Con Windows 10, Microsoft ha puntato su un look differente e più in linea con le ultime tendenze e su funzioni all’avanguardia che nel complesso garantiscono maggiore fluidità. Ci sono, però, alcuni aspetti da approfondire meglio per ciò che concerne la privacy e i dati sensibili di chi effettua l’installazione dell’ultimo sistema operativo del “Colosso di Redmond”.

privacy Windows 10 dati sensibili

Windows 10, un sistema operativo tutto diverso rispetto a come lo intendeva l’utente medio

Con Windows 10, la filosofia di Microsoft non si discosta più di tanto da quella dei che seguono le case produttrici, vale a dire che, per assicurare una migliore esperienza utente, le stesse necessitano di dati reali sulle abitudini, sugli interessi sui pareri degli utenti.

Di conseguenza, sapere come proteggere privacy e dati sensibili su Windows 10 diventa di vitale importanza.

Windows 10 come proteggere privacy e dati sensibili

Per l’occasione, vi segnaliamo le operazioni da seguire.

  • Seguite il percorso “Impostazioni” > “Privacy” > “Generali
  • Da lì disabilitate le tre opzioni. I vari flag devono passare dal colore blu al colore grigio
  • In riferimento alla voce “Permetti ai siti internet di accedere all’elenco delle lingue per fornire contenuti rilevanti per la mia area geografica”, vi suggeriamo di tenerla attiva per il semplice motivo che serve ad indicizzare le ricerche che non vengono fatte in inglese
  • Seguite il percorso “Impostazioni” > “Privacy” > “Posizione”: cliccate su “Modifica” e disabilitate tutti i servizi di posizione. In questo modo, qualora utilizziate laptop o tablet su cui è attivato il GPS, non invierete né la posizione né tanto meno altri dati sensibili
  • Seguite il percorso “Impostazioni” > “Privacy” > “Riconoscimento vocale input penna e digitazione”: cliccate prima su “Interrompi su di me” e poi su “Disattiva
  • All’interno del sotto menù “Feedback e diagnostica”, accessibile seguendo il percorso “Impostazioni” > “Privacy”, selezionate “Mai” alla voce “Windows deve richiedere il mio feedback” e poi “Invia i dati sul dispositivo a Microsoft”. Grazie a questo passaggio, molte informazioni inviate di norma dai dispositivi mobili al database di Microsoft verranno eliminate.
  • Sempre in riferimento a come proteggere privacy e dati sensibili su Windows 10, vi sono altri accorgimenti da tenere in considerazione.
  • Seguite il percorso “Impostazioni” > “Aggiornamento e sicurezza” > “Windows Update” > ”Opzioni Avanzate”: cliccate su “Scegli come ricapitolare gli aggiornamenti” e disabilitate  gli aggiornamenti da più posizioni
  • Entrate all’interno del sotto menù “Windows Defender” e disabilitate le impostazioni cloud based
  • Se lo reputate opportuno, Windows 10 vi consente anche di settare la privacy su Cortana. Mettete in “No” sia “Esegui la ricerca online e includi i risultati web” che “Cortana può offrirti suggerimenti, idee, promemoria, avvisi e altro ancora”.

Agendo in questo modo, la vostra privacy sarà garantita.