GuidePC

Notebook sempre collegato alla corrente: è un problema per il PC?

È meglio tenere il laptop collegato alla corrente o utilizzarlo con la batteria? La risposta a questa domanda non è particolarmente semplice.

Prima o poi, tutti gli utenti di laptop si trovano a porsi lo stesso quesito. Nonostante i notebook siano dispositivi ideati per un utilizzo lontano da casa, per questioni di spazio e praticità sono molti ad utilizzare tali macchine come se fossero PC fissi.

Dunque, approfondiamo questa tematica per capire qual è la soluzione migliore per tutelare la tua macchina.

redmi laptop

Laptop collegato alla corrente? Una questione di batterie

Esistono due tipi principali di batterie utilizzate nei laptop: agli ioni di litio e ai polimeri di litio. Sebbene siano tecnologie diverse, funzionano più o meno allo stesso modo, generando energia attraverso il movimento degli elettroni.

Questo flusso costante è necessario anche per mantenere in salute la batteria. Per entrambi i tipi di batterie, le seguenti affermazioni sono vere, almeno per quanto riguarda i laptop moderni:

  • Una batteria non può essere sovraccaricata. Non c’è pericolo di sovraccaricare la batteria se la si lascia sempre collegata. Non appena raggiunge il 100%, cesserà di caricarsi e non ricomincerà finché la tensione non scenderà al di sotto di un certo livello.
  • Scaricare completamente una batteria la danneggerà. Lasciare che la batteria si scarichi completamente per un lungo periodo può metterla in uno stato di scarica completa. Questo può essere fatale: potresti non essere più in grado di caricarlo di nuovo. (Puoi provare questi metodi per riavviare una batteria del laptop scarica).

Quindi, in base a questo, concludiamo che dovresti lasciare il tuo portatile sempre collegato alla presa elettrica? Non proprio.

Cosa può danneggiare le batterie al litio

La verità sulle batterie al litio è che sono intrinsecamente instabili. Cominciano a perdere capacità dal momento in cui vengono prodotti e numerosi fattori ne accelerano il declino. Questi includono:

  1. cicli di carica/scarica. Ogni batteria ha un numero finito di volte in cui può essere caricata e scaricata;
  2. livello di tensione. Maggiore è il livello di carica (misurato in volt per cella), minore è la durata della batteria;
  3. alta temperatura, oltre 30 gradi Celsius. Ciò può causare danni irreparabili.

Gli ultimi due sono quelli che ci interessano di più qui. Uno studio completo della Battery University mette in evidenza come i livelli di tensione e le alte temperature accorciano la vita di una batteria, soprattutto se questi due fattori si combinano.

Batteria Mac

Livello di carica o tensione

Le batterie agli ioni di litio si caricano a 4,20 volt per cella, pari al 100% della sua capacità. A questo livello, la batteria avrà una durata di 300-500 cicli di scarica.

Ogni 0,10V/cella di riduzione della carica raddoppia il numero di cicli di scarica fino al raggiungimento del livello ottimale: 3,90V/cella, con 2400-4000 cicli di scarica. Sfortunatamente, a questo livello, la batteria è carica solo al 60% circa. L’autonomia sarà poco più della metà di una batteria completamente carica.

Calore

E poi c’è il caldo. Le alte temperature, generalmente classificate come superiori a 30 gradi Celsius, riducono la durata di una batteria indipendentemente da qualsiasi altro fattore. A livello pratico, lasciare semplicemente il laptop in macchina in un pomeriggio d’estate è una cattiva idea.

Quando si combina l’alta temperatura con lo stress dell’alta tensione, gli effetti sono ancora peggiori. Lo studio della già citata Battery University mostra che una batteria conservata con una carica del 40% a 40 gradi vedrebbe la sua capacità scendere all’85% dopo un anno.

Caricata al 100%, la capacità scende al 65% nelle stesse condizioni. Per una batteria completamente carica a 60 gradi, la capacità scende al 60 percento in soli tre mesi.

L’evidenza sembra chiara. Mantenere la batteria costantemente carica al 100% ne ridurrà lentamente la durata. Mantenerlo al 100% ed esporlo a temperature elevate lo accorcia molto più velocemente.

E ricorda, queste alte temperature non sono solo ambientali. Le attività ad alta intensità di risorse come i giochi o l’editing video aumenteranno considerevolmente i livelli di calore e l’utilizzo del laptop. Si possono utilizzare appositi stand per ridurre l’impatto di queste attività così esose in termini di risorse.

Dovresti rimuovere la batteria?

Se il calore è un tale pericolo, sorge un’altra domanda. Dovresti rimuovere del tutto la batteria quando usi il tuo laptop con l’alimentazione CA?

Ovviamente, questo non è possibile sui laptop dotati di batterie sigillate, che ormai sono la maggior parte.

Laddove sono sostituibili, la risposta sembra variare da un produttore all’altro. Acer, ad esempio, afferma che non è necessario rimuovere la batteria con l’alimentazione CA, a meno che non si utilizza il computer per diversi giorni. Quando Apple ha prodotto laptop con batterie rimovibili, ha invece sconsigliato di rimuoverli.

Tutto si riduce alla configurazione della gestione dell’alimentazione nel laptop. Alcuni possono ridurre la potenza quando una batteria non è presente, proprio come alcuni fanno quando il livello della batteria si sta scaricando. Questo potrebbe rendere il tuo portatile meno performante quando collegato a una presa elettrica.

Se scegli di rimuovere la batteria, assicurati di conservarla correttamente. Questo di solito significa essere caricato tra il 40 percento e l’80 percento e mantenuto a temperatura ambiente.

cicli batterie laptop

Dovresti tenere il tuo laptop collegato all’elettricità anche con la batteria?

Lasciare il laptop collegato rovina la batteria? Sì, lo fa. Ma poi lo fa anche caricarlo ogni giorno.

Curiosamente, l’industria nel suo insieme non sembra aver trovato un’unica risposta alla domanda se utilizzare il laptop con alimentazione CA o a batteria.

Abbiamo visto che Acer consiglia di rimuovere la batteria quando non la si utilizza. Asus dice che dovresti scaricare la batteria almeno al 50 percento ogni due settimane. Ma Dell afferma che non ci sono problemi a lasciare il laptop sempre collegato.

I consigli di Apple non sono più sul suo sito Web, ma puoi ancora trovarli online. L’azienda sconsiglia di lasciare un laptop sempre collegato. Invece, suggerisce:

Un utente ideale sarebbe un pendolare che usa il suo notebook sul treno, quindi lo collega in ufficio per caricare. Ciò mantiene le dinamiche interne della batteria in uno stato ottimale…

Lasciare il laptop collegato non causerà danni a breve termine, ma se lo usi solo con l’alimentazione CA, quasi sicuramente scoprirai che dopo un anno la capacità della batteria è stata notevolmente ridotta. Allo stesso modo, se lo usi solo con l’alimentazione a batteria, supererai i cicli di scarica della batteria più velocemente.

Quindi, la soluzione migliore è una sorta di compromesso tra i due tipi di utilizzo: utilizzarlo a batteria alcuni giorni e tenerlo collegato in altri. E qualunque cosa tu faccia, vorrai assicurarti di non sforzare troppo il dispositivo surriscaldandolo.


Fonte makeuseof.com

Potrebbero interessarti
GuidePCWindows

Come gestire uno schema personalizzato dei cursori su Windows 11

ApprofondimentiGuidePC

Monitor ultrawide o doppio monitor: quale acquistare?

PCRecensioni

Recensione monitor ultrawide AOC CU34P2C: perfetto per il multitasking

PCWindows

10 funzionalità nascoste di Windows 10 che dovresti utilizzare