Editoriale

Come fanno a guadagnare gli sviluppatori dei browser?

Il disegno dell'UI di un ipotetico browser.

Ti sei mai chiesto come fanno a guadagnare gli sviluppatori di un browser gratuito? Molti sono convinti che l’unica fonte per ripagare i propri sforzi sia la pubblicità, ma non vi sono altri trucchi.

I loghi di alcuni dei principali browser disponibili gratuitamente

Tutti noi utilizziamo quotidianamente almeno un browser per navigare su internet, guardare film, controllare i nostri social preferiti. Anche tu, che stai leggendo un articolo pubblicato su OutOfBit, stai sfruttando un software di questa tipologia. In realtà, molti aspetti correlati ai browser sono sconosciuti. In questo articolo proveremo a scoprire come fanno i browser a far guadagnare le persone che li hanno sviluppati.

Mozilla Firefox

Iniziamo con il tanto apprezzato Mozilla Firefox, di cui recentemente è stata rilasciata la versione 68. Recentemente, Mozilla Foundation, ovvero l’organizzazione che gestisce il browser, ha deciso che non avrebbe più lavoro come no-profit. Questa decisione non ci stupisce affatto, dati gli ottimi guadagni. Nel 2017, come possiamo leggere nella dichiarazione finanziaria disponibile online, il gruppo ha guadagnato ben 562 milioni di dollari. Ben il 96% di questi, che coincide con circa 539 milioni di dollari, proviene dagli accordi con i motori di ricerca.

Il resoconto di Mozilla

Questa è l’immagine del resoconto di Mozilla Foundation, in cui vengono indicati da dove provengono i guadagni.

Com’è possibile? Semplice! Google ha deciso di pagare il servizio per far in modo che nel browser, come motore di ricerca predefinito, venga scelto automaticamente Google. La ricchissima azienda di Silicon Valley, dal canto suo, può così ottenere 100 miliardi di ricerche ogni anno, guadagnando grazie agli annunci pubblicitari.

La pagina principale di Mozilla Firefox

Nato nel 2002 con il nome di “Phoenix” da un gruppo di persone che volevano un browser stand-alone,
Firefox, gestito da Mozilla Foundation, è uno dei browser più utilizzati nel mondo.

Google Chrome e Mozilla Firefox sono comunque i principali rivali e gli sviluppatori del primo continua a mettere il bastone tra le ruote del secondo. Google ha, come rivelato in un recente tweet di un utente, bloccato Google Voli nell’applicazione Firefox di Android.

Questa non è l’unica collaborazione di Mozilla Foundation: anche Yandex, in Russia, e Baidu, in Cina, che nei rispettivi paesi sono più utilizzati di Google, hanno accordi con la società.

Google Chrome

La vetta della classifica, oramai da diverso tempo, è governata da Google Chrome. L’azienda che lo ha sviluppato guadagno non poco denaro dal motore di ricerca predefinito, grazie alle numerose pubblicità. Il browser, grazie al numero molto alto di utenti, agli aggiornamenti che continuano a migliorarlo e alla sua presenza in pressoché qualsiasi dispositivo, è a tutti gli effetti il più fortunato, producendo guadagni nettamente superiori rispetto ai competitori. Google, grazie al suo ruolo centrale, non ha bisogno di escogitare particolari procedure.

La pagina principale del browser Chrome

Basato sul motore di rendering Blink, Chrome è il browser sviluppato a partire dal 2008 da Google.

Se utilizzi Chrome, potrebbe risultarti utile la guida “9 scorciatoie da tastiera per Chrome di cui avrai sempre bisogno“.

Safari

Con 12 miliardi di dollari, anche Safari, browser presente nei dispositivi prodotti da Apple, guadagna non poco denaro grazie alle collaborazione con il motore di ricerca di Google. L’altissimo valore delle royalties dipendono dal fatto che questa applicazione è disponibile in praticamente tutti i prodotti dell’azienda di Cupertino. Google, quindi, ha la possibilità di raggiungere miliardi di utenti. Safari è il secondo browser più redditizio del mondo, dopo Google Chrome.

La pagina principale del browser Safari

A partire dal 2003, Safari è il browser disponibile in tutti i dispositivi prodotti da Apple Inc.

Microsoft Edge

Le entrate di Microsoft Edge coincidono quasi interamente con gli introiti pubblicitari del motore di ricerca Bing. Questi guadagni non sono comunque molto alti, dato che questo motore di ricerca non è utilizzato da moltissimi utenti, e durante il quarto trimestre del 2018 si è registrato un ulteriore calo del 7%. Queste informazioni, ci farebbero intuire che la società possa decidere di cambiare strada. Attualmente, Microsoft sta regalando ai clienti che utilizzano Edge e Bing alcuni premi, ma questo sembrerebbe ancora non bastare.

La pagina principale del browser Edge

Microsoft Edge è il browser incluso in tutti i dispositivi con Windows e Windows 10 Mobile. A partire dal 2015, ha sostituito il poco apprezzato Internet Explorer.

Opera

Con 182 milioni di utenti attivi in tutto il mondo, Opera è un browser utilizzato da non molte persone. Eppure, gli sviluppatori sono riusciti a sfruttare al massimo le loro possibilità. I ricavi, infatti, aumentano tutti gli anni del 28/34%. Com’è possibile? Prima di tutto con gli accordi con i motori di ricerca, ovvero: Google, in quasi tutto il mondo, Yandex, in Russia, e Baidu, in Cina.

La pagina principale di Opera

Opera, disponibile, tra gli altri, nei dispositivi su cui gira Windows, MacOS, Linux e Android, è un browser gratuito nato nel lontano 1995.

La società che gestisce Opera collabora anche con altre aziende, tra cui:

  • Siti web da cui i clienti possono ordinare voli e hotel, come Booking.com.
  • Negozi online, principalmente con eBay.
  • Con aziende che producono smartphone, da Oppo a Xiaomi. Nei dispositivi venduti da questi marchi viene infatti incluso Opera come browser predefinito.

La tecnologia di discovery e la possibilità di visualizzare i contenuti grazie all’ausilio dell’intelligenza artificiale potrebbe causare una crescita esponenziale degli utenti che utilizzano Opera.

Brave

Brave è un browser poco conosciuto, ma di ottima qualità. Ne abbiamo parlato pochi mesi fa nell’articolo “Cos’è e come funziona Brave: un browser unico nel suo genere“. Veloce e sicuro: questo software si vanta di offrire agli utenti un’ottima esperienza. La presenza di un blocco della pubblicità integrato nasconde totalmente gli annunci pubblicitari. L’azienda, in questo modo, non guadagna quasi nulla da questa tipologia di banner. Per incrementare i guadagni, si è deciso di sfruttare una criptovaluta, ovvero Basic Attention Tokens (BAT). Per spingere sempre più persone a utilizzare il browser, gli sviluppatori offrono un BAT gratuito, seguendo la politica scelta da Microsoft. Altra importante collaborazione è quella con HTC Exodus, il primo telefono blockchain. Anche alcuni utenti verificati di YouTube e Twitch contribuiscono, anche se in modo secondario, all’aumento degli introiti. Brave, pur offrendo una qualità altissima, non produce dei ricavi alti.

La pagina principale del browser Brave

Brave è il browser open-source basato su Chromium e sviluppato a partire dal 2016. Esso è disponibile in numerosi dispositivi.

I guadagni dei browser: conclusione

In questo articolo abbiamo trattato solo alcuni dei browser più utilizzati e che ci permettevano di analizzare i migliori metodi con cui gli sviluppatori riescono a guadagnare.

Quale browser utilizzi? Diccelo nei commenti!

CANALE TELEGRAM_OUTOFBIT

Bio autore

Sin dall'età più tenera ho un forte legame con l'informatica, il mondo del cinema e l'arte. Gli studi che ho deciso di intraprendere mi hanno permesso di accrescere queste passioni.
Potrebbero interessarti
ConfrontiConsigli per gli acquistiEditoriale

Migliori tastierini numerici per PC e guida all’acquisto

Consigli per gli acquistiEditoriale

Le migliori stampanti professionali

Editoriale

Costo iPhone 11: quando comprarlo per risparmiare

Consigli per gli acquistiEditoriale

Le migliori stampanti per l'ufficio