Google ha deciso che è arrivata l’ora di tornare prepotentemente sulla scena del mondo degli smartphone. Per portare a termine il proprio obiettivo Google ha deciso di puntare su uno dei migliori produttori mondiali, stiamo parlando di HTC. Dalla collaborazione fra i due sono nati i nuovi device di casa Mountain View: Google Pixel e Google Pixel XL. Scopriamo assieme tutti i segreti ed i dettagli dei primi smartphone dell’era post Nexus e pronti a dare battaglia a Samsung ed Apple.

Cosa ne pensiamo dei nuovi Google Pixel e Pixel XL

Una prima analisi a caldo ci porta a dire che Google ed HTC hanno sicuramente svolto un lavoro eccellente al fine di rilanciare i nuovi device dell’era post Nexus. La qualità realizzativa e le ottime caratteristiche hardware posizionano entrambi i device nella fascia alta di mercato. In tale fascia di mercato è già in corso l’aspra battaglia fra Samsung ed Apple.

Preoccupazioni:

Il prezzo di vendita elevato di entrambi i modelli e la poca familiarità del grande pubblico con i prodotti di casa Google potrebbero danneggiare la diffusione di quello che sulla carta potrebbe essere un ottimo device. La vera preoccupazione è che i clienti meno esperti continuino a puntare forte su iPhone, Note e Galaxy.

Speranze:

Crediamo ciecamente nel poter del marketing e speriamo che Google decida di dar battaglia a Samsung ed Apple a suon di spot che dimostrino la validità dei suoi nuovi prodotti e che siano in grado di estrapolare i prodotti Pixel (Nexus fino a ieri) dalla fascia di mercato dedicata ai soli smanettoni.

Un occhio di riguardo, infine, anche per HTC. Per anni il produttore taiwanese è stato uno dei nostri marchi preferiti ed è riuscito a produrre smartphone che hanno fatto la storia. Purtroppo dalle parti di Taiwan si sono un po’ smarriti lungo il cammino, speriamo che la nuova collaborazione con Google possa ridare splendore e nuova linfa ad un brand zoppicante a causa dello scarso impegno di qualche reparto aziendale (chi ha detto ufficio marketing?).

Google Pixel: il primo vero Google phone

Google Pixel: Al top nel design

Possiamo finalmente scrivere su queste pagine dell’arrivo ufficiale di Google Pixel, il nuovo smartphone del produttore di Mountain View. Possiamo finalmente parlare di un vero top di gamma comparabile ai prodotti di Apple e Samsung sotto ogni punto di vista.

Google Pixel si presenta come un vero e proprio flagship a partire dal suo aspetto. La collaborazione con HTC mostra fin da subito i suoi frutti. Pixel sfoggia un corpo unibody realizzato interamente in metallo ed una solida qualità costruttiva. Le caratteristiche sono quelle tipiche del produttore taiwanese. Specifica distintiva del device è la presenza sul retro di una “finestra” in vetro che occupa la metà superiore del device e che nasconde scanner di impronti digitali e fotocamera.

Google Pixel: Al top nelle caratteristiche tecniche

Google Pixel è un device da 5 pollici con dimensioni nella media. Le specifiche tecniche sono le stesse di Pixel XL, ovvero del fratello maggiore. Da quest’ultimo si differenzia per dimensioni del display, risoluzioni e capacità della batteria. Passando ad analizzare la scheda tecnica possiamo tranquillamente affermare che il nuovo smartphone di casa Google – HTC ha tutte le carte in regola per essere definito un top di gamma:

  • Display AMOLED da 5 pollici FHD (1920 x 1080 pixel);
  •  SoC Qualcomm Snapdragon 821 (approfondimento sul SoC QUI);
  • CPU quad-core 64-bit (2x Qualcomm Kryo + 2x Qualcomm Kryo) @ 2.4 GHz;
  • GPU Adreno 530 @ 650 MHz;
  • 4 GB di RAM;
  • 32 o 128 GB di memoria interna;
  • Fotocamera principale da 12 MP Sony Exmor IMX378 con BSI, OIS, autofocus laser e flash LED;
  • Fotocamera anteriore da 8 MP;
  • Batteria da 2.770 mAh con ricarica rapida (7 ore di autonomia in 15 minuti);
  • Scanner di impronte digitali sul retro, nano SIM;

Un occhio di riguardo è stato dedicato al comparto fotografico. Google ha riportato alcune dichiarazioni di DXOMark affermanti che la fotocamera di Pixel sia la migliore disponibile sull’attuale mercato degli smartphone ed ha meritato un punteggio di 89 punti su 100, ovviamente il più alto mai assegnato. Fino ad ora i migliori risultati erano stati ottenuti da HTC 10 e Samsung Galaxy S7, con iPhone 7 Plus staccato di qualche punto.

All’ormai naturale presenza della stabilizzazione ottica video si aggiungono un’apertura focale di f/2.0, la tecnologia HDR+ attiva di default ed un nuovo sistema di scatto rapido.

La memoria interna da 32 o 128 GB non risulta essere espandibile ma Google ha deciso di rendere disponibile uno spazio illimitato nel cloud per lo storage su Google Foto di immagini e video in risoluzione originale.

Con la nuova versione di Android arriverà anche un nuovo sistema di update che prevede aggiornamenti scaricati in background ed installati automaticamente al riavvio successivo dello smartphone. Per convincere gli utenti Apple a passare sotto l’ala protettiva di grande G ci sarà inoltre un supporto tecnico disponibile 24 / 7 (disponibile via chat o telefonica) con operatori sempre disponibili.

Google Pixel: Al top nelle personalizzazioni

Le colorazioni ufficiali di Google Pixel saranno solamente tre: Quite Black, Very Silver e, in edizione limitata, Really Blue. Google ha però introdotto alcune importanti personalizzazioni contenute all’interno della nuova home chiamata “Pixel Launcher“. Il nuovo launcher Google si caratterizzà per:

  • Le icone sono ora di forma circolare per app e cartelle.
  • L’icona del calendario mostra la data.
  • L’app drawer si può raggiungere facendo uno swipe verso l’alto dalla dock.
  • I nuovi menu e le barre di navigazione ora sono bianche.
  • Varie nuove ed esclusive animazioni.
  • Nuove app preinstallate fra cui Google Duo e Google Allo.

A distinguere i nuovi Pixel da tutti gli altri prodotti è la presenza del nuovo Google Assistant. Il nuovo assistente integrato utilizzerà come parola d’ordine “OK Google” (funzionerà anche tramite la pressione prolungata del tasto home) e garantirà nuove funzionalità. Con questa innovazione possiamo dichiarare defunto Google Now, almeno sui device Pixel.

Google Pixel: Meno competitivo nei prezzi

La decisione di Google ed HTC di realizzare un top di gamma è andata contro alle politiche precedenti di Google di produrre device economici. I prezzi ufficiali di Google Pixel per il mercato USA sono i seguenti:

  • 649 dollari per Pixel da 32 GB
  • 749 dollari per Pixel da 128 GB

Ancora nessuna novità riguardo alla disponibilità ed al prezzo in Italia (preparatevi psicologicamente al cambio 1 a 1).

Google Pixel XL: il nuovo phablet di Google

https://www.youtube.com/watch?v=6pxIcH_0MH0

Google Pixel XL: Al top nel design

Quello detto per Pixel vale anche per Google Pixel XL. Google ed HTC hanno realizzato un phablet eccellente pronto a dare battaglia a Note 7 e iPhone 7 Plus.

Parliamo anche qui di un corpo unibody realizzato interamente in metallo ed una solida qualità costruttiva. Il tutto conferma la bontà produttiva di HTC e l’ambizione di Google. La specifica distintiva, come nel modello più piccolo, è la presenza sul retro di una “finestra” in vetro che occupa la metà superiore del device e che nasconde scanner di impronti digitali e fotocamera.

Google Pixel XL: Al top nelle caratteristiche tecniche

Google Pixel XL, grazie alle sue dimensioni ed alle sue caratteristiche, rientra pienamente nella fascia dei phablet top di gamma. Le caratteristiche tecniche sono le stesse del fratello minore Google Pixel, XL si differenzia per il display AMOLED da 5,5 pollici con risoluzione QHD e dalla batteria da 3450 mAh. Passando ad analizzare la scheda tecnica possiamo tranquillamente affermare che il nuovo phablet di casa Google – HTC ha tutte le carte in regola per essere definito un top di gamma:

  • Display AMOLED da 5,5 pollici QHD (2560 x 1440 pixel);
  •  SoC Qualcomm Snapdragon 821 (approfondimento sul SoC QUI);
  • CPU quad-core 64-bit (2x Qualcomm Kryo + 2x Qualcomm Kryo) @ 2.4 GHz;
  • GPU Adreno 530 @ 650 MHz;
  • 4 GB di RAM;
  • 32 o 128 GB di memoria interna;
  • Fotocamera principale da 12 MP Sony Exmor IMX378 con BSI, OIS, autofocus laser e flash LED;
  • Fotocamera anteriore da 8 MP;
  • Batteria da 3.450 mAh con ricarica rapida (7 ore di autonomia in 15 minuti);
  • Scanner di impronte digitali sul retro, nano SIM.

Un occhio di riguardo è stato dedicato al comparto fotografico di Google Pixel XL. Google ha riportato alcune delle dichiarazioni rilasciate da DXOMark che sembra affermare che la fotocamera di Pixel sia la migliore disponibile sul mercato degli smartphone ed ha ottenuto un punteggio di 89 punti su 100, ovviamente il più alto mai assegnato. All’ormai naturale presenza della stabilizzazione ottica video si aggiungono un’apertura focale di f/2.0, la tecnologia HDR+ attiva di default ed un nuovo sistema di scatto rapido.

Anche qui i tagli di memoria interna non variano. Due i modelli disponibili: 32 o 128 GB non espandibili. Una marcia in più allo storage è data dall’archiviazione cloud illimitata offerta tramite Google Foto per immagini e video da conservare in risoluzione originale.

La nuova versione di Android introdurrà il nuovo sistema di aggiornamenti che prevede update automatici in background ed installabili autonomamente al successivo riavvio. Google ha introdotto anche un nuovo supporto tecnico 24 / 7 al fine di aiutare i propri utenti via chat e telefono. Per stimolare il passaggio degli utenti Apple, Google ha reso disponibili alcune nuove app per facilitare il passaggio da iOS ad Android.

Google Pixel XL: Al top nelle personalizzazioni

Come nel modello inferiore le colorazioni ufficiali di Google Pixel saranno tre: Quite Black, Very Silver e, in edizione limitata, Really Blue. Le innovazioni e le personalizzazioni arriveranno però grazie alla nuova home chiamata “Pixel Launcher”. Il nuovo launcher Google si caratterizzà per:

  • Le icone sono ora di forma circolare per app e cartelle.
  • L’icona del calendario mostra la data.
  • L’app drawer si può raggiungere facendo uno swipe verso l’alto dalla dock.
  • I nuovi menu e le barre di navigazione ora sono bianche.
  • Varie nuove ed esclusive animazioni.
  • Nuove app preinstallate fra cui Google Duo e Google Allo.

A differenziare i nuovi Pixel da tutti gli altri device Android sarà la presenza del nuovo Google Assistant. L’assistente vocale di Google sarà integrato e funzionerà tramite il solito richiamo “OK Google” (funzionerà anche tramite la pressione prolungata del tasto home) e vedrà integrate nuove funzionalità. Con questa innovazione possiamo dichiarare chiuso il progetto Google Now, almeno sui device Pixel.

Google Pixel XL: Meno competitivo nei prezzi

La decisione di Google ed HTC di realizzare un top di gamma è andata contro alle politiche precedenti di Google di produrre device economici. I prezzi ufficiali di Google Pixel XL per il mercato americano sono i seguenti:

  • 769 dollari per Pixel XL da 32 GB
  • 869 dollari per Pixel XL da 128 GB

Ancora nessuna novità riguardo alla disponibilità ed al prezzo in Italia (preparatevi psicologicamente al cambio 1 a 1).