AppleiPhone

Perché Apple è così ossessionata da un iPhone senza porte?

iPhone senza porte lightning

Perché Apple è così decisa nel produrre un iPhone senza porte? Secondo diverse voci, iPhone 13 potrebbe abbandonare del tutto le porte Lightning, non in favore delle tanto amate USB-C ma piuttosto per virare ad una totale mancanza di connettori fisici. Ma perché questa scelta?

Sulla base delle affermazioni del leaker McGuire Wood (noto online anche come Jioriku), gli ingegneri Apple stanno lavorando su potenziali tagli a livello di design, tra i quali spiccherebbe proprio il sacrificio delle porte Lightning. Questi tagli avranno lo scopo di poter ridurre lo spessore dei futuri iPhone e di creare maggiore spazio per i componenti interni.

I problemi di Apple Watch

A livello puramente pratico, tra gli utenti vi è il timore che si ripeta quanto avvenuto Apple Watch. La mancanza di porte sullo smartwatch Apple si è infatti tradotta nella mancanza di un’opzione per poter ripristinare il dispositivo Apple, tramite PC o Mac utilizzando iTunes, in caso di problemi. Questa funzione, disponibile per iPhone ed iPad, permette di ripristinare il firmware dei device Apple e torna particolarmente comoda in caso di blocchi o problemi software. Nonostante questo gli ingegneri di Apple sembrano aver trovato già soluzioni alternative piuttosto convincenti.

Cavo lightning

iPhone senza porte Lightning: perché?

Il suddetto leaker ha affermato che, stando alle sue fonti, Apple sta lavorando per realizzare un sistema di Internet Recovery. Ciò significa che, se è vero che un team di ingegneri sta lavorando per eliminare le porte lightning, dall’altra parte una squadra di specialisti è a lavoro per rendere possibile effettuare un’operazione di ripristino sfruttando direttamente la rete, senza dover per forza rivolgersi a un centro Apple.

Sempre stando ai rumors, questa procedura potrebbe avvenire in maniera manuale e indipendente da parte dell’utente, attraverso una connessione wireless tra il device in questione e un PC/Mac, attraverso iTunes.

Va detto che, al di là di potenziali mosse di mercato, avere un iPhone senza porte lightning può portare anche a vantaggi pratici. Per esempio, tale soluzione andrebbe ad offrire una maggiore resistenza all’acqua, anche se per la maggior parte degli utenti il miglioramento di questo parametro non pare particolarmente importante. Non solo: la presenza di uno slot per la scheda SIM e i fori degli altoparlanti, a prescindere da tutto, saranno comunque componenti potenzialmente a rischio sotto questo punto di vista.

Batterie più prestanti o maggiore spazio per il Touch ID

E se fosse una questione di dimensioni? La rimozione della porta Lightning permetterebbe una riduzione dello spessore dei futuri melafonini e lascerebbe maggior spazio per altri componenti hardware. Questo sacrificio sarebbe anche accettabile in virtù di una batteria di dimensioni maggiori in grado di garantire una migliore autonomia. Ma siamo sicuri che realmente il sacrificio delle porte possa essere collegato a un progetto di questo tipo?

Un’altra potenziale teoria potrebbe riguardare il Touch ID integrato nello schermo. Anche in questo caso, Apple potrebbe aver bisogno di maggior spazio a disposizione e, tra i sacrifici più papabili, vi sarebbe proprio quello delle porte al fine di poter inserire il tanto amato, e richiesto in tempi di pandemia, Touch ID che reintrodurrebbe lo sblocco tramite impronte digitali abbandonato con iPhone X.

La domanda resta dunque più che lecita anche se, attualmente, non vi sono notizie certe a riguardo. Sicuramente, a livello di fruibilità, una scelta così drastica di Apple potrebbe (giustamente) creare un certo malcontento tra i tanti fan che potrebbero vedersi costretti a cestinare cavi ed accessori e a dover acquistare una serie di nuovi prodotti per la ricarica senza fili.


Fonte imore.com

Potrebbero interessarti
AppleiPhoneNews

iPhone 13, il Face ID diventa più sicuro con l'anti-spoofing

EditorialeiPhoneMacSmartphone

Che cos'è un SoC (System on a Chip)?

AppleGuide

iPhone: come cambiare la lingua di una singola app

Apple

Apple lancia iOS 15: tutte le novità e gli iPhone compatibili