Hexlock si conferma una delle migliori applicazioni disponibili sul Play Store da utilizzare per bloccare l’apertura di altre applicazioni tramite PIN, codice di sblocco e impronte digitali, vediamone insieme caratteristiche e dettagli nella nostra recensione.

hexlock logo

La recensione di Hexlock: l’app per bloccare le app

Il problema della privacy sui nostri smartphone e tablet ed il rischio che occhi e mani indiscrete possano accedere ai nostri dati personali sono un fattore sempre attuale, in queste occasioni ci vengono in aiuto diverse soluzioni pratiche adottate da produttori e sviluppatori: oramai il classico lockscreen che richiede pin numerico, codice di sblocco tramite combinazione o impronte digitali per accedere il device è largamente diffuso ma può risultare scomodo per tutti coloro che vogliono impugnare il proprio device ed accedere direttamente alle proprie app o semplicemente effettuare una chiamata in velocità, se rientrate fra quest’ultima categorie di utenti ma avete la volontà o la necessità di bloccare l’accesso ad alcune applicazioni potete far ricorso ad alcune applicazioni, fra cui Hexlock che andremo a recensire in questo articolo, da utilizzare per impostare le varie tipologie di sblocco per bloccare l’apertura immediata di determinate applicazioni dai noi scelte.

Una delle migliori app in questo settore è sicuramente Hexlock, un’applicazione realizzata dagli sviluppatori di Liquidum Limited, software house che si è meritata la massima onoreficenza all’interno del Play Store, ovvero l’inserimento nella lista dei Top Developer che racchiude tutti i migliori sviluppatori di app per Android, grazie ai 30 milioni di download delle app sviluppate finora. Con questa applicazione avremo la possibilità di impostare, per determinate applicazioni da noi scelte, una tipologia di sblocco personalizzata in modo da evitare l’accesso di “personale non autorizzato” alle nostre app contenenti dati personali o che semplicemente non vogliamo vengano visti da tutti i nostri amici, colleghi o familiari, a questo si aggiunge, inoltre, la possibilità di impostare diversi profili in base al luogo in cui ci troviamo.

Pin, sequenza od impronte digitali disponibili per bloccare ogni singola app

L’applicazione è disegnata con uno stile semplice, minimal e molto colorato, l’interfaccia utente risulta di immediata comprensione e sarà davvero semplice iniziare ad utilizzarla senza perdersi fra le varie impostazioni disponibili. Sarà possibile impostare a propria scelta il codice di sblocco preferito fra il classico PIN e il più moderno codice di sblocco da eseguire tramite una sequenza di swype a schermo, ad essi si aggiunge la possibilità di utilizzare i rilevatori di impronte digitali come quello di Samsung Galaxy S6. Una volta impostata la propria modalità di sblocco sarà sufficiente scegliere quali app andare a bloccare, al momento dell’apertura successiva delle applicazioni selezionate ci sarà richiesto l’utilizzo di uno dei metodi di sblocco da noi prescelti per accedere, evitando così l’apertura e l’accesso automatico ai contenuti.

Ottima l’introduzione di diversi profili in base al luogo in cui ci troviamo

Il funzionamento delle modalità di sblocco è eccellente e risulta sempre rapido e preciso, a differenziare Hexlock dalla gran parte di queste applicazioni è la possibilità di andare ad utilizzare tre differenti profili personalizzabili: lavoro, casa e disattivo; ognuno dei tre profili sarà personalizzabile nelle impostazioni, nel nome e nel colore principale e sarà possibile aggiungerne di nuovi fino ad un massimo di 6. Per il profilo disattivo non c’è un gran bisogno di spiegazioni, semplicemente i blocchi preventivi delle app saranno completamente disattivati, con le modalità casa e lavoro sarà possibile differenziare le app bloccate, penso ad esempio il blocco dei social in ufficio per evitare che curiosi colleghi si interessino troppo alla nostra vita privata o per quando siamo a casa dove vogliamo bloccare l’accesso a mail di lavoro ai nostri amici e familiari che potrebbero smanettare con il nostro smartphone; lo swype fra i due profili risulterà semplice ed immediato.

Il cambio di profilo con WiFi

La chicca finale è la possibilità di impostare l’attivazione automatica dei profili in base alle connessioni Wifi, sarà quindi possibile impostare il cambio automatico di profilo e farlo passare autonomamente in modalità casa o lavoro semplicemente collegando l’app alla propria connessione wireless. Grazie a questa funzione non sarà più necessario switchare fra un profilo e l’altro in base al luogo in cui ci troviamo grazie all’esecuzione totalmente automatica.

Hexlock: conclusioni

Ho provato Hexlock per qualche giorno, in sostituzione ad un’app che utilizzavo precedentemente, e devo dire che ne sono rimasto piacevolmente colpito, oltre ad un’interfaccia grafica semplice e meravigliosa, l’app si comporta sempre in maniera perfetta e la possibilità di effettuare lo switch fra i diversi profili la rende unica nel suo genere differenziandola da tutte le altre applicazioni disponibili per Android che svolgono funzioni simili. In breve? Hexlock promossa a pieni voti e consigliata a tutti coloro che cercando un’app gratuita che consenta di bloccare l’apertura di applicazioni tramite PIN, codice di sblocco o impronte digitali.

Hexlock è disponibili gratuitamente per Android e potete scaricarla seguendo il link:

Badge-Google-Play-Store-Italiano