EditorialeGuide

Come migliorare la precisione del contapassi in 5 mosse

migliorare precisione contapassi in 5 mosse

La popolarità dei fitness tracker, secondo me, è dovuta soprattutto alla loro funzionalità di contapassi: nell’arco della giornata riusciamo a monitorare la quantità di attività fisica compiuta, ponendo rimedio qualora avessimo passato troppo tempo seduti sulla scrivania.

E’ bene ricordare, però, che fitness band/tracker e smartwatch non forniscono informazioni esatte sul numero di passi compiuto, visto che per loro natura tendono a sottostimare o sovrastimare i chilometri e i metri percorsi a piedi. Per quale motivo? Gli accessori che tecnologici che tendono a sovrastimare i passi basano il conteggio su lievi variazioni di velocità rilevate dall’accelerometro: per questo motivo il semplice lavarsi i denti potrebbe essere visto come una piccola passeggiata, visto che la mano continua a muoversi.

Gli altri fitness tracker soffrono del problema opposto per via delle soluzioni adottate per non sovrastimare i passi. In questo caso la strategia più frequente è quella di iniziare a contare gli step solamente quando sono stati compiuti almeno X passi. Cosa significa? Se ti muovi molto all’interno di una stanza non vedrai riconosciuta quest’attività.

Un altro motivo per cui il contapassi dei fitness trackers riguarda la quantità di dati raccolta dai sensori. Gli accelerometri e i giroscopi sono sensori molto complessi, in grado di raccogliere molti dati ogni secondo. I chip presenti nei vari dispositivi non sono molto performanti, pertanto è impensabile che analizzino e interpretino nel dettaglio ogni informazione: l’unica strategia possibile è approssimare e filtrare i dati, con l’inevitabile introduzione di errori.

E’ impossibile aumentare la precisione dei contapassi?

Nonostante tutti questi ostacoli si possono fare alcune operazioni per migliorare la rilevazioni dei passi effettivamente compiuti in una giornata. E’ vero, non si avrà mai un risultato corretto al 100% ma si può migliorare di molto la precisione! Scopriamo come farlo nei prossimi paragrafi.

migliorare precisione contapassi in 5 mosse

Come migliorare la precisione dei passi rilevati dai fitness tracker

Leggi il manuale d’utilizzo

Al giorno d’oggi i manuali sono sempre più obsoleti per via della nostra dimestichezza con la tecnologia. Nel caso dei fitness tracker e degli smartwatch, però, conviene leggerli attentamente.

Ogni produttore infatti mostra le corrette di modalità di utilizzo e le strategie da adottare in caso di problemi. Il nostro consiglio è pertanto quello di spendere 5 minuti per leggere le sezioni di configurazione e FAQ dei manuali, visto che ti aiuteranno ad usare al meglio il prodotto. Attenendosi a un corretto utilizzo siamo sicuri che questi accessori intelligenti compieranno molti meno errori nella rilevazione delle tue attività fisiche.

Indossa il fitness tracker o lo smartwatch sulla mano non dominante

Sei mancino? Indossa il fitness tracker o smartwatch sulla mano destra. Sei destro? Fai l’opposto.

Se hai utilizzato fino a qualche anno fa gli orologi da polso molto probabilmente già seguirai questo consiglio. Come ben saprai indossare un accessorio pesante sulla mano più utilizzata è parecchio fastidioso, visto che impaccia i movimenti e aumenta il rischio di urti accidentali.

Per quale motivo dovresti seguire questo consiglio? Così facendo vai a ridurre il numero di attività che vengo registrate dal contapassi: bevi dal bicchiere usando la tua mano dominante e lo stesso vale (quasi sicuramente) per lavarsi i denti, grattarsi e scrivere tanto per citare attività comuni. Eliminare la rilevazione di queste attività significa che la maggioranza dei movimenti rilevati corrisponderà al camminare, per via dell’oscillazione delle braccia mentre ti muovi da un punto all’altro.

Non è una soluzione molto tecnologica ed avanzata ma ti assicuro che è molto efficace!

Indossa correttamente il dispositivo

Molte volte la rilevazione non corretta dei passi dipende da un allacciamento non corretto del dispositivo. Devi assicurarti che lo smartwatch e/o il tuo fitness tracker sia fermamente stretto al polso: il dispositivo non deve spostarsi a ogni minimo movimento, altrimenti la rilevazione dei passi sarà non accurata.

Come assicurarsi che il tracker sia stretto correttamente? Prova alcune volte, in contesti diversi, la funziona di rilevamento dei battiti cardiaci: un dispositivo ben stretto rileverà sempre, in maniera abbastanza corretta, le pulsazioni.

Disattiva la modalità di risparmio energetico: può impattare il contapassi!

La modalità di risparmio energetico permette di allungare enormemente la batteria dei nostri smartphone, disattivando molte funzionalità.

Il suo utilizzo, però, può impattare il corretto funzionamento del braccialetto intelligente, sottostimando i passi: ne ho avuta testimonianza diretta con il Mi Band 2, che su un totale di circa 20 mila passi ne ha rilevati quasi 4 mila in meno a causa della modalità risparmio energetico.

Registra le attività che vengono erroneamente rilevate dal contapassi

registrare dati fitness tracker per comprendere errori

Se hai parecchia pazienza e sei una persona analitica l’ultima strategia per migliorare la precisione del contapassi consiste in un attento monitoraggio del suo funzionamento.

Per prima cosa dovrai comprendere quali sono le attività che vengono travisate per camminate. In alcuni modelli potrebbe essere l’uso di strumenti musicali, in altri il salto della corda o la pulizia dei denti. Una volta individuate potrai fare due cose:

  • Non indossare il fitness tracker durante queste attività.  E’ di sicuro la soluzione più scomoda ma risolve il problema alla base
  • Segnarsi o tenere a mente il numero di passi conteggiati erroneamente. Questa soluzione, invece, è quella che richiede più “ingegno”/sforzo mentale e potrebbe appassionarti.
    Per alcuni giorni prova a tener traccia dei passi rilevati erroneamente e segnali su un foglio, di fianco a quelli registrati dallo smartwatch o fitness tracker. Una volta ottenuti i dati di diversi giorni ( più sono meglio è) calcola la percentuale di errore, dividendo il numero di falsi passi per il numero di passi totali, moltiplicando questo numero per 100. Facciamo un esempio per chiarezza: se oggi ho compiuto 15 000 passi e 500 di questi sono falsi, vuol dire che il tasso di errore è pari al 3,3 % dei passi è sbagliato( 500 / 15 000 * 100= 3,3%). Detto in altre parole, avrò compiuto 1000 passi soltanto se il contapassi ne conteggerà 1033 circa.

Conclusioni

Da possessore di un fitness tracker queste sono le 5 soluzioni che mi hanno aiutato a migliorare, di molto, la precisione del contapassi. La precisione assoluta è impossibile, però ad oggi posso fidarmi dei risultati raccolti da questo comodo accessorio.

Questi consigli ti sono stati d’aiuto? Conosci altri validi trucchetti per migliorare la precisione di fitness tracker e smartwatch? Faccelo sapere tramite i commenti!

Bio autore

Studente al 2° anno della Laurea Magistrale in Data Science presso Milano Bicocca, cofondatore e amministratore di OutOfBit e CasaHiTech. Spendo il mio tempo libero tra PC e motori.
Potrebbero interessarti
ConfrontiConsigli per gli acquistiEditoriale

Migliori tastierini numerici per PC e guida all’acquisto

Consigli per gli acquistiEditoriale

Le migliori stampanti professionali

Editoriale

Costo iPhone 11: quando comprarlo per risparmiare

Consigli per gli acquistiEditoriale

Le migliori stampanti per l'ufficio