AndroidGuideMacPC

I migliori emulatori Android del 2022 per PC e Mac

I motivi per cui un giorno potresti aver bisogno di usare un emulatore Android sul tuo computer sono molteplici.

Se sei uno sviluppatore, per esempio, potresti voler testare l’applicazione su cui stai lavorando utilizzando uno schermo più ampio di quello dello smartphone. Invece, se sei un/a gamer, la possibilità di utilizzare mouse e tastiera potrebbe essere allettante. In altri casi, potrebbe trattarsi di semplice curiosità. Anche se Windows 11 offre il supporto per le app native Android, affidarsi ad un emulatore resta comunque molto utile.

A prescindere dal tuo obiettivo e dalla piattaforma in uso, sia essa Windows o macOS, non mancano le alternative quando si parla di emulatori Android. Anche se alcuni software di questo tipo, con il passare degli anni, sono stati abbandonati dagli sviluppatori e sono oggi non più utilizzabili (da Andy ad AmiduOS fino a Leapdroid), esistono ancora tante soluzioni valide in questo settore.

In questo articolo andremo proprio ad analizzare le principali proposte online che, ad oggi, risultano funzionanti e aggiornate più o meno regolarmente.

google android 13

Emulatori Android: alcune premesse

Prima di cominciare con la lista, è bene approfondire le motivazioni di utilizzo di tali software.

I videogiocatori possono utilizzare gli emulatori sui loro computer per rendere alcuni titoli più giocabili. Inoltre, in questo modo non devono fare affidamento sulla durata della batteria dei loro dispositivi e l’esistenza di sistemi di macro dei tasti può essere molto interessante. Nella maggior parte dei casi, questi piccoli trucchi non sono considerati cheat (almeno nella maggior parte dei giochi), quindi il tutto non dovrebbe comportare problemi.

Come vedrai in seguito, i migliori emulatori Android per i giochi sono BlueStacks, LDPlayer, MeMu, KoPlayer e Nox. Per sceglierne uno, o restringere il campo di scelta, continua a leggere questo articolo visto che ne parleremo più approfonditamente.

Il secondo caso d’uso più comune è lo sviluppo software. Gli sviluppatori di app e giochi Android amano testare app e giochi su quanti più dispositivi possibile prima del lancio. Fortunatamente, Android Studio viene fornito con Android Virtual Device (AVD), che risulta la soluzione definitiva in termini di prestazioni e funzionalità. L’unico inconveniente per i non sviluppatori è che viene fornito con un’installazione di Android Studio e Android Software Development Kit (SDK). Naturalmente, questo non è un problema per gli sviluppatori che hanno già tutto il software necessario sulle loro macchine.

La pressoché totalità di emulatori Android viene utilizzata per il gioco e lo sviluppo. Va però menzionato un altro possibile motivo, ovvero la produttività. Questo non è così comune perché i Chromebook sono più economici e migliori per l’utilizzo di app Android. Inoltre, la maggior parte degli strumenti di produttività sono multipiattaforma. Nel caso una specifica app di produttività sia disponibile solo su Android e ti serva per lavoro, ti consigliamo di utilizzare direttamente un Chromebook.

Nota bene: al momento, nessun emulatore consumer esegue le ultime versioni di Android. L’unico posto in cui puoi trovarlo è in Android Studio e non è una soluzione adottabile in ottica gaming. Fortunatamente, la maggior parte delle app e dei giochi funziona ancora su versioni precedenti di Android, quindi questo non dovrebbe essere un grosso problema.

BlueStacks

Cominciamo la lista dei migliori emulatori Android con un nome quasi scontato, vista la fama di BlueStacks.

Questo software è noto a molti utenti per essere l’emulatore di ambiente Android più completo sul mercato. Oltre a funzionare sia su Windows che su Mac, questo software è ricco di tantissime funzionalità per migliorare l’esperienza utente soprattutto in ottica gaming.

Le sue funzionalità più popolari includono lo strumento Keymapping per creare schemi di controllo personalizzati, l’Instance Manager attraverso il quale è possibile creare più istanze dell’emulatore ed eseguire più giochi contemporaneamente e tante altre funzionalità, che aiutano a ridurre il consumo di risorse durante l’esecuzione dei giochi più impegnativi. È anche l’emulatore più sicuro in circolazione, con conformità certificata al GDPR: i tuoi dati sono sempre al sicuro durante l’utilizzo.

La versione più recente, BlueStacks 5, è la più leggera e veloce dell’emulatore, offrendo giochi ad alte prestazioni degne di nota anche su computer di fascia bassa. L’ultima versione risolve alcune delle lamentele più comuni registrate durante il passato, vale a dire una complessiva lentezza del software, specialmente quando viene eseguito su hardware di qualità inferiore.

Android Studio Emulator

Android Studio è la console di sviluppo predefinita (ambiente di sviluppo integrato o IDE) per Android. Viene fornito con una serie di strumenti per aiutare gli sviluppatori a creare app e giochi specifici per tale OS. A quanto pare, c’è anche un emulatore integrato che puoi utilizzare per testare la tua app o il tuo gioco.

L’installazione è piuttosto complicata, quindi potrebbe non piacerti, ma è di gran lunga l’opzione più veloce e ricca di funzionalità in questo elenco. Puoi eseguire Android vanilla, scaricare app dal Google Play Store come faresti normalmente, aggiungere launcher e tastiere personalizzate nonché emulare dispositivi di qualsiasi dimensione o fattore di forma.

ARChon

ARChon

ARChon non è un emulatore tradizionale. Lo puoi installare come estensione di Google Chrome e, proprio attraverso il browser, offre la possibilità di eseguire app e giochi Android (anche se con supporto limitato).

Non è un emulatore facile da usare: dovrai installare lo stesso direttamente da browser e poi agire attraverso file APK. Come ulteriore problema, potrebbe essere necessario utilizzare uno strumento per modificare l’APK in modo da renderlo compatibile con ARChon.

Ci sono molti più passaggi per farlo funzionare rispetto alla maggior parte degli altri emulatori Android per PC. Tra i lati positivi, tuttavia, funziona con qualsiasi sistema operativo in grado di eseguire un’istanza di Chrome (macOS, Linux e Windows su tutti).

Bliss OS

Bliss OS

Anche Bliss OS si dimostra molto diverso rispetto ai classici emulatori Android. Funziona come un emulatore per PC tramite una macchina virtuale. Tuttavia, può anche essere eseguito sul tuo computer tramite una chiavetta USB, anche se questo utilizzo è consigliato solo per utenti più esperti.

L’installazione di una macchina virtuale, è un processo piuttosto facile ma noioso se non hai mai lavorato su qualcosa del genere. Il metodo di installazione USB è ancora più complicato, ma consente al tuo computer di eseguire Android in modo nativo dall’avvio del computer. Ciò rende Bliss un emulatore unico nel suo genere.

Ovviamente, funziona davvero bene solo se il tuo sistema è compatibile, quindi preparati a tutto con un backup del tuo attuale sistema operativo. Il sistema esegue Android Oreo tra le versioni più recenti.

GameLoop

GameLoop

GameLoop, precedentemente noto come Tencent Gaming Buddy, è un emulatore Android per i giocatori (come è facile intuire dal nome). In effetti, si tratta dell’app ufficiale dei giochi Tencent, produttore di titoli come Call of Duty: Mobile e PUBG Mobile. Tutto ciò, rende tali titoli emulati perfettamente attraverso questo software.

GameLoop presenta altri giochi pienamente supportati oltre a quelli di Tencent, anche se la sua collezione non è così grande come potrebbe essere. Nonostante ciò, stiamo parlando di un emulatore molto verticale rispetto al gaming: ciò significa che non è in grado di fornire supporto in caso di test di sviluppo o altri utilizzi.

Tuttavia, se hai una passione per i giochi FPS su mobile, questa soluzione potrebbe essere la migliore della lista.

Genymotion

Questo emulatore Android è principalmente per sviluppatori, in grado di consentirti di testare le tue app su una varietà di dispositivi senza possederli fisicamente.

Con Genymotion puoi configurare l’emulatore per una varietà di dispositivi con le più disparate versioni di Android in base alle tue esigenze. Ad esempio, puoi eseguire un Nexus One con Android 4.2 o un Nexus 6 con Android 6.0. Puoi passare facilmente da un dispositivo virtuale all’altro a piacimento, il tutto con estrema semplicità.

Genymotion offre i suoi servizi gratuitamente per uso personale, pur avendo una parte di feature professionali a pagamento. La sua caratteristica più utile è la sua disponibilità sia sul tuo computer desktop che tramite cloud. Chi non ha computer potenti dunque, può lavorare direttamente sui server di Genymotion.

LDPlayer

LDPlayer

LDPlayer è un emulatore Android leggero incentrato sulle prestazioni lato gaming. Con Android Nougat 7.1 come sistema operativo, il software presenta la consueta gamma di funzionalità utili soprattutto per i videogiocatorii, inclusi buoni controlli di mappatura della tastiera, multi-istanze, macro, FPS elevati e supporto grafico.

Tra i titoli pienamente supportati possiamo citare Epic Seven, Clash of Clans, Arknights e molti altri. Questo è uno dei pochi emulatori nell’elenco che riceve aggiornamenti attivi per migliorare la compatibilità. Nelle ultime versioni, LDPlayer ha ottimizzato ulteriormente la fluidità di alcuni titoli alquanto famosi, il che è un’ulteriore attrattiva per i videogiocatori.

Oltre a ciò, LDPlayer è anche un emulatore capace di andare oltre al gaming, rivelandosi prezioso per l’utilizzo di TikTok, Instagram e altre app popolari. Prende in prestito un po’ ‘di design da Bluestacks, ma questo è più che altro un pregio.

MEmu Play

MEmu Play

Tra i migliori emulatori Android rientra anche l’ottimo MEmu Play. Si tratta di un software eccellente, capace di gestire al meglio l’OS mobile in questione lato gaming.

Una delle sue maggiori caratteristiche è il supporto per entrambi i chipset AMD e Intel. L’ultimo MEmu esegue Android 7.1, un grande salto in avanti rispetto alle prime versioni dell’emulatore, quando eseguiva 4.3 Jelly Bean.

Puoi persino eseguire più istanze contemporaneamente per più giochi o testare funzionalità. Si rivolge a giocatori, proponendo una soluzione simile a Bluestacks ed emulatori simili, ma è utilizzabile anche con app di produttività.

Contrariamente a tanti altri programmi del settore, MEmu Play ha una versione premium. Questa costa 2,99 dollari al mese e permette di disabilitare gli annunci, aggiunge più opzioni di personalizzazione e abilita opzioni di supporto premium. L’emulatore riceve aggiornamenti frequentemente, dunque questa spesa può essere più che accettabile.

MuMu

MuMu

MuMu è un emulatore apprezzabile, prodotto da NetEase.

Stiamo parlando di un altro emulatore di gioco con la maggior parte delle stesse funzionalità dei suoi concorrenti, con il software che esegue Android 7 (altra caratteristica condivisa con buona parte della concorrenza). Detto questo, ha un tempo di avvio superiore alla media e funzionalità sufficienti per giustificare la sua presenza in questa lista. Esiste anche una versione beta specifica per computer di fascia bassa, il che può essere interessante per chi ha dispositivi non al top del settore.

NoxPlayer

NoxPlayer

NoxPlayer è un altro emulatore Android per PC che funziona bene per nel contesto dei videogames. Ciò include le solite caratteristiche come la mappatura dei tasti con la tastiera, il supporto del controller e persino la possibilità di mappare i controlli dei gesti attraverso tasti. Ad esempio, puoi assegnare la funzione per scorrere verso destra su un tasto freccia e utilizzarlo in un gioco senza il supporto effettivo del controller hardware.

NoxPlayer riceve aggiornamenti regolari e, inoltre, è anche uno dei pochi emulatori che esegue Android 9. Questo programma offre anche più istanze in modo da poter giocare a più giochi in contemporanea. C’è anche la registrazione di script, senza l’utilizzo di software esterni. Nox è nato come un’alternativa leggera agli emulatori più pesanti, ma sta rapidamente diventando molto più maturo e ricco di funzionalità.

Phoneix OS

Phoenix OS è uno dei più giovani emulatori Android per PC. Come la maggior parte di questi giorni, vanta un’esperienza di gioco alquanto apprezzabile.

Tuttavia, vanta anche un’esperienza utente simile a un a,noemte desktop, quindi funziona abbastanza bene anche per la produttività. Questo include Google Play Services, anche se l’aggiornamento di questi servizi può essere un po’ problematico talvolta. Phoenix OS esegue anche Android 7.1, che è relativamente moderno per un emulatore Android.

PrimeOS

PrimeOS

PrimeOS forse non sarà famoso come altri emulatori Android di punta, ma risulta un nome che deve rientrare in questa lista. Anzi, a dirla tutta non si tratta neanche di un emulatore vero e proprio.

Lo installi come partizione sul tuo computer e si avvia con Android nativo. È un’esperienza Android ideale per i videogiocatori, anche se puoi utilizzarla totalmente in ottica produttività se lo desideri. PrimeOS include opzioni apposite per il gaming, supporto per mouse e tastiera e pieno accesso alla maggior parte delle app e dei giochi Android: ad essere sinceri, funziona quasi come un sistema ChromeOS.

Puoi effettuare operazioni multitasking, guardare contenuti video o giocare a tuo piacimento. Forse la parte più interessante è che puoi eseguirlo con le ultime versioni di Android (fino ad Android 11) poiché non hai bisogno di una macchina virtuale.

Remix OS Player

Remix OS Player di Jide è uno dei veterani di questa lista. Funziona con Android Marshmallow e non è il più recente che puoi trovare al giorno d’oggi.

Il processo di installazione è piuttosto semplice e anche usarlo è abbastanza agevole, anche se il suo focus è prevalentemente sull’aspetto gaming. Ci sono alcune funzionalità specifiche per il videogiocatore insieme a una barra degli strumenti personalizzabile, oltre a vantare funzionalità come l’esecuzione di più giochi contemporaneamente.

Detto questo, è un emulatore abbastanza pulito, quindi è ancora perfettamente utilizzabile come strumento di produttività a dispetto della sua età. Il sito ufficiale sembra essere inattivo e siamo relativamente certi che Remix OS Player non sia più in fase di sviluppo. Puoi comunque scaricare le build da Sourceforge nel caso in cui desideri qualcosa di più vecchio, ma comunque molto stabile.

Xamarin

Xamarin è un IDE simile al già citato Android Studio. La differenza è che può collegarsi a Microsoft Visual Studio per un ambiente di sviluppo ancora più ampio.

Inoltre, come Android Studio, viene fornito con un emulatore integrato per test di app o giochi. Nel caso non fosse subito evidente, consigliamo questa soluzione solo agli sviluppatori. La configurazione è semplicemente troppo lunga per l’utilizzo regolare da parte degli utenti comuni.

L’emulatore di Xamarin non è potente come Genymotion, ma farà il lavoro se intendi usarlo ed è anche configurabile per le tue esigenze specifiche. È gratuito per uso personale: per le aziende e i team più grandi esiste un apposito piano a pagamento.

Crea un tuo emulatore

Se in questa lista non hai trovato una soluzione apprezzabile, puoi comunque cercare di creare un tuo emulatore Android autonomamente.

A tal proposito devi scaricare VirtualBox e un’immagine da Android-x86.org. Da lì, si tratta solo di trovare una delle tante guide online e seguire i passaggi. Questo è facilmente uno dei metodi più difficili, ma non è così noioso o difficile come configurare un intero IDE con Android Studio o Xamarin.

Il nostro consiglio è di affidarti sempre e comunque a un valido tutorial (come quello del video qui sopra), idealmente dopo aver consultato qualche guida dedicata per acquisire una conoscenza preliminare sull’argomento. Questo perchè al primo tentativo è altamente probabile che l’app non funzionerà bene, sarà difettosa e, a meno che tu non sia un programmatore, sarà difficile creare un emulatore perfettamente funzionante. Tuttavia, se hai passione per questo settore, potresti toglierti diverse soddisfazioni.


Fonte androidauthority.com

Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Xiaomi, ufficiali 12T e 12T Pro: presentati anche altri prodotti

AndroidNewsSmartphone

Galaxy A14, arriva il nuovo telefono Samsung: cosa dicono i render

AccessoriAccessoriAndroidApple

Recensione Soundcore Anker Space A40: migliori cuffie da 99€?

GuidePCWindows

Come gestire uno schema personalizzato dei cursori su Windows 11