria varie e un display con orologio che si sposa perfettamente con le esigenze di uno smartphone-sveglia.

Altra applicazione utile in tal senso, può essere Glimmer. Questa applicazione infatti, interpreta il ruolo di sveglia in maniera singolare. Non utilizza infatti effetti sonori per svegliare l’utente, ma propone delle luci che vanno a simulare la luce del sole durante l’alba. Non solo: Glimmer si può collegare anche con le lampadine smart, interagendo con le stesse e rendendo dunque il suo lavoro ancora più efficace.

Infine, merita una citazione anche Sveglia Xtreme, app che non teme il confronto con la concorrenza quando si tratta di personalizzazione. A spiccare, in tal senso, sono sicuramente le tante funzioni non solo legate al risveglio, ma anche per gestire la giornata con promemoria e simili. Di fatto, Sveglia Xtreme, permette di gestire la giornata a 360 gradi.

GPS per automobili

Navigatore Android

I GPS per automobili, intesi come strumenti a se stanti, stanno rapidamente lasciando il passo alle applicazioni per smartphone.

Se è vero che puoi usare il GPS sul tuo dispositivo mobile principale, va anche detto che il suo consumo di batteria è solitamente piuttosto esoso. Perché dunque non sgravare il tuo smartphone primario di questo compito? Se il vecchio smartphone Android ha una batteria ancora relativamente performante, questa opzione può risultare molto utile.

Sotto questo punto di vista, seppur a pagamento, Sygic: GPS Navigation appare come una delle migliori soluzioni attualmente disponibili. Questa soluzione però, ha l’enorme vantaggio di poter utilizzare il GPS in maniera pressoché perfetta anche senza dover fruire di una linea internet (una volta scaricate le mappe).  L’app permette di ottenere informazioni riguardo traffico, limiti di velocità e informazioni metereologiche. Di fatto, il top per chi necessita di un GPS.

Un’alternativa piuttosto interessante, sempre sotto questo punto di vista, è Waze – GPS.  L’app informa l’utente non solo riguardo il percorso migliore da percorrere per raggiungere un determinato luogo, ma anche la situazione del traffico, eventuali lavori in corso e altre informazioni in tempo reale.

Tra le tante funzioni disponibili, vi è anche una che permette di individuare il miglior punto di rifornimento lungo il percorso. Rispetto alla precedente app, Waze-GPS è del tutto gratuita.

Videocamera di sorveglianza

Se di solito per il controllo di un locale o magazzino si utilizza un’apposita videocamera di sorveglianza, non è detto che per tale scopo non sia possibile convertire un vecchio smartphone Android. Se è vero che la batteria può limitare questo potenziale utilizzo, è altresì vero che, per un utilizzo estemporaneo, un telefonino può comunque rendersi particolarmente utile.

Riguardo questo tema, abbiamo trattato eventuali app da utilizzare nell’articolo “Smartphone Android come webcam”.

Trasformalo nel tuo stereo

Impianto stereo

Impianto stereo

E se utilizzassi lo smartphone per ascoltare la musica? Il primo passo per questa “nuova vita” del caro vecchio smartphone è trovare un’app adatta allo scopo.

In questo caso c’è l’imbarazzo della scelta, anche se Spotify, ovviamente, la fa da padrone. Chi invece preferisce puntare sulla concorrenza, può optare per l’ottimo Phonograph Music Player (già incluso in Google Play Pass) o lo stesso Google Play Music.

A prescindere dall’app scelta, può essere poi utile cercare anche una periferica per rendere ancora più piacevole l’esperienza uditiva (magari sfruttando la tecnologia Bluetooth per fare a meno di fili e cavi).

Usalo come telecomando

Può sembrare un utilizzo bizzarro, ma in realtà è assolutamente ideale per riciclare uno smartphone ormai datato. Un’app come Unfied Remote infatti, permette di collegare un sistema Android a un altro sistema simile o a un PC desktop, così come a un sistema Apple.

Il risultato è quello di avere a disposizione un vero e proprio telecomando che, sfruttando la rete WiFi o il Bluetooth, permette di controllare un dispositivo da distante.

Router

Se lo smartphone Android in questione è dotato di una scheda SIM con abbonamento Internet, è possibile gestire lo stesso come un router portatile. Per maggiori informazioni, è possibile consultare l’articolo “Come trasformare uno smartphone Android in un router portatile“.

Sicuramente non è una soluzione paragonabile a un vero e proprio router, pur dimostrandosi comunque ideale come dispositivo temporaneo.

eBook Reader

Nonostante tra eBook Reader e smartphone Android vi siano sostanziali differenze a livello tecnologico, è possibile trovare un utilizzo di ripiego di quest’ultimi in tale campo. I requisiti dello smartphone sono di avere perlomeno uno schermo da 4,7 pollici.

Nonostante l’assenza di tecnologia e-ink, è possibile leggere PDF ed ePub attraverso Android, utilizzando apposito software come abbiamo approfondito nell’articolo “Le migliori app Android per leggere gli e-book”. Ovviamente, una lettura prolungata su uno schermo che non sia quello di un eBook reader vero e proprio può affaticare la vista, quindi consigliamo di non esagerare in tal senso.

Beneficenza

I vecchi smartphone Android possono anche essere impiegati per fare beneficenza. In rete infatti, è possibile individuare punti di raccolta per donare il proprio dispositivo mobile che viene in qualche modo o riciclato o riutilizzato per fini benefici. Si tratta di iniziative lodevoli che, oltretutto, permettono di riciclare molti modelli altrimenti destinati a diventare materiale inquinante.

Potrebbero interessarti
AndroidApp android

5 migliori launcher per Android: velocità e personalizzazione

AndroidNewsSmartphone

La fotocamera sotto al display del Galaxy Z Fold 3 sarà di buona qualità

AndroidGuide

Come liberare spazio sullo smartphone con Google Foto

AndroidEditorialeSmartphone

Google e Apple possono installare app sul tuo smartphone?