Gli smartphone sono oramai diventati dei veri e propri compagni: li portiamo ovunque e conserviamo nel loro storage diversi giga di dati. Non di rado, gli utenti sono costretti a cambiare dispositivo, perché quello attuale è stato danneggiato o per inseguire l’evoluzione tecnologica. In questa guida scopriremo come effettuare il backup del tuo iPhone, evitando di perdere i dati con il cambio del device.

Apple offre la possibilità di effettuare un backup in iCloud, senza che i file superino i 5 GB. Questo significa che saresti costretto a dover abbandonare non pochi file, contatti, media etc.

Esistono, però, anche dei metodi alternativi, grazie alla quale potrai mantenere una quantità senz’altro maggiore di file.

Utilizzando iCloud e iTunes

Partiamo con i due metodi, che sfruttano iCloud e iTunes, ideati direttamente dall’azienda di Cupertino.

iCloud

Presentato nel 2011, iCloud è una collezione di servizi basati sul cloud computing. Esso permette di conservare i propri file in un cloud, risparmiando quindi spazio nel proprio iPhone. Apple offre gratuitamente 5 GB e permette ai consumatori di acquistare un abbonamento, ottenendo spazio aggiuntivo. Se vuoi, puoi effettuare il backup su iCloud, che rappresenta il metodo più veloce e semplice. L’aspetto più interessante è che potrai portare il tuo backup sempre con te e sarai sicuro che i file non saranno cancellati.

Per effettuare il backup del tuo iPhone tramite iCloud, dovrai:

  • Accendere il tuo iPhone e collegarlo a una rete Wi-Fi;
  • Andare in “Impostazioni” e cliccare sul tuo nome;
impostazioni apple
Le impostazioni del tuo iPhone. Dovrai scegliere il primo risultato, in cui puoi vedere il tuo nome e la foto da te scelta.
  • Effettua un click su “iCloud”, per accedere alla specifica pagina;
  • Scegli “Backup iCloud” e attiva l’interruttore “Backup iCloud” (il colore verde ti farà capire che è già attivo), per caricare diversi backup a distanza costante.
backup iphone
La schermata in cui potrai eseguire un backup con iCloud o ripristinare il tuo device.

iTunes

Puoi scegliere di affidarti a metodi “tradizionali”, invece di optare per il cloud: anche con iTunes potrai effettuare il backup. Esso sarà salvato nel tuo computer e, di conseguenza, dovrai prestare molta attenzione a non danneggiarlo, per evitare di perdere tutto. Potrai anche crittografare e salvare, in piena sicurezza, le password. Per effettuare questa procedura, avrei bisogno di un iPhone e di un computer.

  • Aggiorna iTunes nel tuo computer, stando attento che sia l’ultima versione disponibile;
  • Apri il software, collega lo smartphone al computer, acconsenti e, solo se richiesta, inserisci la password;
  • Seleziona, non appena sarà disponibile, il tuo iPhone dalla lista apparsa in iTunes;
  • Dal menù posto a sinistra, scegli la voce “Riepilogo”;
Riepilogo iTunes
La schermata “Riepilogo” di iTunes.
  • Scendi, fino a raggiungere l’area “Backup”;
  • Inserisci la spunta nella voce “Questo computer” e clicca su “Fine”, per completare la procedura.
Riepilogo iTunes
In questo screenshot puoi vedere bene la dicitura che apparirà nella schermata dopo che avrai effettuato anche un solo backup.

Archiviazione in rete

iCloud è più costoso rispetto agli altri servizi cloud, che offrono anche offerte speciali. Puoi, quindi, decidere di effettuare il backup del tuo iPhone con Google Drive, Dropbox, OneDrive, Cloud Drive o qualsiasi altra soluzione. Ti consigliamo, potendosi trattare di file molto delicati, di preferire sempre quelli citati, in particolar modo Google Drive. Essi, infatti, assicurano la massima sicurezza.

I servizi di cloud storage stanno diventando uno dei servizi fondamentali nella vita di tutti i giorni. Ecco quali sono i migliori del 2017.

A differenza della prima, questa procedura ti consentirà di accedere ai file ovunque tu sia, anche in device non Apple. L’unica richiesta è che vi sia una connessione a internet stabile. Purtroppo, però, non potrai salvare i messaggi, né quelli vocali né quelli di testo, i dati delle applicazioni, i progressi dei tuoi videogiochi e le impostazioni. Questi secondi dati possono però essere conservati in iCloud, seguendo la prima procedura, e seguire la seconda per le foto, i video e i documenti.

Molti di questi cloud offrono anche delle applicazioni secondarie che ti consentono di gestire i tuoi file. Un esempio, può essere la collezione di applicazioni Google, collegata direttamente al drive. Per varie ragioni, abbiamo deciso di approfondire proprio Google Drive.

g-suite
G-Suite: la applicazioni Google con cui potrai gestire tutti i tuoi file, dai documenti alle foto.

Utilizzo di Google Drive

Parlando di cloud, non si può evitare di fare anche un solo accenno a Google Drive. Per effettuare un backup manuale, dovrai:

Google Drive
Google Drive, lanciato il 24 aprile 2012.
  • Collegare lo smartphone a una rete Wi-Fi;
  • Apri App Store, cerca, grazie allo spazio dedicato, la dicitura “Google Drive”, clicca su “Ottieni” e attendi che l’app venga correttamente scaricata;
  • Apri l’applicazione appena scaricata ed effettua il login o crea un nuovo account Google (stai attento a memorizzare le tue credenziali);
  • Apri il menù, cliccando sulle tre linee orizzontali poste nella parte alta;
  • Effettua un click su “Backup”;
google drive backup
La voce dell’applicazione ufficiale di Google Drive grazie alla quale è possibile effettuare il backup.
  • Scegli, infine, “Avvia il backup”.

Attivando “Sincronizzazione dei contatti Google” sul tuo iPhone, potrai conservare anche tutti i tuoi contatti telefonici; il calendario del tuo iPhone (con eventi, compleanni etc.) verrà conservato su Google Calendario. Puoi anche decidere di immagazzinare nel cloud le tue conversazioni WhatsApp, per non perderle durante il cambio dello smartphone. Per farlo, puoi seguire la nostra guida “Come eseguire il backup di WhatsApp su Google Drive”.

Backup nel tuo computer

Un’altra possibilità, per effettuare un backup sicuro al 100%, è quello di conservare i dati nel tuo computer. Bisogna comunque sottolineare che un danno grave alla macchina, un virus o un errore umano potrebbero introdurre la parola “fine” a fianco al tuo backup. Se non ti interessa rischiare, potrai farlo in due modi:

  • Collegando il tuo iPhone al computer, accedendo ad iTunes e conservando tutti i media e documenti.
  • Effettuando il backup con Google Drive, come abbiamo visto nella seconda parte della guida, e conservando il file generato nel tuo PC. Non dovrai far altro che accedere con le tue credenziali Google (e-mail e password) al sito web http://drive.google.com.
La schermata di Google Cloud per PC da cui poter scaricare i backup disponibili nel nostro account.

Nessuno ti vieta di adottare entrambi i metodi: effettuare il backup sia sul cloud che sul tuo computer assicurerà una maggiore sicurezza.

LEAVE A REPLY

Lascia un commento
Inserisci il tuo nome