iOS 11 ha causato problemi a numerosi iPhone ed iPad: scopri la soluzione leggendo la nostra guida dettagliata

iOS 11 è il nuovo sistema operativo mobile di Apple presentato al WWDC 2017 e rilasciato a Settembre. Questa release è stata pensata soprattutto per iPad. L’azienda di Cupertino, finalmente, ha deciso di puntare forte anche sul proprio tablet, dotandolo di interessanti novità per aumentare la produttività.

Trattandosi di un aggiornamento corposo, è facile riscontrare bug e rallentamenti vari nelle prime settimane. Per questo motivo noi di OutOfBit abbiamo deciso di indagare meglio sui problemi più comuni di iOS 11 e in questa guida vi proponiamo numerose soluzioni.

Ovviamente siamo più che felici di rispondere alle richieste di aiuto dei nostri lettori. Lascia un commento qui sotto e cercheremo di aiutarti quanto prima!



I problemi più comuni di iOS 11 e la loro soluzione

Impossibile connettersi al WiFi

Il problema più comune di iOS 11, stando a Tech Radar, è l’impossibilità di connettersi al WiFi di casa.

Pur trattandosi del problema più frequente, si tratta anche del più rognoso, in quanto non esiste una soluzione vera e propria.

Le soluzioni che ti consigliamo sono queste:

  • Cancellare la rete WiFi  a cui vuoi connetterti da quelle memorizzate e riprovare il login;
  • Resettare le impostazioni di rete del vostro iPhone/iPad andando in Impostazioni > Generali > Ripristino > Reset Impostazioni di rete;
  • Resettare il vostro router;
  • Resettare il vostro device;

Qualora queste soluzioni non funzionassero ti consigliamo di aggiornare quanto prima ad iOS 11.0.1 oppure tornare ad iOS 10, sfruttando un precedente backup.

Alcune app sono sparite o non funzionano

Alcune app sono sparite dopo l'aggiornamento ad iOS 11 o non sono funzionanti: perchè?

Per quanto non sia stato molto pubblicizzato, iOS 11 porta numerose novità nell’ecosistema delle app.

Da questa release software, infatti, tutte le app a 32 bit scompariranno. Apple ha avvisato gli sviluppatori di questa mossa dall’autunno 2014, di conseguenza la maggior parte di loro è corsa ai ripari. La scelta della casa di Cupertino è dovuta alla volontà di fare pulizia nello store, mantenendo solamente le migliori app per iPad e iPhone.

Altre app potrebbero riscontrare rallentamenti/crash. L’unica soluzione, qualora non poteste ritornare ad iOS 10, è controllare con frequenza gli aggiornamenti sull’App Store e mantenere aggiornate le proprie app.

La memoria disponibile diminuisce esponenzialmente

iOS 11 sembra avere problemi nella gestione della memoria interna. Riscontrato già nelle prime Beta, il nuovo sistema operativo mobile di casa Apple tende ad aumentare, giorno dopo giorno, la memoria utilizzata, fino a saturarla quasi del tutto.

Se sei tra gli sfortunati a riscontrare questo problema la soluzione migliore è attendere il rilascio di iOS 11.1 o altri aggiornamenti che vanno a risolvere il problema.

Il tasto Home è poco reattivo nell’accendere lo schermo

Gli iPhone e iPad più vecchi, con il passaggio ad iOS 11, sembrano soffrire di blocchi frequenti quando si prova a risvegliare dallo standby il dispositivo premendo il tasto Home. A quanto pare, prima di ogni sblocco, bisogna attendere circa 10 secondi.

Per quanto sia davvero frustrante, questo problema si risolverà con ogni probabilità da solo. Il tuo telefono e tablet marchiato Apple con il passare dei giorni tende a calibrarsi maggiormente in base alle caratteristiche hardware e i file disponibili.

Il consiglio che mi sento di darti è quello di eseguire, almeno una volta al giorno, un riavvio del dispositivo. se dopo una settimana il problema non si è risolto, toccherà attendere un nuovo update da mamma Apple.

Il tasto Power non funziona più

L’aggiornamento ad iOS 11, sulla carta, non dovrebbe danneggiare pulsanti e affini. Nel caso in cui per qualche strano motivo il tasto Power non funzioni più ti consiglio di andare in Impostazioni > Generali e scorrere fino in fondo per trovare l’opzione che consente spegnere/riavviare il tuo iDevice.

Potrebbe tornare utile a chi riscontra un notevole rallentamento oppure vede funzionare il tasto Power unicamente per mettere in stand-by il dispositivo.

Calata l’autonomia della batteria dopo l’aggiornamento ad iOS 11?

iOS 11 causa un calo della batteria di iPhone e iPad

Insieme ai problemi di rete, il calo dell’autonomia della batteria è uno dei problemi che più affligge smartphone e tablet dopo ogni aggiornamento di sistema.

La soluzione più semplice ma spesso è efficace è eseguire un riavvio. Moltissime persone, infatti, non hanno mai riavviato il loro iPhone o iPad e questa brutta abitudine è fonte di numerosi problemi.

Qualora non funzionasse, passiamo alla ricalibrazione della batteria. I moduli software che gestiscono la batteria sono spesso migliorati/riscritti nelle nuove versioni di iOS. Per questo motivo solamente dopo aver completato qualche ciclo di ricarica, tra cui uno “completo”, la gestione della batteria sarà pressoché perfetta. Cos’è un ciclo di ricarica completo? Si tratta di:

  • Scaricare totalmente la batteria, fino a quando il dive non si accende;
  • Lasciare a “riposo” almeno due ore il dispositivo;
  • Collegare al caricatore iPhone/iPad;
  • Lasciare in carica un paio di ore aggiuntive rispetto al completamento della ricarica.

Un’altra buona strategia è controllare se alcune app sono parecchio energivore. Ti basterà andare in Impostazioni > Batteria per avere un quadro dettagliato dei consumi: se riscontri anomalie controlla la presenza di eventuali aggiornamenti nell’App Store ed eseguili immediatamente.

Non fa mai male assicurarsi che GPS, WiFi e Bluetooth siano disattivati quando non necessari. Nel passaggio da iOS 10 a iOS 11 alcuni di questi moduli potrebbero essere stati attivati, contrariamente alle tue preferenze precedenti.

Dopo l’aggiornamento ad iOS 11 riscontri un notevole surriscaldamento?

Dopo l'aggiornamento ad iOS 11, alcuni iPad e iPhone soffrono di surriscaldamento: ecco come risolverlo

Il surriscaldamento di iPhone e iPad, come per tutti gli smartphone e tablet, dovrebbe avvenire poche volte, in situazioni di elevato utilizzo (gaming e editing grafico). La prima soluzione che ti proponiamo è quella di tamponare il problema: non utilizzare il device durante la ricarica della batteria, evita esposizioni a fonti di calore, assicurati che la cover consenta un minimo di raffreddamento e spegni il telefono/tablet quando diventa rovente.

Una volta ridotto il surriscaldamento è la volta di capire qual è il problema. Le soluzioni sono simili a quelle proposte per il problema dell’autonomia ridotta. Un elevato consumo energetico, infatti, corrisponde quasi sicuramente a un aumento della temperatura interna, visto che l’hardware lavora al massimo delle proprie potenzialità.

Tieni presente che il surriscaldamento eccessivo e ripetuto nel tempo può danneggiare parti vitali del tuo dispositivo, come scheda madre, CPU, GPU e batteria. Non sottovalutare il problema e intervieni subito, anche ricorrendo a vecchi backup e reset totali.

Impossibile inviare mail con il proprio account Outlook/Exchange

Nonostante la maggior parte di noi utilizzi Gmail come account email principale, moltissime persone preferiscono affidarsi alle soluzioni Microsoft Outlook/Exchange.

Dopo l’aggiornamento ad iOS 11 moltissimi utenti lamentano problemi nell’invio mail: nello specifico, gli utenti Outlook/Exchange ricevono il messaggio di errore “Impossibile inviare mail. Il messaggio è stato rigettato dal server”.

La buona notizia è che Apple ha riconosciuto il problema con gli account mail Microsoft ed è al lavoro. Non è detto che il problema risieda unicamente nei dispositivi della mela: per questo motivo le due aziende stanno lavorando per porre rimedio e una soluzione è attesa nelle prossime settimane.

Che confusione con i formati delle immagini!

Il nuovo formato immagini di iOS 11, HEIC, permette il risparmio di diversi MB, ma la continua conversione verso il JPEG causa problemi

HEIC è il nuovo formato immagine di iOS 11. Questo formato immagine permette una compressione maggiore rispetto allo standard precedente, il JPEG. Oltre alla compressione migliore, le immagini scattate risulteranno con una qualità di colori decisamente migliore.

Trattandosi di un formato nuovo e attualmente presente solo su iPhone e iPad, è importante garantire la compatibilità con gli altri dispositivi tecnologici. Per questo motivo Apple ha implementato una funzionalità di conversione automatica, che si attiva nel momento in cui invierete una foto o farete l’upload sui vostri account di cloud storage.

Se questo continuo cambio di formato continuo vi disattiva la soluzione è bloccare la conversione automatica oppure scegliere di mantenere come formato di default di iOS 11 il vecchio e affidabile JPEG: tutto questo avviene andando nelle impostazioni della fotocamera e scegliendo l’opzione che preferite.

L’app Messaggi non si sincronizza con iCloud

Una delle principali funzionalità di iOS 11 è la possibilità di sincronizzare le conversazioni dell’app Messaggi tramite il proprio account iCloud  e realizzare utilissimi backup. Grazie a questa funzionalità tutti i dispositivi collegati al medesimo account visualizzeranno le stesse conversazioni, come accade in Telegram e Whatsapp.

Purtroppo questa funzionalità non è ancora disponibile in iOS 11 e non sappiamo quando verrà resa disponibile: probabilmente bisognerà attendere la versione 11.1 . E non si tratta dell’unica funzionalità annunciata al WWDC e mancante al day one…

Impossibile inviare soldi agli amici mediante Apple Pay

La funzionalità di inviare soldi a un amico mediante Apple Pay e l'app Messaggi non è ancora disponibile in iOS 11

La seconda grave mancanza in iOS 11 è l’invio di soldi agli amici mediante Apple Pay.

Una discreta parte del keynote era stata dedicata a presentare i nuovi accordi per la diffusione di Apple Pay e la possibilità di inviare soldi tra privati. Basta infatti utilizzare l’app Messaggi e aprire la chat con la persona a cui vogliamo inviare i soldi: comparirà, tra i vari sticker, quello dedicato ad Apple Pay e potrete inserire l’importo che volete.

Anche in questo caso bisognerà attendere le prossime release software per ricevere questa utile funzione.

Mi piacciono le Animoji: perchè non posso usarle?

Se hai sentito parlare delle Animoji qualche settimana fa ed eri pronto a intasare i tuoi amici con queste faccine animate ti toccherà attendere.

Le Animoji, infatti, sono una funzionalità disponibile esclusivamente su iPhone X. Pertanto, a partire da novembre, solo i possessori del melafonino commemorativo potranno inviare emoji che mimano le proprie espressioni facciali, grazie al notevole sistema di riconoscimento facciale.

Perchè Siri ha una voce diversa?

I progressi nel mondo dell’Intelligenza Artificiale hanno permesso ad Apple di rendere Siri più naturale. Ciò è stato possibile grazie all’analisi di milioni di file audio, che ha permesso all’applicazione di capire quali sono le caratteristiche del timbro vocale di noi umani.

E’ anche possibile scegliere tra una versione maschile e una femminile dell’assistente vocale di Cupertino. Nel caso in cui la voce non sia di vostro gradimento potrete andare nelle Impostazioni e scegliere il timbro della voce che più vi piace.

Ricevi troppe notifiche di screenshot da FaceTime?

Con iOS 11 Apple permette agli utenti Facetime di  scattare le cosiddette “FaceTime Live Photos”. Si tratta di screenshot dell’altra persona ripuliti dall’interfaccia dell’app. Una volta eseguiti gli screenshot l’altro interlocutore riceverà una notifica di quanto accaduto.

Se questa funzionalità non ti interessa puoi facilmente disattivarla. Basta andare in Impostazioni > FaceTime e disattivare FaceTime Live Photos.

Ricordati, però, che il tuo interlocutore sarà comunque in grado di fare i classici screenshot.

Non mi viene mostrato l’aggiornamento ad iOS 11

Per quanto Apple garantisca a molti dispositivi l’aggiornamento, è inevitabile che i dispositivi più vecchi non vengano aggiornati.

A grandi linee possiamo affermare che i dispositivi rilasciati negli ultimi 4 anni riceveranno l’aggiornamento ad iOS 11. Giusto per dare un’idea, nel mondo Android solamente i dispositivi di fascia medio-alta degli ultimi due anni ricevono un aggiornamento software.

iPhone 6, iPhone SE, iPad Pro, iPad Mini 2, iPad Air e iPod di 6° generazione sono i dispositivi più vecchi delle rispettive categorie a ricevere iOS 11: per saperne di più vi invitiamo a consultare la lista ufficiale dei dispositivi che riceveranno l’aggiornamento.

Non riesco a scaricare l’aggiornamento ad iOS 11

Il tuo dispositivo dovrebbe ricevere l’aggiornamento ad iOS 11 ma non lo riesce a scaricare? Per fortuna il problema è facilmente risolvibile.

Prima di tutto assicurati di avere una versione “pulita” di iOS 10. Per pulita intendo priva di jailbreak  e personalizzazioni non ufficiali. Se non hai mai sentito parlare di jailbreak non preoccuparti: trattandosi di una pratica difficile da eseguire è impossibile che il tuo iPhone o iPad sia stato jailbreakato senza accorgertene.

La seconda cosa da fare è assicurarsi che ci sia abbastanza spazio libero per il download dell’aggiornamento. iOS 11 occupa un paio di GB, pertanto assicurati di avere un po’ di memoria libera. Con 5 GB liberi non corri alcun rischio e dovresti riuscire a scaricare l’aggiornamento.

Nel caso in cui le due soluzioni precedenti non avessero sortito effetto, il problema potrebbe risiedere nel tuo menù Impostazioni. Riavvia il telefono e prova a chiudere forzatamente questo menù. Per farlo vai alla schermata delle app aperte e una volta individuato l’app Impostazioni fai uno swipe verso l’alto.

L’ultima soluzione è affidarsi al buon vecchio iTunes. Una volta collegato il vostro iDevice e avviato il programma vi verrà segnalata la disponibilità dell’aggiornamento ad iOS 11. Eseguite un backup e poi procedete all’installazione dell’update.

iPhone e iPad non funzionano dopo iOS 11

L’ultimo scenario è, per forza di cose, il più tragico. Hai seguito ogni punto della nostra guida ma il tuo iPhone o iPad non ne vuole sapere di funzionare?

Il tuo dispositivo potrebbe essere oggetto di quello che i tecnici chiamano “brick”, ovvero l’essere diventato un mattone (in senso figurativo, anche perchè si tratterebbe del mattone più costoso di sempre). Viene dato questo simpatico soprannome in quanto l’oggetto in questione diventa inutile.

Quali sono le soluzioni per questo problema? La prima è eseguire il backup. Ti basterà collegare iPhone o iPad al PC/Mac: da iTunes, infatti, è possibile ripristinare il proprio device Apple, a patto di aver eseguito un backup nelle settimane precedenti al problema.

La seconda soluzione che ti proponiamo è di effettuare il downgrade da iOS 11 a iOS 10, per poi riprovare l’aggiornamento tra qualche settimana.

In caso contrario l’unica soluzione è affidarsi all’assistenza: l’Apple Store più vicino a casa tua è il posto adatto dove recarti. Ricordati, però, che in caso di garanzia terminata ti toccherà, con molta probabilità, sborsare una somma non indifferente per riavere indietro il tuo prezioso gadget tecnologico.