Dopo Android M, è il turno di Android Wear: il sistema operativo pensato appositamente per gli smartwatch, presentato al Google I/O 2014, riceverà un nuovo aggiornamento nelle prossime settimane.

Negli ultimi 12 mesi Google ha rilasciato ben 5 aggiornamenti: l’ultimo di questi, introdotto all’inizio di questo mese, è sicuramente il più corposo visto che ha introdotto le gestures con il polso, il supporto al Wi-Fi e la possibilità di attivare la funzione always-on. Il nuovo aggiornamento ad Android Wear prenderà spunto dal gesto di guardare l’ora: infatti Google promette che l’intero utilizzo dello smartwatch sarà naturale ed immediato come questo semplice gesto.

Android Wear si aggiorna e lancia la sfida ad Apple Watch

Una novità di questo aggiornamento è in realtà uno step successivo di funzionalità già presenti: always-on, ovvero lo schermo sempre acceso, verrà introdotto di default e non si limiterà unicamente alla visualizzazione dell’ora. Infatti anche gli sviluppatori che lo desidereranno potranno introdurre questa funzionalità nelle loro applicazioni: per quanto riguarda i consumi, l’azienda di Mountain View promette che la durata della batteria non verrà influenzata grazie a un importante lavoro di ottimizzazione del codice e alla visualizzazione delle informazioni sul dispositivo in bianco e nero quando è in stand-by.

Altre novità riguardano la possibilità di rispondere a messaggi o commenti disegnando le emoji con il nostro dito e il miglioramento del launcher.

Con Android Wear gli sviluppatori potranno sfruttare appieno i vari sensori presenti nello smartwatch: alcuni esempi sono app per il rilevamento del vostro swing mentre giocate a Golf oppure Shazam che potrà rilevare in automatico il titolo della canzone che state ascoltando.

Google vuole che l’utente finale possa scegliere tra moltissimi dispositivi Android Wear in modo da poter soddisfare al meglio le proprie esigenze: infatti entro la fine dell’anno molti più dispositivi ed accessori verranno presentati, aumentando esponenzialmente le possibilità di scelta.

Concludiamo questo articolo evidenziando come in un solo anno ben 4 mila app sono state scritte appositamente per Android Wear: questo significa che moltissimi sviluppatori hanno visto delle potenzialità in questa piattaforma e i tool a loro disposizione si sono dimostrati validi.

Fateci sapere cosa ne pensate di Android Wear e non dimenticatevi di seguirci sui social network!