Se sei un utente di Google Pixel 3, ti stai probabilmente godendo tutte le funzioni che il tuo dispositivo ti offre. Se però pensi di conoscere tutto su questo device in quanto padroneggi perfettamente Android, ti stai sbagliando: Google ha infatti aggiunto molte funzionalità esclusive nella sua ultima generazione di smartphone.

Google Pixel 3: uno smartphone tutto da scoprire

L’obiettivo di questa guida è proprio di mostrarti una rapida panoramica riguardo le novità che puoi sfruttare a tuo vantaggio su Pixel 3 rispetto agli altri modelli di smartphone Android.

Se nel frattempo sei ancora indeciso se acquistare o no un Google Pixel 3 o un Pixel 3 XL, dai un’occhiata alle specifiche tecniche che ti abbiamo già mostrato per poter prendere una decisione riguardo l’acquisto o meno.

App Shortcuts

C’è una nuova funzionalità di Android, chiamata App Shortcuts, che ti consente di passare direttamente a determinate azioni all’interno delle tue app, “bypassando” diversi tocchi. Basta premere a lungo l’icona dell’app nella schermata iniziale e verrà visualizzato un elenco di scorciatoie: toccane uno, quindi verrai indirizzato direttamente a quella azione specifica dell’app. Ad esempio, se premi a lungo l’app Maps e otterrai scorciatoie di navigazione preimpostate, senza dover fare troppi passaggi con l’applicazione aperta.

Nulla di rivoluzionario, vero? Però con gli ultimi device griffati Google è anche possibile portare queste scorciatoie “dirette” sulla schermata principale. Per fare ciò, basta premere a lungo un’icona, quindi premere a lungo una delle scorciatoie che appare sul popup che ne consegue. Da lì, trascina il collegamento in un punto vuoto della schermata Home e avrai un modo semplice per eseguire quell’azione in qualsiasi momento e senza dover fare troppi passaggi.

Scorri la barra spaziatrice per spostare il cursore

Pixel 3 usa Gboard come tastiera predefinita, il che significa che hai a disposizione una serie di fantastiche funzionalità spesso poco considerate. Una delle feature più utili è qualcosa che difficilmente si individua.

Basta infatti scorrere verso sinistra o destra sulla barra spaziatrice per spostare il cursore all’interno di un campo di testo: una feature piuttosto utile per chi scrive lunghi e complessi testi sul proprio dispositivo.

Un solo gesto per aprire la lista delle app

Android Pie offre agli utenti i nuovi controlli tramite gesti tra cui uno scorrimento verso l’alto che apre la schermata Overview (denominata anche App recenti). Da lì, se scorri di nuovo verso l’alto, aprirai la funzione che ti permette di aprire app mentre ne stai già facendo funzionare altre.

Ma ancora meglio, puoi saltare la schermata Overview e andare direttamente alla selezione delle app con un solo e semplice gesto. Scorri verso l’alto dal bordo inferiore dello schermo fino a circa metà altezza. Questo “long swipe” apre la lista delle app in un colpo solo, anche se stavi utilizzando un’altro programma.

google pixel 3

Silenziare una suoneria immediatamente

Se ti trovi in una riunione, o comunque in una situazione molto particolare, e ti accorgi di aver dimenticato di mettere a tacere il telefono, ora basta premere contemporaneamente i tasti del volume e quello di accensione accensione per far cessare la suoneria.

Questo renderà immediatamente muto il tuo telefono, attivando la vibrazione per le notifiche. Puoi cambiarlo premendo uno dei tasti del volume, quindi toccando l’interruttore nella parte superiore del menu del volume che appare sullo schermo.

Attiva rapidamente la modalità Non Disturbare

Riprendendo il discorso del trucco qui sopra, c’è un modo ancora più semplice per silenziare il telefono. Vai su Impostazioni e seleziona Digital Wellbeing, quindi scorri verso il basso, tocca Flip to Shhh e abilita la funzione nella schermata seguente. D’ora in poi, quando appoggerai il telefono sul suo viso, entrerà automaticamente in modalità Non disturbare (DND).

Rispondere alle chiamate facilmente

Quando si riceve una chiamata e il telefono è bloccato, viene visualizzata una schermata con il nome o il numero di chi sta chiamando, un paio di opzioni e un’icona del telefono verde in un cerchio (per rispondere alla chiamata). L’icona del telefono “vibra”e c’è un eloquente messaggio che dice Scorri verso l’alto per rispondere.

Invece di mirare direttamente sull’icona, ora puoi scorrere verso l’alto in qualsiasi punto della schermata per rispondere alla chiamata. Viceversa, puoi anche scorrere verso il basso da qualsiasi punto di questo schermo per rifiutare la chiamata.

Il Color Pop

Nell’app Fotocamera di Pixel 3, accanto alla modalità Camera standard, vi è la modalità Ritratto. Se si seleziona questa opzione, il telefono utilizzerà la fotocamera a doppio pixel per creare una mappa di profondità della scena che sta riprendendo, quindi utilizzarla per applicare un effetto sfocato sullo sfondo della foto.

Utilizzando questa feature è possibile scattare foto di persone, ponendo il soggetto su un piano diverso rispetto allo sfondo, donando allo scatto un effetto estremamente professionale con l’effetto Bokeh.

Quando visualizzi un’immagine in modalità Ritratto in Google Foto, avrai la possibilità di ridurre l’effetto Bokeh selezionando la miniatura a sinistra nella parte inferiore dell’immagine. Questo è abbastanza facile da individuare, ma c’è un’altra caratteristica interessante che ben pochi conoscono: basta toccare l’icona delle impostazioni in basso a sinistra per modificare la foto e quindi selezionare il filtro Color Pop. Questo utilizzerà i dati di profondità per trasformare far risaltare il soggetto in primo piano, trasformando lo sfondo in bianco e nero.

La funzione Top Shot

Uno degli spot principali per Pixel 3 negli Stati Uniti, pubblicizza una funzionalità chiamata Top Shot. Al di là del clamore commerciale, a cosa serve questa feature dal nome così accattivante? Grazie a essa è possibile “riprovare” a fare uno scatto, effettuandone un’altra giusto qualche frazione di secondo dopo. Per spiegarci meglio: hai presente quando fai una foto a qualcuno e questo sbatte le palpebre proprio in quel preciso momento? Con Top Shot potrai recuperare una sorta di “fotogramma postumo” per cogliere i suoi occhi completamente aperti.

Per provare questa funzione (non così facile da individuare) apri una delle tue foto in Google Foto e assicurati che si tratti di una foto contrassegnata con l’indicatore Movimento attivo nella parte superiore del display. Successivamente, scorri verso l’alto sull’immagine mentre la visualizzi (come se stessi scorrendo una pagina web). Questo rivelerà i dati EXIF, seguiti da una barra che dice Scatti in questa foto. Tocca Visualizza tutto, quindi utilizza la barra nella parte inferiore della schermata successiva per selezionare lo scatto migliore.

Naturalmente, questo si applica solo se l’app della fotocamera ha catturato il movimento con la foto. Per rendere questa impostazione predefinita, la fotocamera è impostata su Motion Auto, che fa un lavoro decente di catturare questi tipi di scatti quando c’è qualcosa che si muove nel fotogramma. Ma se vuoi assicurarti che tutte le tue foto abbiano questa funzionalità Top Shot, il consiglio è di toccare il cerchio con una A sovrapposta in cima all’app della fotocamera, quindi selezionare Motion On.

Luminosità adattiva

La Luminosità adattiva (Adaptive Brightness) è una delle funzioni più importanti che sono state implementate in Pixel 3.

Questa feature funziona come un ibrido di luminosità manuale e automatica. Lo schermo cambierà automaticamente la luminosità adattandosi al contesto, ma quando percepisci troppo buio o troppa luminosità nell’area che ti circonda, puoi comunque intervenire manualmente nelle regolazioni. Dopo averlo fatto alcune volte, il telefono imparerà i tuoi gusti riguardo la luminosità. La prossima volta che incontra una quantità di luce ambientale simile a quelle già registrate, si adatterà ai tuoi gusti sistemando i settaggi in base alla sua esperienza. Impressionante, vero?

Per provarlo, assicurati che la funzione sia abilitata, seguendo questa procedura:

  • Vai su Impostazioni
  • seleziona Visualizza
  • tocca Luminosità adattiva (assicurati che l’interruttore sia abilitato nella seguente schermata).

D’ora in poi, scorri verso il basso due volte dalla parte superiore dello schermo per espandere completamente il pannello Impostazioni rapide, quindi regola il cursore della luminosità a tuo piacimento. Dopo averlo fatto alcune volte, scoprirai che la luminosità scelta dal tuo telefono è sempre perfetta e il linea con i tuoi desideri.

Supporto tecnico 24/7

Il servizio clienti Google è il fiore all’occhiello di questo colosso e, con Pixel 3, questa caratteristica è stata ancora più enfatizzata. Con i nuovi dispositivi infatti è disponibile un pulsante di supporto tecnico integrato che puoi utilizzare 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Se hai problemi con il telefono, apri Impostazioni e scorri verso il basso. Seleziona Supporto e suggerimenti, quindi verrai indirizzato a una pagina in cui puoi cercare articoli per la risoluzione dei problemi più comuni. Se non riesci a trovare una soluzione al tuo problema, scorri fino alla fine della pagina e seleziona Chat per avere un contatto diretto con dei tecnici. Dopo aver verificato le tue informazioni, un tecnico di Google si metterà in contatto con te nel giro di pochi minuti.

Now Playing

Now Playing è una funzionalità già apparsa con Pixel 2, ma che con la nuova generazioni di smartphone ha ottenuto degli aggiornamenti interessanti. Questa feature usa l’intelligenza artificiale per riconoscere le canzoni tramite microfono, un po’ come fa la celebre app Shazam. Poiché il riconoscimento avviene sul telefono stesso, nessuna registrazione audio viene inviata a Google: ciò viene però bilanciato da un ristretto numeri di brani che possono essere riconosciuti, ovvero “solo” 20.000 titoli.

Per assicurarti che Now Playing sia abilitato, vai su Impostazioni e seleziona il menu Suono, quindi scorri verso il basso e tocca In riproduzione. Per risultati ottimali, attiva Mostra brani nella schermata di blocco, quindi tocca Notifiche e attiva l’opzione nella pagina seguente. Mentre ti trovi in ​​questo menu, prendi nota della voce di menu Now Playing Cronologia, poiché in questa sezione in futuro verrà mostrato un elenco di tutte le canzoni riconosciute dal tuo telefono in passato.

D’ora in poi, quando una canzone viene riprodotta intorno a te, vedrai il nome dell’artista e il titolo della traccia sulla schermata di blocco in automatico. Se stai utilizzando il telefono mentre è in esecuzione una canzone, riceverai una notifica più discreta: puoi scorrere verso il basso su questa notifica per espanderla e visualizzare ulteriori dettagli su di essa.

Overview e il riconoscimento ottico dei caratteri

La rinnovata schermata Overview che ospita le app utilizzate di recente ora dispone delle capacità di riconoscimento ottico dei caratteri (OCR). Per provarlo, scorri verso l’alto per accedere alla visualizzazione multitasking, quindi premi a lungo sul testo in questione presente in Overview.

Ciò consente di copiare, cercare e condividere come se fosse un normale campo di testo, e risulta particolarmente utile quando si vuole copiare il testo da un’app che non ne consente la selezione.

Effetti speciali su Ambient Display

Terminiamo questa lista con una piccola chicca che in pochi conoscono. Se utilizzi uno degli sfondi live di Google come background sul tuo smartphone, è possibile aggiungervi degli effetti speciali grazie alla funzione Ambient Display.

In particolare, se si preme a lungo qualsiasi spazio vuoto sulla schermata iniziale e si sceglie Sfondi, sarò possibile aggiungere effetti che “vivacizzano” il tuo background (tieni sempre presente che queste aggiunte, seppur esteticamente piacevoli, possono pesare sui consumi energetici del device).