Come prevenire la perdita dell'account Gmail

gmail
Seguici su Google News

Perdere l'accesso al tuo account Google/Gmail può essere un'esperienza molto negativa. Dimenticarsi la password può voler dire non accedere a questo servizio per diversi giorni, anche settimane. Se utilizzi queste piattaforme per lavorare, è inutile sottolineare quanto tutto ciò sia frustrante.

Google fornisce diversi metodi per recuperare l'accesso, alcune specifiche per chi ha dimenticato la password e altre utili quando la casella di posta è stata bloccata a causa di una violazione. Non esiste una tecnica fissa e, a seconda del caso, dovrai darti da fare per riottenere l'accesso.

Andiamo dunque ad approfondire questi metodi per recuperare l'account Gmail.

Gmail

Fai regolarmente un backup del tuo account

Come diceva una nota pubblicità "prevenire è meglio che curare". Anche in questo caso, si rivela un consiglio prezioso.

Se esegui regolarmente backup, qualora dovessi perdere l'accesso a Gmail, sarà di sicuro meno difficile recuperare la situazione. Google, dal canto suo, fornisce un mezzo per scaricare una copia dei tuoi dati. Si tratta di uno strumento poco noto ai più ma molto utile, ovvero Takeout.

Attraverso questo tool, puoi scaricare tutti i dati da tutte le tue app Google, o solo da alcune di esse, come ad esempio Gmail.

I formati dei download variano a seconda del tipo di dati. I messaggi nella tua casella email verranno scaricati nel formato MBOX, che può essere quindi caricato in un altro account Gmail o nella maggior parte degli altri servizi di posta elettronica o app.

Anche se ciò, a livello pratico, non ti aiuta a recuperare l'account, puoi comunque avere sempre a portata di mano una mail importante o il contatto di un tuo cliente/collega di lavoro.

Usa un gestore di password

Sempre in ottica prevenzione, un buon gestore di password può evitare la perdita dell'account dovuta a dimenticanza della password, uno dei principali motivi per cui non si riesce ad accedere a Gmail (e non solo).

Nota bene: non stiamo parlando di Google Password Manager che, nonostante svolga bene il suo lavoro, non è sufficiente a livello di sicurezza. Esistono infatti diversi software (gratuiti e a pagamento) che offrono funzioni avanzate per evitare di perdere una password.

Tieni nota delle tue vecchie password

Uno dei modi in cui Google verifica la tua identità se perdi la password è chiederti di digitare la parola d'accesso precedente. Se è passato un po' di tempo da quando hai cambiato la tua password (presumendo che tu l'abbia mai cambiata) potrebbe essere molto difficile ricordare quella vecchia.

Sebbene non sia una cattiva idea cambiare regolarmente la parola d'accesso, non lo è neanche tenere nota di quella precedente. In tal senso puoi utilizzare un software di gestione password (come già detto). Sotto questo punto di vista è possibile creare una copia della voce "password Gmail" per mantenere in memoria la vecchia versione.

Un'alternativa è utilizzare un documento crittografato per salvare la vecchia password. L'ultima alternativa è la cara e vecchia carta. Puoi tenere in casa un taccuino per tenere su carta la lista delle tue password, senza il rischio che nessun hacker possa accedervi.

Sul mercato esistono rubriche appositamente ideate per facilitare questo compito, garantendo un certo livello di sicurezza.

Verifica quali informazioni di recupero sono disponibili

È una buona idea fornire a Google in anticipo tutte le informazioni di recupero che puoi utilizzare, in modo che se avessi bisogno di verificare la tua identità, hai alcune scelte. In tal senso:

  • vai alla pagina del tuo account Google;
  • quindi fai clic su Sicurezza nella colonna di sinistra;
  • scorri verso il basso fino a Modi per verificare la tua identità;
  • qui vedrai se hai registrato un numero di telefono di recupero o un'email di recupero.

Nota bene: se in passato hai inserito una risposta a una domanda di sicurezza, la vedrai anche nell'elenco. Tuttavia, se fai clic su di essa, riceverai un avviso che ti informa che Google non supporta più questa modalità di verifica).

Se non hai compilato nessuno di questi, potrebbe essere una buona idea compilarne almeno uno per rendere potenzialmente più facile recuperare l'account Gmail in caso di problemi.

Come pulire e gestire la tua posta in arrivo di Gmail

Imposta una mail di recupero

Il tuo account e-mail di recupero può essere sia un altro account Gmail sia un profilo di qualunque altro provider di posta elettronica (non per forza tuo, ma anche di un familiare/amico fidato).

  • Vai alla sezione Modi in cui possiamo verificare la tua identità;
  • Fai clic su E-mail di recupero;
  • Digita l'indirizzo email di recupero scelto e fai clic su Verifica.

Google invierà un codice di verifica a sei cifre all'indirizzo email che hai inserito. Vai sulla tua email, copia il codice e torna alla pagina di ripristino per inserire il codice. Nota bene: il codice ha 24 ore di validità.

Se tutto è andato come dovrebbe, dovresti visualizzare un piccolo pop-up che indica che la tua email di recupero è stata verificata.

Imposta un numero di telefono di recupero

Può essere buona abitudine associare anche un numero di telefono alla possibilità di recuperare l'accesso a Gmail e all'account Google. In tal senso:

  • Vai alla sezione Modi in cui possiamo verificare la tua identità;
  • Fai clic su E-mail di recupero;
  • Clicca su Aggiungi telefono di ripristino e inserisci il numero di telefono nella casella pop-up che appare.

Google ti invierà un codice di verifica a quel numero di telefono. Inseriscilo nella casella pop-up.

Cerca di ricordare quando hai perso l'account

Se tutto il resto fallisce, Google potrebbe chiederti approssimativamente quando hai creato l'account. A meno di non avere una memoria di ferro o qualche dato concreto, questo tipo di informazione è molto difficile da fornire anche se attualmente hai accesso alla casella di posta.

In ogni caso, se non hai fatto pulizia delle vecchie mail, puoi andare ad individuare la mail più vecchia presente su Gmail. In tal senso segui questa procedura:

  • Nel tuo account Gmail, vai al menu a sinistra, trova Tutti i messaggi e clicca su tale voce;
  • Cerca nell'angolo in alto a destra il numero di email (l'informazione dovrebbe includere numero di pagine e mail totali);
  • Fai clic su di esso e seleziona la voce Più vecchio.

Per una volta, sarai premiato se non sei stato efficiente: non avendo cancellato nessun tipo di email ricevuta, dovresti individuare il messaggio più vecchio, che è strettamente  legato all'account in quanto si tratta della classica mail di benvenuto.

gmail google down

Recupera la tua password

Cosa fare se, di fatto, hai già perso la password e non puoi adottare una delle strategie citate in precedenza? Niente panico: il primo step consiste nell’andare sulla pagina di ripristino di Google e iniziare a rispondere alle domande che ti vengono poste.

Le opzioni, a dirla tutta, non sono molte. Generalmente, prima viene richiesta l'ultima password conosciuta, poi una verifica tramite mail alternativa, poi un codice di verifica inviato via sms. Come già detto, le domande di sicurezza non sono più utilizzate da Google per operazioni di recupero password.

Se non si ha a disposizione nessun dato, Google invita semplicemente l'utente a riprovare, senza fornire nessuno strumento ulteriore. Puoi anche provare ad andare alla pagina Impossibile accedere al tuo account Google e selezionare una o più delle possibilità di recupero previste.

Conclusioni

Senza le dovute precauzioni la perdita definitiva di un account Gmail è piuttosto concreta. Per tutelarti, assicurati di avere il maggior numero possibile di modi per ripristinare il tuo profilo Gmail/Google e non dimenticare di eseguire il backup di tutto,. In caso contrario, non ti resterà che creare un nuovo account da zero qualora riscontrassi problemi di accesso.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2021 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram