Guide

Come aumentare la durata della batteria della Nintendo Switch

Durante la pandemia da Covid-19 Nintendo Switch ha visto un successo quasi senza precedenti ed è stata una delle console più acquistate. La Switch, infatti, consente di giocare ovunque si desideri, presenta una varietà di giochi abbastanza ampia e permette anche di giocare in compagnia. Non tutti sanno però che su Nintendo Switch si possono scaricare anche una serie di applicazioni (come YouTube o Hulu) che permettono di fare altre attività, come guardare video in streaming.

Questa console, però, ha però un punto debole: la batteria, che non permette di utilizzare Nintendo Switch troppo a lungo lontano da una presa. La durata della batteria dipende dal modello, dal software e dalle funzioni che si utilizzano, tuttavia possiamo dire che il modello originale della console ha una batteria che dura dalle 2 ore e mezza alle 6 ore e mezza circa, mentre il modello aggiornato ha una batteria che dura dalle 4 ore e mezza alle 9 ore circa.

In questo articolo vogliamo, quindi, suggerire dei semplici trucchetti che permettono di prolungare la durata della batteria della Nintendo Switch per poter utilizzarla più a lungo anche se lontani da una presa.

durata batteria Nintendo Switch

Abbassa la luminosità dello schermo

Quasi tutti i dispositivi digitali con un display consumano più batteria quando la luminosità dello schermo è più alta. Fortunatamente, abbassare la luminosità dello schermo è semplice ed è uno dei modi più immediati per preservare la durata della batteria della Nintendo Switch.

Per fare ciò, vai alla pagina “Impostazioni di sistema” della schermata Home e tocca l’opzione “Luminosità schermo” nella colonna a sinistra. Qui disattiva la funzione “Luminosità automatica“. Per risparmiare la batteria è necessario regolare la luminosità dello schermo con il cursore apposito impostando valori più bassi. Se vuoi cambiare la luminosità durante il gioco c’è una scorciatoia che puoi utilizzare: tenendo semplicemente premuto il pulsante Home si aprirà la schermata “Impostazioni rapide” e da qui potrai cambiare la luminosità al volo.

luminosità schermo

Disabilita le vibrazioni dei Joy-Con

I controller Joy-Con di Nintendo possono anche emettere vibrazioni in determinate situazioni durante le sessioni di gioco. Questa funzione è nota anche come “rumble”. I motori che guidano queste vibrazioni necessitano di alimentazione a batteria, quindi, se vuoi risparmiare batteria puoi disattivare la funzione rumble.

Per fare ciò, accedi alle “Impostazioni di sistema” dal menu Home e cerca la funzione “Controller e sensori“: qui puoi attivare o disattivare l’opzione “Vibrazione controller”.

Acquista un caricatore portatile

Se sai già di non avere una presa a disposizione per un lungo periodo di tempo un caricabatterie portatile è sicuramente il migliore investimento da fare. Un caricabatterie portatile di grande capacità può essere un po’ ingombrante, tuttavia il vantaggio di potere ricaricare la console dove e quando vuoi è senza dubbio una funzionalità da non tralasciare.

Sono disponibili numerosi caricatori portatili per Nintendo Switch, ma l’Anker PowerCore II 20000 è una batteria affidabile che permette di ricaricare la console senza problemi.

Attiva la modalità aereo

La modalità aereo risulterà familiare a chiunque ami viaggiare in aereo. Non tutti sanno, però, che le comunicazioni wireless, come Wi-Fi e Bluetooth, consumano tantissima energia e che inserendo la modalità aereo queste opzioni vengono disattivate, consentendo di allungare la durata della batteria. Questo è uno dei trucchetti che permette di “aumentare” la durata della batteria quando si è in viaggio.

Per fare ciò, vai ancora una volta alla schermata “Impostazioni di sistema” dalla schermata principale e cerca il menu “Modalità aereo”. In alternativa puoi attivare questa opzione anche dal menu “Impostazioni rapide”. Infine, nota che in modalità aereo non puoi usare i Joy-Con se sono staccati dalla console dato che questi funzionano solo se lasciati attaccati.

Modo uso aereo Nintendo

Attiva la Modalità riposo

La console Nintendo Switch ha una modalità riposo che permette al dispositivo di spegnersi quando questo non è in uso mettendo in stand-by la maggior parte delle funzionalità (incluso lo schermo) e sospendendo il gioco. Se il dispositivo è in modalità riposo basterà premere qualsiasi pulsante per riattivare Nintendo Switch e riprendere il gioco.

Per impostazione predefinita, la modalità riposo si attiva dopo dieci minuti di inattività. Tuttavia, puoi modificare questa impostazione tra le altre opzioni del menu “Impostazioni di sistema”, selezionando la funzione “Modalità riposo” e scegliendo l’opzione “Automatica quando non in modalità TV”. Questo significa che quando è in modalità portatile la console attiverà la modalità riposo dopo un certo periodo di inattività che può essere di 1, 3, 5, 10 o 30 minuti, in base alle preferenze dell’utente.

Attraverso questo menù puoi anche decidere di disattivare la modalità riposo durante la riproduzione di contenuti multimediali oppure di impostare la Modalità riposo automatica anche quando è in modalità TV. Infatti, puoi far sì che la console attivi la modalità di riposo quando è in modalità TV dopo un certo periodo di inattività che può essere scelto dall’utente tra 1, 2, 3, 6 o 12 ore.

Nintendo Switch

Conclusioni

La console Nintendo Switch è probabilmente una delle più vendute sul mercato per le sue ottime caratteristiche, i giochi disponibili e la sua portabilità. In base all’uso che ogni utente fa della console, la durata della batteria può variare sensibilmente, tuttavia ci sono degli accorgimenti che possono essere attivati per preservarla. La soluzione migliore, tuttavia, sembra essere sempre quella di avere sempre a disposizione un caricabatterie portatile che permette di ricaricare il dispositivo in qualsiasi momento.


Fonte maketecheasier

Potrebbero interessarti
Guide

11 meravigliose impostazioni di Waze che tutti dovrebbero usare

Guide

L'audio bluetooth lossless è (quasi) realtà: ecco cos'è

Guide

Come disattivare gli annunci pop-up su Steam

Guide

8 considerazioni da fare prima di acquistare dispositivi ricondizionati