GuidePCWindows

Cosa fare quando il computer non si avvia

computer non si avvia

Ti siedi al computer, premi il pulsante di accensione come fai tutti i giorni ma questa volta non succede nulla e il dispositivo non parte. A questo punto ti starai chiedendo come mai il computer non si avvia? Ma soprattutto vorrai sapere cosa puoi fare per risolvere la situazione. Le soluzioni che puoi adottare per cercare di risolvere questo problema sono molteplici.

Se ti trovi anche tu nella situazione in cui il computer non si accende, si accende ma si spegne subito o trovi davanti di te una schermata blu, ecco alcuni passaggi che potresti seguire per risolvere la situazione.

computer non si avvia

Controlla l’alimentazione

Se il computer non si accende affatto, non senti nessuna ventola in funzione, non vedi nessuna spia accendersi o lampeggiare e non viene visualizzato nulla sullo schermo, probabilmente hai un problema di alimentazione. In questo caso il consiglio è quello di collegare il PC direttamente ad una presa a muro che sai funzionare (senza utilizzare una ciabatta).

Se stai utilizzando un laptop assicurati che il caricabatteria sia collegato correttamente e alla porta giusta: se si carica tramite USB-C, solo alcune delle porte USB potrebbero effettivamente fornire alimentazione al dispositivo. Un alimentatore difettoso può spesso causare problemi di avvio. Per verificare questo ti consigliamo di chiedere ad un amico o ad un collega di prestarti il suo caricabatteria e di verificare se con quello il dispositivo si accende.

Controlla il funzionamento del monitor

Se il computer sembra accendersi ma non vedi nulla sullo schermo, il computer potrebbe avviarsi ma il monitor potrebbe non funzionare bene. Verifica che il monitor sia ben collegato, acceso e impostato sull’ingresso corretto. Dovrai anche assicurarti che il cavo che collega il monitor al PC non sia allentato, danneggiato o difettoso. Per verificare questo prova a collegare il monitor ad un altro computer, nel caso il display si accenda allora potrebbe essere il cavo a dover essere sostituito.

Se stai usando un laptop, potrebbe sembrare sciocco, ma assicurati che la luminosità sia alzata. Molte persone si sono fatte prendere dal panico perché vedevano il loro monitor completamente nero per poi scoprire che avevano abbassato al minimo la luminosità. Se queste soluzioni non aiutano, prova a collegare il tuo PC a un altro monitor, o anche a una TV, e vedi se il dispositivo funziona correttamente. In caso affermativo, il monitor potrebbe essere rotto o danneggiato. In questo caso il consiglio è quello di acquistarne uno nuovo .

Ascolta i segnali acustici

Quando il computer si avvia potrebbe emettere un segnale acustico, solitamente un singolo segnale acustico significa che tutto è OK. Ma se il computer ha problemi ad avviarsi, potrebbe emettere una serie di segnali acustici (un po’ come il codice Morse) che ti dicono che c’è qualcosa che non va. Controlla il manuale del tuo PC (o la scheda madre del PC, se l’hai costruita tu stesso) e scopri cosa significano quei segnali acustici. Se non hai il manuale, probabilmente potrai cercare queste informazioni direttamente sul sito del produttore.

Scollega i dispositivi USB non necessari

Se il PC non si accende prima di disperare, scollega tutto ciò che è superfluo: webcam, dischi rigidi esterni, cuffie USB. Prova ad avviare il PC solo con una tastiera e un mouse (o anche senza di queste) per vedere se uno dei tuoi dispositivi USB sta causando un conflitto.

pc non si avvia -usb

In alcune circostanze potrebbe non essere nemmeno il dispositivo stesso, ma la porta USB sul tuo computer a causare problemi. Ad alcuni utenti è accaduto che il loro PC non riusciva ad accedere a Windows se un dispositivo era collegato alla porta USB anteriore. È stato sufficiente scollegare il dispositivo USB, avviare il dispositivo e una volta acceso collegare nuovamente gli accessori alle porte USB.

Verifica la posizione dei componenti interni

Se il computer non si avvia normalmente potrebbe esserci un problema interno. Soprattutto se hai spostato il dispositivo di recente, è possibile che un componente interno del tuo computer si sia mosso. Se hai le conoscenze tecniche per aprire un computer, puoi verificare che i componenti siano ancora posizionati nel posto esatto. Una volta rimosso il pannello avrai sotto i tuoi occhi la RAM, la scheda grafica, i cavi della scheda madre e il dissipatore della CPU. Il consiglio è quello di rimuovere con calma tutti questi componenti e poi riposizionarli al loro posto e ricollegarli.

Verifica il BIOS

POST è l’acronimo di Power on Self Test, ovvero Autotest di accensione, e corrisponde ad una serie di processi che un computer esegue dopo l’accensione o il riavvio. Se il tuo computer si accende, compare la schermata POST ma Windows non si avvia, significa che alcune impostazioni potrebbero causare un conflitto. In questo caso, potrebbe comparire un messaggio d’errore che indica che il tuo computer non riesce a trovare un sistema operativo da avviare. Questo potrebbe significare che il tuo BIOS è impostato per l’avvio dall’unità sbagliata o che le tue impostazioni di overclock stanno causando la schermata blu del computer.

Il BIOS (“basic input-output system”) è un software memorizzato su un chip di memoria flash che controlla il processo di avvio del PC. Oltre a gestire il processo di avvio, il BIOS offre anche un’interfaccia di configurazione di base per gestire i componenti hardware del PC. Quando viene visualizzata la schermata POST è possibile accedere al BIOS premendo il tasto CANC, o in alcuni laptop cliccando F2. (Molti PC, durante la fase di avvio, mostrano per breve tempo, sullo schermo quale tasto premere; in caso contrario, basta consultare il manuale.) Una volta entrato nel pannello di configurazione del BIOS, con i tasti su, giù, destra, sinistra puoi spostarti nel menù e navigare tra le diverse funzioni presenti. Tramite il BIOS puoi verificare che l’avvio sia impostato sul disco rigido corretto, che la tua RAM sia riconosciuta e che la tua CPU non si surriscaldi (se è superiore a 90 gradi nel BIOS, c’è sicuramente qualcosa che non va). Potresti anche disattivare la funzione di avvio rapido, nel caso in cui un recente aggiornamento di Windows vada in conflitto con il sistema operativo.

Se tramite queste funzioni non risolvi il problema, prova a riportare tutti i valori alle impostazioni standard del BIOS utilizzando l’opzione Load Optimized Defaults. Prima di tutto, però, ti consigliamo di scattare alcune foto delle impostazioni del BIOS in modo da poterle ripristinare se qualcosa non dovesse funzionare.

Scansione malware e virus

È possibile che tu abbia qualche brutto malware che impedisce l’avvio del tuo computer. Per verificare questo puoi utilizzare Hiren’s Boot CD che contiene una raccolta di tool di diagnostica del sistema. Ecco come fare. Scarica l’immagine ISO contenuta nell’archivio, poi masterizzala con programmi come ImgBurn o trasferiscila su una pendrive con Rufus. A questo punto è possibile riavviare il computer con inserito il supporto appena creato e accedere al menu di avvio (premendo i tasti F11 o F12).

Dal menù di avvio scegli la tua unità USB. Da lì, puoi accedere a  Utilità > Sicurezza ed eseguire una scansione antivirus con ESET oppure una scansione malware con Malwarebytes. Se uno dei due programmi trova qualcosa, ti avviserà e tenterà di risolverlo. Una volta fatto dovresti essere in grado di riutilizzare nuovamente il tuo PC.

Scan for Viruses

 

Avvia il PC in modalità provvisoria

Se all’avvio del PC ricevi una schermata blu, potrebbe essere il risultato di un’applicazione errata, di un problema con il driver o di altri errori legati all’hardware che causano difficoltà all’avvio. Se puoi, cerca su Google il codice di stop che appare e vedi se ti dà qualche informazione su cosa c’è che non va.

È probabile, tuttavia, che dovrai avviare la modalità provvisoria per risolvere il problema. Questo era un processo facile in Windows 7, perché tutto ciò che dovevi fare era premere F8 all’avvio, mentre è un po’ più complicato in Windows 10. Tuttavia di solito se interrompi il processo di avvio tre volte, ad esempio premendo il pulsante di ripristino mentre Windows tenta di avviarsi, sarai portato alla schermata Risoluzione problemi, dove puoi fare clic su Opzioni avanzate> Impostazioni di avvio e riavviare il computer. (Se non vedi l’opzione Impostazioni di avvio, potresti dover fare clic su Visualizza altre opzioni di ripristino nella parte inferiore.)

A questo punto dovrai scegliere se riavviarlo in modalità provvisoria “semplice”, in modalità provvisoria con rete o in modalità provvisoria con prompt dei comandi. Puoi provare uno di questi, anche se la modalità provvisoria “semplice” è probabilmente la soluzione migliore, a meno che tu non abbia bisogno di accedere a Internet (nel qual caso, scegli la modalità provvisoria con rete). Questo caricherà Windows con solo i driver e i servizi più importanti in esecuzione. Se hai installato un nuovo hardware di recente, prova a disinstallare i relativi driver dalla modalità provvisoria. Se pensi che la colpa possa essere di una nuova applicazione, prova a eliminarla.

Blue Screen View è un’applicazione progettata per visualizzare le informazioni contenute nei file che Windows crea dopo un episodio di schermata blu e permette anche di visualizzare un elenco dei driver implicati nell’errore. Potresti anche provare a eseguire Ripristino configurazione di sistema per provare a riportare il tuo PC all’ultima configurazione funzionante nota. Una volta fatto questo, puoi riavviare normalmente il PC per vedere se ha risolto il problema.

Ripristina un aggiornamento di Windows

Se hai installato di recente un aggiornamento di Windows, o pensi che Windows possa averlo fatto in background senza che tu te ne sia accorto, questo potrebbe aver causato un conflitto che ha reso il tuo computer inutilizzabile. È fastidioso, ma per fortuna Windows offre la possibilità di tornare alla versione precedente.

Utilizzando le istruzioni che ti abbiamo spiegato sopra, torna al menu Risoluzione dei problemi> Opzioni avanzate quindi scegli Disinstalla aggiornamenti. Prova a disinstallare l’ultimo aggiornamento di qualità oppure, se di recente hai tentato di eseguire l’aggiornamento a una nuova versione principale di Windows 10, disinstalla l’ultimo aggiornamento delle funzionalità.

Controlla il tuo disco rigido

È possibile che alcuni dati sull’unità siano danneggiati, impedendo a Windows di avviarsi correttamente. Per fortuna, Microsoft ha alcuni strumenti che possono tentare di risolvere il problema. Vai sempre al menu Risoluzione problemi> Opzioni avanzate come descritto sopra e scegli il prompt dei comandi.

Digita: sfc / scannow  e premi Invio. Windows controllerà l’unità per la corruzione e tenterà di riparare eventuali problemi. Puoi anche provare il comando chkdsk C: /r , che eseguirà una ricerca più ampia per la corruzione dei file e i settori danneggiati. (Se disponi di più unità, potresti dover eseguire “wmic logicaldisk” ottenere volumename,name  e sostituire la lettera dell’unità con quella corretta dall’elenco risultante.)

Controlla il bootloader

A volte l’installazione di Windows non dà problemi ma il bootloader, ovvero i dati che regolano il processo di avvio di Windows, potrebbe essere danneggiato. Questo può accadere se cloni il tuo disco rigido in modo improprio. In questo caso puoi riprovare il processo di clonazione, assicurandoti di clonare l’intero disco, non solo la partizione in cui risiede Windows.

Se disponi di un buon backup, puoi provare a riparare il bootloader utilizzando gli strumenti integrati di Windows andando sempre su Risoluzione dei problemi> Opzioni avanzate come descritto sopra e poi cliccando su Ripristino all’avvio. Prima di eseguire questi passaggi è sempre meglio eseguire il backup dei file, poiché fare confusione con le partizioni può comportare una perdita di dati. Puoi anche eseguire il prompt dei comandi da questo menu e provare a eseguire uno dei seguenti comandi:

  • bootrec /fixmbr
  • bootrec /fixboot
  • bootrec /rebuildbcd

Se ciò non funziona, la riparazione del bootloader potrebbe essere più complicata a causa dei nuovi bootloader EFI, ma potrebbe essere più semplice e veloce reinstallare Windows da zero e ripristinare dal backup.

Prova l’unità in un altro PC

Se tutti i suggerimenti che ti abbiamo offerto fino ad ora falliscono e non disponi di un backup, ti consigliamo di estrarre il disco rigido dal computer, collegarlo prima a un adattatore USB (oppure ad un dock) e poi a un altro PC funzionante. Finché l’unità funziona ancora, sarai almeno in grado di copiare i tuoi file su un’unità esterna prima di reinstallare Windows o di inviare il PC in un centro riparazioni.


Fonte Pc Mag

Potrebbero interessarti
PCRecensioni

Recensione sedia da gaming Trust GXT 707 Resto

PCWindows

Windows 11 è più sicuro di Windows 10: ecco perché

PCWindows

Come cambiare il browser predefinito su Windows 11

PC

Acer presenta i nuovi Chromebook: dettagli e prezzi dei quattro modelli