I giochi nascosti di Google sono dei veri e propri easter egg!

Google è una multinazionale con il fatturato stellare, ma nonostante ciò ha sempre dimostrato di avere anche un certo senso dell’umorismo nonché una passione per gli easter egg.

Con questo termine informatico (in italiano uovo di pasqua) si vanno ad identificare alcuni contenuti simpatici e solitamente inutili che gli sviluppatori si divertono a nascondere di tanto in tanto nei loro lavori.

Come trovare 8 giochi “segreti” di cui pochi conoscono l’esistenza

Spesso questi easter egg sono ben nascosti e pochi ne conoscono la precisa ubicazione: è l’esempio degli 8 giochi nascosti di Google che ti mostrerò in questo articolo.

1- Solitario

Cominciamo con un grande classico: il solitario. Chi ha qualche anno di più, sa bene come questo gioco fosse il passatempo più comune (con il campo minato) delle prime versioni di Windows.

Basta digitare nella barra delle ricerche solitaire per vedere apparire il classico delle carte. Google lo presenta con due livelli di difficoltà e con carte griffate… cosa volete di più dalla vita?

2- Flight Simulator

Si, qualcuno nella sede di Google ha una passione smodata per i vecchi videogames. Esempio lampante con un’azzeccata fusione tra Google Earth e una sorta di copia del grande classico Flight Simulator.

L’applicazione risulta più elaborata del previsto, visto che consente di scegliere se pilotare un jet SR22 o F-16 e giocare addirittura usando un joystick. Se poi si attivano gli edifici 3D, l’effetto grafico è decisamente superbo.

Per accedere a Flight Simulator, devi scaricare e installare Google Earth sul tuo computer Windows, Mac o Linux, quindi dal menu del software, clicca su Strumenti e poi vai su Accedi a Flight Simulator in alto.

3- Smarty Pins

Diverso tempo fa esisteva una sorta di quiz geografico raggiungibile tramite Google Maps. Questo easter egg è stato eliminato dal servizio, ma è comunque stato mantenuto dagli sviluppatori su smartypins.withgoogle.com.

Il gioco sfrutta sempre le informazioni Google Maps per farti domande di diversa difficoltà, a cui si risponde posizionando un pin. I punti vengono raccolti sotto forma di “miglia” e, se sei in difficoltà, il gioco ti viene incontro con suggerimenti piuttosto spiritosi.

Avvincente, ma educativo, un buon modo per ripassare la geografia nel tempo libero!

4- T-Rex Run

Sei senza linea internet? Non ti arrabbiare! Google ha pensato di introdurre nel suo browser Chrome un piccolo gioco nascosto per scaricare la tensione e far passare un po’ di minuti in attesa del ritorno della linea.

Quando appare il tirannosauro che segnala l’assenza di linea, premi spazio e usa le frecce sulla tastiera per gettarti a capofitto in un videogioco molto semplice ma comunque divertente.

5- Zerg Rush

Un altro divertentissimo ma al contempo semplice gioco presente su Google Chrome è Zerg Rush. Si tratta a tutti gli effetti di un tributo a Starcraft, capolavoro della Blizzard e esponente di spicco del genere RTS. Per coloro che non hanno mai giocato a Starcraft, gli Zerg sono una razza di alieni simili a insetti.

Cerca sul motore di ricerca Zerg Rush a un’invasione di alieni da respingere: più riesci a sopravvivere più punti accumulerai.

6- Pac-Man

Non poteva mancare il tributo a una delle icone più importanti della storia dei videogiochi. In realtà, tutto è nato dalla celebrazione dei 30 anni di anniversario dalla nascita del celebre videogioco ma, da allora è comunque attivabile digitando su Google pacman.

Un tuffo nel passato per i nostalgici, un piacevole pezzo di storia videoludica per i più giovani. Semplicemente imperdibile!

7- Snake

Solo qualche anno fa, gli smartphone non erano avanzati come oggi e, il massimo di videogame presente su display era Snake.

Digitando su Google le parole Google Snake Game e selezionando il primo risultato, sarà possibile tornare a far “strisciare” il nostro caro e vecchio serpentone per lo schermo: una vera e propria chicca.

8- Breakout

L’ultimo gioco di cui voglio parlarti è vera e propria archeologia: Breakout è infatti un gioco arcade creato nell’ormai remoto 1972 da due “sconosciuti” Steve Wozniak e Steve Jobs.

Il giocatore controlla una sorta di sbarra che deve muovere per far rimbalzare una palla e abbattere dei muri di mattoncini.

Per accedere a questo classico, digita Atari Breakout nella Ricerca immagini di Google. Tutti i risultati della ricerca si trasformeranno in mattoni e, come per magia, ti ritroverai nel 1972.