GuideWindows

Come migliorare l’esperienza utente su Windows 10: la guida definitiva

Lente ingrandimento Windows 10

Windows 10 è probabilmente la migliore edizione dell’ormai leggendario sistema operativo di Microsoft. Nonostante ciò, questo non è assolutamente esente da pecche.

Anche nella sua ultima versione, Windows deve fare i conti con una serie di problemi legati anche al delicato ambito della privacy. Per fortuna, gran parte delle problematiche di Windows 10 è di facile risoluzione e, anche alcune “spigolosità” possono essere smussate con qualche piccolo accorgimento.

Windows 10 non si avvia

Come rendere Windows 10 più adatto alle tue esigenze

In questo articolo andremo a vedere come rendere più performante il sistema operativo, agendo sui più comuni problemi (o comunque imperfezioni) legate a Windows 10.

Interrompi i riavvii automatici

Gli aggiornamenti di Windows 10 sono regolari, apparentemente senza fine e praticamente fuori dal controllo dell’utente (a meno che non si disattivi del tutto gli aggiornamenti, il che è generalmente una cattiva idea). Quel che è peggio è che se non riavvii il PC dopo un aggiornamento, Windows 10 decide di fare da solo da un momento all’altro: tutto ciò comporta la perdita dei dati presenti nelle app aperte in quel momento.

In tal senso, però, potresti affidarti a una funzionalità chiamata Active Hours, che ti consente di pianificare un orario per gli aggiornamenti e i riavvii. Per fare ciò vai in ImpostazioniAggiornamento e sicurezzaWindows UpdateModifica orario di attività. Per selezionare il tuo intervallo di tempo, fai clic su Modifica e scegli un’ora di inizio e di fine.

A partire dall’aggiornamento di Maggio 2019 (versione 1903), puoi anche scegliere di fare in modo che Windows regoli automaticamente l’orario di attività in base all’attività del tuo dispositivo. In tal senso, vai su ImpostazioniAggiornamento e sicurezzaWindows UpdateModifica orario di attività e attiva l’opzione Regola automaticamente l’orario di attività per questo dispositivo in base al suo utilizzo.

Impedisci l’attivazione dei tasti permanenti

Se premi il tasto Maiusc cinque volte di seguito in Windows, attivi i tasti permanenti, una funzionalità di Windows che consente scorciatoie da tastiera in cui premi un tasto alla volta invece che contemporaneamente (quindi funziona con qualsiasi combinazione che include Maiusc, Ctrl, Alt o il tasto Windows).

Questa funzione però, si rivela un’arma a doppio taglio, per esempio, in ottica gaming. Chi utilizza la tastiera per giocare può attivare questa funzione andando a interrompere l’attività di gioco. Se vuoi impedire che ciò accada premendo il tasto Maiusc cinque volte rapidamente, fai clic su Disabilita questa scorciatoia da tastiera in Impostazioni tastiera di accesso facilitato e deseleziona la casella accanto a Attiva tasti permanenti quando si preme MAIUSC cinque volte.

Disattivare l’UAC di Windows 10

Fin da Windows Vista, il controllo dell’account utente (UAC) è presente per proteggere gli utenti in modo che possano concedere rapidamente diritti amministrativi ai programmi software che ne hanno bisogno, in particolare durante l’installazione o la disinstallazione del software. Il controllo dell’account utente è ancora presente in Windows e oscurerà ancora il desktop ogni qualvolta comparirà il suo popup, ma hai la possibilità di disattivarlo o almeno impedire l’oscuramento dello schermo.

Digita UAC nella casella di ricerca di Windows 10 per ottenere Modifica impostazioni di controllo dell’account utente. Lo schermo presenta un dispositivo di scorrimento con quattro livelli di sicurezza. Scegli una delle opzioni centrali; il secondo dal basso ti avvisa senza lo shoccante schermo nero. Con questa opzione, riceverai comunque una conferma della finestra di dialogo con un’opzione sì / no quando installi un software.

Elimina i software non utilizzati presenti sul PC

Sapevi di avere un programma in Windows 10 chiamato Groove Music? Probabilmente no, perché il mondo usa altri servizi. Per fortuna, alcune app di Windows preinstallate possono finalmente essere eliminate, andando a influire positivamente sia sullo spazio su disco, sia sulle prestazioni della macchina. Per fare ciò, vai in ImpostazioniAppApp e funzionalità, dove puoi accantonare alcune app poco utilizzate come  Groove Music, Meteo e altri software simili.

Se la tua opzione di disinstallazione è disattivata, potresti seguire il percorso DOS, anche se questa operazione diventa un po’ complicata e dovresti essere sicuro al 100% di quello che stai facendo, per evitare di combinare guai. Per fare ciò

Avvia il prompt dei comandi come amministratore (digita PowerShell nella casella di ricerca di Windows, clic con il tasto destro sul risultato ed Esegui come amministratore)

  • Digita il comando Get-AppxPackage –AllUsers
  • Apparirà un enorme elenco di tutte le cose che hai installato e provenienti da Microsoft Store e app simili
  • È difficile individuare l’app che vuoi cancellare lì dentro, ma potresti comunque individuare la voce Microsoft.ZuneMusic, ovvero il già citato Groove Music. Copia tutto ciò che dice sulla riga accanto a PackageFullName.
  • Dovrai quindi digitare un comando e incollare quanto copiato, in modo che legga qualcosa di simile a remove-AppxPackage Microsoft.ZuneMusic10.16122.10271.0x64__8wekyb3d8bbwe
  • Premi infine Invio.

Se non ricevi alcun errore, l’app Groove Music dovrebbe essere scomparsa. Fai attenzione a usarlo su altre app: assicurati di aver scelto quella giusta e di non disinstallare qualcosa di importante.

Command-Prompt-app-in-Windows-Search

Usa un account locale su Windows 10

Microsoft fa tutto il possibile affinché tu acceda a Windows 10 con il tuo account Microsoft, possibilmente lo stesso legato al tuo account Xbox, Office 365, OneDrive o Skype. Quando configuri Windows, Microsoft ti chiede espressamente di accedere utilizzando quell’account. Ma non è per niente obbligatorio.

Durante l’installazione, fai clic su Salta questo passaggio. Se hai già effettuato l’accesso con l’account Microsoft, vai su ImpostazioniAccountLe tue informazioni. Fai clic su Accedi con un account locale e inserisci un nome account locale e una nuova password.

Lo svantaggio di ciò è che quando hai bisogno di un servizio o un sito che richiede credenziali Microsoft, dovrai inserire ogni volta il tuo login visto che l’accesso non sarà automatico come avviene se accedi a Windows con un account Microsoft.

Usa un PIN, non una password

Se ti trovi bene a usare l’account Microsoft, ma odi il tempo necessario per digitare la tua password super sicura, reimpostala con un breve numero di identificazione personale (PIN) utilizzato solo sul PC. Il PIN, composto solo da numeri, senza lettere maiuscole o caratteri speciali, potrebbe non sembrare sicuro. Ma è solo per il PC in uso, si spera che tu sia l’unico utente ad avere direttamente a che fare con l’account Microsoft in questione.

Inoltre, il PIN può contenere tutte le cifre che desideri. Dunque è comunque potenzialmente difficile da individuare. Per inserire un PIN, vai su ImpostazioniAccountOpzioni di accesso e fai clic sul pulsante Aggiungi sotto PIN. Inserisci il PIN che desideri e riavvia per provarlo. Se hai già un PIN, vedrai le opzioni per modificarlo, rimuoverlo o fare clic su Ho dimenticato il PIN per recuperarlo.

Salta la password di accesso

Non c’è nessuna persona che utilizza il tuo PC e vuoi fare a meno della password per entrare in Windows 10? Puoi probabilmente saltare la schermata di accesso della password che appare dopo ogni riavvio.

Vai al pannello di Controllo degli account utente digitando netplwiz nella barra di ricerca. Seleziona l’account, deseleziona la casella accanto a Gli utenti devono inserire un nome utente e una password per utilizzare questo computer. Riceverai una finestra di conferma che ti chiederà di inserire quella stessa password, due volte. Dunque fai clic su OK. Riavvia il PC e la macchina dovrebbe portarti senza problemi sul desktop, senza richiedere una password.

Nota bene: ovviamente, se il PC è condiviso, può non essere la scelta migliore. Inoltre, se accedi a PC da remoto, è sempre buona abitudine mantenere una password d’accesso.

Password in Windows 10

Aggiorna invece di ripristinare

Windows 10 ha una fantastica funzionalità che ti consente essenzialmente di reinstallare Windows 10 sul tuo computer da zero, come nuovo, con la possibilità di non eliminare nessuno dei tuoi dati (anche se dovrai reinstallare software e driver). Quando il tuo PC è irreparabile, puoi accedervi da ImpostazioniAggiornamento e sicurezzaRipristino. Fai clic su Inizia in Ripristina questo PC, seleziona impostazioni come Conserva i miei file o Rimuovi tutto e avvia la procedura. Non è necessario alcun supporto esterno, come una copia di Windows 10 su un disco o un’unità flash USB.

Ma è davvero così utile ripristinare il PC? A volte, Windows necessita solo di un ripristino che non elimini il software e i driver. Anche questa operazione è facile da compiere, ma richiede una copia di Windows 10 su un supporto esterno. Eventualmente può agire anche attraverso un file ISO, da scaricare e da installare su un supporto USB da 4 GB o con più spazio.

Nascondi o disabilita Cortana da Windows 10

Windows 10 ha eliminato l’interruttore per disattivare Cortana, la risposta di Microsoft a Siri ed Alexa. Puoi comunque spegnere l’assistente virtuale, se non è di tuo gradimento. Innanzitutto, c’è la possibilità di nascondere Cortana: basta fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni e selezionare Mostra pulsante Cortana. L’icona a forma di aureola, così facendo, scomparirà. Tuttavia in questo stato, è ancora attiva.

Se vuoi davvero eliminarla, devi modificare il registro, un tipo di operazione che dovresti evitare se non sei pratico di questo settore. In ogni caso, crea un punto di ripristino del sistema prima operativo prima di agire. Nota bene: la seguente procedura si applica solo alla versione Windows 10 Home.

  • Apri l’Editor del Registro di sistema e digita + R;
  • Digita regedit e premi Invio;
  • In Windows 10 Home, vai su HKEYLOCALMACHINE \ SOFTWARE \ Policies \ Microsoft \ Windows \ Windows Search. Se non c’è, crea la chiave;
  • Fai clic con il pulsante destro del mouse per creare un valore DWORD e chiamarlo AllowCortana. Imposta quel valore su 0 (zero).

Dopo esserti disconnesso ed essere tornato indietro, la casella di ricerca ora riporterà la dicitura Cerca in Windows. Puoi rimettere Cortana facendo tutto questo di nuovo e impostando il valore su 1 (uno).

Se disponi di Windows 10 Pro o Enterprise, puoi utilizzare l’Editor criteri di gruppo per disattivarlo, ma per questo dovresti prima identificarti come amministratore. Digita il tasto Windows + R, digita gpedit.msc per visualizzare l’Editor criteri di gruppo, quindi vai a Configurazione computerModelli amministrativiComponenti di WindowsCerca. Fare doppio clic su Consenti Cortana, selezionare il pulsante accanto a Disabilitato. Chiudi la finestra e riavvia Windows 10.

Se stai evitando Cortana per motivi legati alla privacy in quanto è un assistente virtuale, non dimenticare di visitare il tuo account Microsoft ed eliminare tutte le informazioni che Cortana ha raccolto su di te.

Manda in pensione OneDrive

La risposta di Microsoft a Dropbox e Google Drive è legata strettamente a Windows 10. Ma, come appare evidente, rispetto agli appena citati servizi non ha avuto il successo sperato.

Puoi anche sperare di ignorare semplicemente OneDrive, ma questo spunta puntualmente fuori. Per “pensionare” questa piattaforma, devi come prima cosa scollegarla. Per fare ciò devi:

  • Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’icona del cloud OneDrive nella barra delle applicazioni;
  • Selezionare Impostazioni;
  • Nella scheda Account, fai clic su Scollega questo PC.

Se ciò non bastasse, nella scheda Impostazioni, deseleziona tutte le caselle. Quindi torna su AccountScegli cartelle e deseleziona tutte le cartelle che stava sincronizzando. Vai su Windows Explorer, fai clic con il pulsante destro del mouse su OneDrive e seleziona Proprietà; nella scheda Generale, in Attributi, seleziona la casella accanto a Nascosto. Quindi, sulla barra delle applicazioni, fai nuovamente clic con il pulsante destro del mouse su OneDrive e seleziona Chiudi OneDrive.

Servizi cloud

Accesso rapido a simboli e caratteri speciali

Usare solo 26 lettere e 10 numeri e alcuni segni di punteggiatura è ormai troppo riduttivo: oggi viviamo nel mondo delle emoji. Ma come si inseriscono quelle piccole icone divertenti nel testo durante la digitazione in Windows 10? Attraverso la tastiera pop-up. In principio, questa soluzione era stata pensata per l’uso di Windows in modalità tablet, ma è facile accedervi anche quando utilizzi Windows da PC, con una tastiera normale.

Per attivare la tastiera pop-up, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni in un’area vuota e selezionare Mostra pulsante tastiera touch. Un’icona di una piccola tastiera apparirà accanto all’orologio nella barra delle applicazioni. Selezionala in qualsiasi momento con il cursore del mouse per visualizzare la tastiera su schermo. Fai poi clic sull’icona della tastiera aggiuntiva in alto a sinistra per accedere a varie opzioni di layout.

Ora hai accesso non solo alle emoji ma anche a caratteri speciali come il simbolo dei gradi (°) e tanti altri. Se non riesci a trovare un carattere specifico, è perché devi prima premere il tasto &123 per passare ai simboli. Quindi, come su uno smartphone, tieni premuto il cursore sul tasto principale per ottenere alcuni simboli speciali.

Fai clic sul tasto Smiley per accedere alla suite completa di emoji standard in stile smartphone, con una grafica in pieno stile Microsoft. Puoi scorrere a sinistra/destra per andare a cercare una singola emoji.

Stop notifiche!

C’è chi ama le notifiche e chi le odia e le ritiene un’inutile distrazione. Il rumore e il popup legati a questo evento, può risultare molto fastidioso per molti utenti. Per dare un secco stop alle notifiche devi andare in ImpostazioniSistemaNotifiche e azioni. Qui disattiva tutti gli interruttori a levetta per le singole app, specialmente quelle che trovi più fastidiose per quanto concerne le notifiche.

Oppure fai clic sul nome dell’app nell’elenco per un controllo ancora più specifico: ricevi notifiche da un’app sulla schermata di blocco, ad esempio, ma da nessun’altra parte. Oppure disattiva i suoni per tutti tranne una notifica specifica. Puoi dunque personalizzare come credi questi avvisi.

Metti un freno alla diagnostica

Come molte altre grandi aziende, a Microsoft piace ricevere feedback sul sistema operativo su eventi come gli arresti anomali. Ma quando esegui una configurazione e Windows 10 chiede di inviare tutte le informazioni di errore e di diagnostica a Microsoft, Redmond sta ottenendo più di quanto pensi.

In ImpostazioniPrivacyDiagnostica e feedback, puoi gestire le impostazioni per proteggere un po’ la privacy. Consenti solo dati diagnostici obbligatori, non dati facoltativi; disattivare l’opzione Migliora input penna e digitazione; e persino eliminare tutti i dati di diagnostica attualmente sul tuo PC, ma ciò non impedisce ai dati precedenti o futuri di finire nelle mani di Microsoft.

Basta Edge su Windows 10!

Non ti piace il browser di Microsoft? Il sistema operativo, indipendentemente dal browser scelto, cerca di importelo impostandolo come predefinito. Quindi, ogni volta che apri un link, Windows 10 apre Edge. Per cambiare questa impostazione, vai in ImpostazioniAppApp predefinite, scorri verso il basso e fai clic su Browser web. Un elenco mostrerà tutti i browser installati: tra questi, scegli il tuo preferito. Puoi sempre tornare ad utilizzare Edge, semplicementefacendo clic sul pulsante Ripristina sotto Ripristina impostazioni predefinite consigliate da Microsoft.

Se riscontri problemi con determinati collegamenti, assicurati che il tipo di file (come .htm o .html) o anche i protocolli (come http:// o https://) siano tutti impostati anche sul tuo browser preferito. Fai clic su Scegli app predefinite per tipo di file o Scegli app predefinite per protocollo nella stessa schermata.

La maggior parte dei nuovi browser proverà a riprendere la posizione predefinita quando vengono avviati per la prima volta. In questo senso dunque, spesso ti basterà semplicemente avviare il browser appena scaricato e accettare che lo stesso funzioni come predefinito.


Fonte pcmag.com

Potrebbero interessarti
GuidePC

Dissipatore PC: meglio il raffreddamento ad aria o a liquido?

GuidePCWindows

Attivazione Windows 7 senza crack e codici seriali | Guida

GuidePCWindows

Le migliori alternative a CCleaner per pulire il PC

GuidePC

Come aggiungere il Bluetooth al tuo PC in pochi passi