AndroidGuide

Come utilizzare la modalità Non disturbare su Android

Modalità non disturbare

In un mondo in cui viviamo perennemente a stretto contatto con il nostro smartphone la modalità Non disturbare su Android, così come su qualunque altra piattaforma, ci permette di prendere fiato quando stiamo riposando o nel nostro tempo libero.

Il perenne bombardamento di messaggi, e-mail  e quant’altro, infatti, può essere temporaneamente annullato grazie a un’apposita funzione sui telefonini che non tutti utilizzano. In questo articolo, ci concentreremo proprio sulla modalità Non disturbare e su come funziona in ambiente Android.

Che cos’è e come funziona la modalità Non disturbare su Android

Quando si parla di modalità Non disturbare, si fa riferimento a una funzione che permette di “zittire” il tuo smartphone. Nello specifico, attraverso questa è possibile selezionare quali notifiche ricevere (con tanto di avviso sonoro e/o vibrazione) e quali ignorare. Ovviamente, questa soluzione si rivela particolarmente utile per esempio se sei a pranzo, se stai facendo un pisolino o ancora se stai prendendo parte a una riunione importante e non vorresti avere distrazioni.

La modalità Non disturbare su Android è cambiata molto con il susseguirsi delle versioni del sistema operativo. A partire da Android 6.0 questa funzione ha subito una serie di piccole ma significativi cambiamenti.

Per attivare questa modalità, oggi, è semplicemente possibile scorrere verso il basso sullo schermo del telefono per visualizzare il centro di controllo ad accesso rapido. Se non trovi il pulsante Non disturbare nelle prime sei opzioni, scorri di nuovo verso il basso per espandere il menu.

Se ancora non lo vedi, potrebbe essere sulla seconda pagina delle opzioni di menu. Tieni a mente che il pulsante Non disturbare apparirà come un cerchio con una linea orizzontale al centro.

Nota bene: puoi anche accedere alla modalità Non disturbare direttamente dalle impostazioni del tuo telefono Android. Dal menu Impostazioni, tocca Notifiche, quindi Non disturbare.

Se non hai configurato le impostazioni per la modalità Non disturbare, dovresti dare un’occhiata a queste per poter personalizzare a tuo piacimento questa funzione così utile. Nelle prossime righe, ti spiegheremo proprio come intervenire in questo senso.

Cosa ti permette di fare la modalità Non disturbare?

Questa particolare funzione offre una serie di opzioni che la rendono particolarmente adattabile a qualunque tipologia di utente. Di seguito ti elenchiamo le tante possibilità che Android è in grado di offrirti in tal senso.

Il modo più semplice per accedere alle impostazioni della modalità Non disturbare è toccare e tenere premuta l’icona Non disturbare nel centro di controllo ad accesso rapido.

Qui è possibile agire in maniera chirurgica, per esempio sfruttando un piano di sonno programmato. In questo modo è possibile pianificare dei determinati orari in cui si va a rendere silenzioso lo smartphone (solitamente corrispondente alle ore notturne, quando può venire utile anche la Dark Mode per Android). Ovviamente però, il lasso di tempo in cui lo smartphone viene “mutato” è personalizzabile e adattabile a qualunque tipo di contesto.

Imposta una durata specifica per la modalità Non disturbare e scegli quali notifiche ricevere

Oltre agli orari fissi con cui si può impostare questa funzione, è possibile agire anche per una durata predefinita. Questa può essere utilizzata, per esempio, occasionalmente per riunioni, serate al cinema, cene o eventi simili. Risulta dunque possibile impostare un numero di ore preciso oppure far in modo che la modalità silenziosa si spenga solo attraverso un tuo preciso comando.

Per quanto concerne la scelta delle notifiche, se vuoi comunque accettarne qualcuna, puoi personalizzare lo smartphone in maniera estremamente precisa. Se è vero che le notifiche di importanza vitale per il telefono non possono essere disattivate del tutto, hai comunque grande libertà d’azione in questo senso.

Per esempio puoi:

  • disattivare le notifiche a pieno schermo;
  • disabilitare la segnalazione attraverso l’indicatore LED;
  • nascondere le badges delle applicazioni;
  • disabilitare la lista delle notifiche;
  • mettere in pausa eventuali pop-up;
  • nascondere la barra di stato.

Ciò permette di ottenere delle combinazioni più o meno restrittive, che si adattano a qualunque tua necessità.

google android 11

Impostare delle eccezioni alle regole

Ovviamente, tutto quello che hai impostato finora, può essere ulteriormente personalizzato. La modalità Non disturbare su Android infatti, è soggetta a delle ulteriori eccezioni.

Per esempio, potresti voler ricevere le notifiche solamente da messaggi, chiamate o quant’altro proveniente da uno specifico contatto.

Quando tocchi Chiamate da, Android ti dà la possibilità di consentire le chiamate da tutti, solo i tuoi contatti o solo da alcuni contatti specifici. Discorso simile quando tocchi la voce “Messaggi da“, visto che ti vengono offerte le stesse opzioni. In questo modo puoi essere sempre e comunque reperibile da tua madre, tuo padre o dai tuoi figli, anche se stai utilizzando la modalità silenziosa.

Allo stesso modo, è possibile accettare le notifiche da parte di chiamate ripetute. In tal senso potrai ricevere notifiche di una chiamata se un numero ti chiama più di una volta in 15 minuti. Questa caratteristica rende il tuo smartphone pienamente funzionante in caso di particolari emergenze.

Lo smartphone viene inoltre zittito (o meno) anche per quanto riguarda calendari, promemoria, sveglie e qualunque altro tipo di funzione. Anche in questi casi, Android permette una personalizzazione accurata di cosa rendere comunque attivo o meno.

Non perderti le nostre guide e recensioni, seguici su Telegram: t.me/OutOfBitit

Fonte Android Authority

banner telegram - canale offerte

Bio autore

Articolista, scrittore, copywriter, newser e SEO con la passione per sport, informatica e tecnologia. Ho la fortuna di vivere lavorando a tempo pieno su quelle sulle mie passioni.
    Potrebbero interessarti
    AndroidNewsSmartphone

    Samsung Galaxy S21, ufficiali i nuovi top di gamma. Tutte le caratteristiche (e i prezzi) dei tre modelli

    AndroidNewsSmartphone

    Samsung Galaxy S21, è il grande giorno: Evan Blass conferma quasi tutte le specifiche dei tre nuovi telefoni

    AndroidNewsSmartphone

    Samsung ha realizzato due nuovi caricabatterie wireless. Li vedremo già domani con i Galaxy S21?

    AndroidNewsSmartphone

    Samsung, è il giorno di Exynos 2100. Il nuovo processore alimenterà i Galaxy S21