Guide

8 considerazioni da fare prima di acquistare dispositivi ricondizionati

Acquistare un prodotto nuovo non è sempre semplice, a causa dei prezzi spesso elevati e della scarsa disponibilità di moltissimi materiali. In tal senso, i dispositivi ricondizionati rappresentano una fetta di mercato in grande crescita, potendo offrire soluzioni simili al nuovo, ma con un prezzo decisamente più contenuto. Acquistare uno smartphone da 1.000 euro o un laptop per il gaming da 2.000 per metà del prezzo originale è davvero allettante e la maggior parte delle persone fa proprio questo.

Tuttavia, ci sono cose da tenere in considerazione quando si acquista questa tipologia di merce. Ecco le cose importanti che devi sapere prima di affidarti a un dispositivo ricondizionato.

Cosa sono i dispositivi ricondizionati?

Prima di imparare come acquistare dispositivi ricondizionati, è importante sapere esattamente cosa sono. Stiamo parlando di un prodotto che è stato utilizzato da un precedente proprietario. Ciò che distingue il “ricondizionato” dal classico “usato” è il fatto che i primi hanno subito un lavoro di riparazione, con conseguente controllo da parte dei tecnici.

La merce ricondizionata dunque, avrà alcune parti sostituite che possono potenzialmente creare problemi nel tempo. Componenti come batterie, display, porte, chip e altre parti sono state sostituite con nuove. Sebbene i dispositivi ricondizionati siano in genere meno recenti, puoi comunque trovare anche smartphone, tablet, portatili e quant’altro di ultimissima generazione.

Cosa devi sapere prima di acquistare prodotti di questo tipo

Anche se ottenere un dispositivo riparato con un forte sconto sembra un vero e proprio affare, vi sono alcune considerazioni da fare prima di farsi prendere dall’entusiasmo e sperperare del denaro.

1- Il venditore è affidabile?

L’identificazione di venditori affidabili è essenziale per acquistare merce online, tanto più quando si tratta di scegliere merce ricondizionata. Si tratta di un passo fondamentale per non incappare i brutte sorprese.

Quando guardi i venditori, devi controllare le recensioni sul sito. La maggior parte dei siti ha uno schema di valutazione da 1 a 5 stelle. Ovviamente, se un rivenditore ha 1.000 recensioni e 800 di esse sono a una stella, dovresti cercare altrove.

Tuttavia, dovresti anche dedicare del tempo a leggere le recensioni esterne. Leggi soprattutto quelle negative e vedi se c’è un tema ricorrente. Se vedi cinque recensioni con lo stesso reclamo, potresti avere un problema acquistando il prodotto.

Sia per quanto riguarda le recensioni interne allo shop che esterne, dovresti fare grande attenzione. In molti casi infatti, sono gli stessi venditori a “sistemarle” per ottenere più vendite possibile. Utilizza dunque piattaforme che conosci bene o che comunque offrono garanzie in caso di frode.

2- Qual è la condizione del dispositivo?

Solo perché un dispositivo è stato ricondizionato, ciò non significa che sia completamente riparato. I dispositivi ricondizionati di solito sono soggetti a un minimo di usura, ma è bene sapere in quale stato si trova prima di mettere mano al portafoglio.

3- In che modo il negozio definisce il termine “ricondizionato”?

Negozi diversi possono avere concezioni diverse di ciò che significa ricondizionato, portando a confusione se non vere e proprie truffe. Se un negozio vende prodotti ricondizionati, controlla se mostra come definisce un articolo di tale tipo.

Nonostante abbiamo descritto a grandi linee in cosa consiste tale definizione, le tante sfumature lasciano un po’ troppo spazio alla libera interpretazione… e qualcuno potrebbe facilmente approfittarsene!

apple iphone riparazione

4- Quali parti non possono essere sostituite?

Un dispositivo ricondizionato avrà alcune delle sue parti sostituite con nuove, ma ciò potrebbe non influire più di tanto sulla longevità del prodotto.

Ad esempio, uno smartphone ricondizionato può avere una nuova batteria, porte e display. Tuttavia, il processore non può essere sostituito. Ciò significa che se ottieni un dispositivo con varie componenti nuove, rimarrai comunque legato a un processore vecchio e usurato.

Non tutte le parti del dispositivo saranno nuove di zecca. Devi sapere quali parti possono essere sostituite prima dell’acquisto e devi sapere se il tuo device può durare a lungo nonostante le componenti più vecchie.

5- Chi ha lavorato sul dispositivo?

Entità diverse possono ricondizionare un dispositivo. Esistono quindi diversi livelli di qualità in base a chi ha effettuato il lavoro. A volte vedrai articoli ricondizionati direttamente dal produttore (chiamati ricondizionati in fabbrica). Questo è sempre un buon segno, perché chi può riparare uno smartphone Samsung meglio di Samsung stessa?

La maggior parte delle volte però, sono aziende di terze parti che lavorano in questo ambito: il risultato, in tal senso, può essere molto variabile. Quando vedi un dispositivo ricondizionato dal venditore, devi sapere che la qualità potrebbe non essere così alta come quella ricondizionata in fabbrica, anche se è quasi impossibile capire la differenza senza smontare il prodotto.

Sotto questo punto di vista, possono essere d’aiuto recensioni online e indicazioni simili. Lavori di scarsa qualità, sono solitamente indicati su social, forum e siti specializzati.

6- Questione garanzia

Dal momento che stai acquistando un prodotto vecchio o che è stato utilizzato, devi assicurarti di essere protetto se il dispositivo non funziona o smette di farlo poco dopo l’acquisto. Innanzitutto, assicurati che ci sia una garanzia sul dispositivo.

La maggior parte delle grandi aziende, come Apple, Samsung e Amazon, offre una sorta di garanzia soft sui propri dispositivi ricondizionati.

Oltre a ciò, dovresti controllare la politica di restituzione. Se il venditore non ha una politica di restituzione, sarebbe facile per loro venderti un dispositivo rotto e non avere l’obbligo di sostituirlo con uno funzionante. Una politica di restituzione può fare la differenza tra spendere soldi e sprecare soldi.

7- Questo dispositivo funzionerà nel mio paese?

Poiché la maggior parte dei dispositivi ricondizionati è venduta da società di terze parti, non vi è alcuna garanzia che sia stata prodotta per il tuo paese. Pertanto, è fondamentale sapere se il dispositivo funzionerà in Italia, soprattutto se questo funziona connettendosi alla rete.

Diversi paesi hanno diverse bande di segnale che le persone usano per accedere a Internet. Se ricevi un dispositivo realizzato per un paese diverso, è possibile che non sia compatibile con la rete nazionale.

Cerca il numero di modello del dispositivo che hai intenzione di acquistare e verifica se corrisponde a quello del tuo paese.

Le abitudini sbagliate con lo smartphone

8- Questo dispositivo può essere ricondizionato?

Alcuni dispositivi, per loro natura, non possono o non devono essere ricondizionati e rivenduti. Questi sono prodotti con parti essenziali che non possono essere sostituite correttamente e inevitabilmente si guasteranno con qualunque intervento di questo tipo.

Dispositivi come HDD e SSD rientrano in questo elenco, così come la maggior parte dei televisori moderni. Alcune parti non possono essere sostituite, dunque se qualcuno sta cercando di vendere qualcosa del genere utilizzando il termine “ricondizionato”, sta cercando di imbrogliarti.

Conclusioni

Il prezzo, non è l’unico fattore quando si considera l’acquisto di un prodotto ricondizionato. Saper valutare le condizioni del dispositivo, leggere le recensioni online e comprendere chi sia realmente il venditore, può evitare truffe o comunque spiacevoli sorprese.

Il consiglio generale è, a meno di non essere esperti di quello specifico settore, di optare per un prodotto nuovo e di marca. Nonostante il costo maggiore, il consumatore è decisamente più tutelato e si avranno molti meno problemi da affrontare.


Fonte makeuseof.com

Potrebbero interessarti
Guide

11 meravigliose impostazioni di Waze che tutti dovrebbero usare

Guide

L'audio bluetooth lossless è (quasi) realtà: ecco cos'è

Guide

Come disattivare gli annunci pop-up su Steam

Guide

Come abilitare il parental control su PlayStation, Switch e Xbox